UN MESE DI FERIE PER IL PARLAMENTO, SOLO 2 SETTIMANE PER IL GOVERNO. IL CALENDARIO DELLA RIPRESA POLITICA

UN MESE DI FERIE PER IL PARLAMENTO, SOLO 2 SETTIMANE PER IL GOVERNO. IL CALENDARIO DELLA RIPRESA POLITICA

I palazzi della politica, Montecitorio e Palazzo Madama hanno chiuso il primo venerdì di agosto. Al Senato i lavori riprenderanno martedì 7 settembre. Tra i primi provvedimenti da approvare al Senato c’è la riforma del processo penale, firmata dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia. Montecitorio riaprirà i battenti lunedì 6 settembre, all’ordine del giorno della prima seduta ci sarà il decreto Green Pass

di REDAZIONE POLITICA

Arrivano le ferie con il mese di agosto  anche per il Parlamento e il governo. I palazzi istituzionali hanno chiuso il primo venerdì di agosto, dopo aver licenziato il decreto sullo stop alle grandi navi nella laguna di Venezia. Un mese di vacanza per deputati e senatori, soltanto due settimane invece per ministri e presidente del Consiglio. I senatori riprenderanno il lavoro martedì 7 settembre, quando nel pomeriggio tornerà a riunirsi l’Aula. Nello stesso giorno è convocata la Conferenza dei capigruppo per stabilire il calendario dei lavori di settembre. Le commissioni permanenti di palazzo Madama ripartiranno invece il 30 agosto.

L’aula parlamentare del Senato della Repubblica

La Camera dei deputati ha terminato i lavori nella tarda serata del 5 agosto, con l’approvazione al decreto sulla Pubblica Amministrazione , il cosiddetto ‘decreto reclutamento‘. Montecitorio invece riaprirà i battenti lunedì 6 settembre, quando si riunirà l’Aula. Per ministri e premier, invece, le vacanze saranno di due settimane. L’ultimo provvedimento prima della pausa estiva – il decreto sull’obbligo Green pass – è stato approvato nella sera del 5 agosto dal Consiglio dei ministri. Palazzo Chigi riaprirà il 23 agosto.

L’aula parlamentare della Camera dei Deputati

Per quanto riguarda la durata delle ferie parlamentaril’estate 2021 non fa registrare record di lunghezza né di brevità, rientrando nella media degli ultimi anni. Fece eccezione la scorsa estate, quando a causa dell’ emergenza Covid i lavori parlamentari si fermarono per tre settimane. Un capitolo a parte anche per l’estate del 2019, quando le ferie dei parlamentari sono state interrotte dalla crisi del primo governo Conte a metà agosto. Ad aggiudicarsi il record di lunghezza delle ferie negli ultimi anni è stata l’estate del 2017, con 40 giorni di vacanza per deputati e senatori. I parlamentari partirono per le ferie il 3 agosto e si ripresentarono al lavoro il 12 settembre.

l’aula del Parlamento Europeo

Anche in Europa Camera e Senato italiani sono nella media della durata delle ferie. Nel 2021 il Parlamento Europeo ha previsto la sospensione dei lavori dell’Aula per la pausa estiva da fine luglio al 29 agosto. In Francia, la sospensione dei lavori per il Parlamento è prevista nel periodo luglio-agosto-settembre. L’ultimo provvedimento quest’anno è stata l’approvazione a luglio dell’obbligo del pass sanitario per accedere a strutture e servizi. La ripresa dei lavori è prevista per il 20 settembre.

Per quanto riguarda la Germania, il Bundestag ha deciso di sospendere i lavori parlamentari dal 28 giugno al 6 settembre. Dopo una seduta calendarizzata per il 7 settembre, non sono previste ulteriori riunioni prima delle elezioni generali che si saranno il 26 settembre. La Camera dei Comuni del Regno Unito ha stabilito che la sospensione estiva dell’attività andrà dal 22 luglio al 6 settembre. Il nuovo anno inizierà con la cerimonia e con il Queen’s Speech che definisce l’agenda del governo

nella foto il premier Mario Draghi

A fissare la durata delle ferie è stato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, il quale prima di andare in vacanza ha voluto salutare i giornalisti, anticipando loro i temi all’ordine del giorno dell’agenda di governo per fine agosto-inizi settembre. Sottolineando il buon lavoro fatto, Draghi ha osservato: “Ci avviamo tutti a prenderci queste due settimane di vacanza, ma tra due settimane ci vuole la stessa determinazione per affrontare le sfide e le risposte da dare a problemi urgenti”

Tra i primi provvedimenti da approvare al Senato c’è la riforma del processo penale, firmata dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia e voluta dal governo Draghi. Dopo che il provvedimento ha incassato la fiducia a Montecitorio, il testo è passato al Senato.

Alla Camera all’ordine del giorno della prima seduta ci sarà il primo decreto Green Pass, nel cui testo potrebbero confluire anche le norme del secondo decreto sull’obbligo della certificazione verde. Anche alla Camera le commissioni permanenti riprenderanno l’attività una settimana prima, il 30 agosto.

Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?
La nostra mail è: ilcorrieredelgiorno@gmail.com