MENU
11 Agosto 2022 12:50
11 Agosto 2022 12:50

Ultimi sondaggi elettorali: Lega di nuovo in crescita, stabili M5s e Pd

Secondo una rilevazione dei sondaggisti di Emg Aqua effettuata per la RAI le intenzioni di voto segnalano una risalita del Carroccio. Stabili il Movimento Cinque Stelle ed i partiti dell’opposizione al Governo gialloverde

ROMA – La  Lega di Matteo Salvini dopo aver perso terreno nelle ultime settimane a causa delle continue liti all’interno del governo gialloverde, ha recuperato i punti persi e si piazza saldamente al primo posto, complice anche le notizie confortanti sul fronte economico, con l’uscita dell’Italia dalla recessione. Secondo un sondaggio Emg Aqua presentato oggi ad Agorà su Raitre, il programma giornalistico condotto da Serena Bortone,  la Lega se si votasse oggi  sarebbe il primo partito, seguito dal Movimento Cinque Stelle.

Il 32,2% degli intervistati ha risposto che sceglierebbe il partito guidato da Salvini (in crescita dello 0,9% rispetto alla settimana scorsa), mentre il 22,9% ha risposto che voterebbe per il M5s , peraltro percentuale in discesa dello 0,2% rispetto alla rilevazione di una settimana fa). Il Pd rimane più o meno stabile ancorato al 21,9% delle preferenze, Forza Italia raggiunge 10,1%, Fratelli d’Italia sale al  5,1%. Più Europa arriverebbe al 3%, La Sinistra al 2,5%.  Inoltre il 43% degli elettori, fornisce  un giudizio positivo sul governo, stabile rispetto alla settimana scorsa. Negativo invece il giudizio per il 35% dell’elettorato. In particolare il giudizio positivo sale all’89% fra gli elettori  cinquestelle e al 69% fra quelli della Lega. Consenso anche fra gli elettori di Forza Italia: il 55% esprime un giudizio positivo. L’11% degli elettori del Pd si esprimono positivamente su questo governo, mentre l’85% esprime un giudizio negativo.

Quanto agli scenari politici interni successivi al voto europeo, il 48% pensa che M5S e Lega torneranno a governare insieme. Per il 23% invece si divideranno e si tornerà al voto. Per il 22% si divideranno e si formerà un nuovo governo con una maggioranza diversa. Il 35% degli intervistati  all’uscita dalla recessione dell’Italia, pensa che sia merito del “sistema Paese“. Per il 26% invece è merito della “congiuntura internazionale“. Soltanto per il 9% del governo mentre il 30% degli intervistati preferisce non rispondere.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Sondaggi elettorali: il centrodestra in netto vantaggio
La sede del quotidiano La Stampa imbrattata con scritte "no war" e "no vax"
Meloni, l'outsider in corsa per Palazzo Chigi
Caos procure: Palamara "ho dato mandato ai legali per querelare il Fatto Quotidiano per diffamazione"
M5s: “Nessuna deroga sul tetto dei due mandati”. Nuovi disoccupati in arrivo !
Archivi
Trump si rifiuta di risponde alle domande sull'inchiesta a suo carico per frode fiscale
Le novità di WhatsApp: si possono cancellare i messaggi fino a due giorni dopo l'invio, uscita in incognito dai gruppi, status nascosto e blocco degli screenshot
"La Sirena delle Azzorre" in edicola il nuovo romanzo di Giovanni Valentini
Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Bloccato l’aggressore che ha violentato due turiste francesi a Bari

Cerca nel sito