MENU
15 Giugno 2024 03:44
15 Giugno 2024 03:44

Ultimatum dall’Authority a TCT sul Porto di Taranto. Qualcuno finalmente si è deciso…

L’Autorità Portuale di Taranto finalmente si è decisa a farsi rispettare dalla società TCT (Taranto Container Terminal) i cui  azionisti Hutchinson, Evergreen e gruppo Maneschi hanno concordato di mettere in liquidazione lo scorso 12 giugno. Quindi o entro venerdì prossimo i tre liquidatori incaricati, tutti professionisti dello studio Pirola, daranno riscontro sull’eventuale  disponibilità della società a restituire volontariamente all’Authority la concessione ricevuta agli inizi degli anni 2000 dell’infrastruttura portuale, oppure verrà intrapresa l’azione revocatoria.

L’attuale presidente dell’Authority, Sergio Prete, il cui mandato è scaduto,  ha già incontrato nei giorni scorsi due dei tre liquidatori, i quali però a loro volta attendono direttive dagli azionisti sul caso in questione.  La presidenza del Consiglio, attraverso il sottosegretario Claudio De Vincenti, ha detto chiaramente in occasione degli incontri a Palazzo Chigi del 3 e del 17 giugno scorsi, che, Tct  a fronte della liquidazione della società e del disimpegno dal porto di Taranto, deve restituire subito la concessione.

CdG porto_di_taranto

Allo stato dei fatti, l’Autorità portuale, in questo momento, ha tutto l’ interesse a concludere il rapporto con TCT  senza tralasciare l’ aspetto fondamentale per il Governo, in quanto la cassa integrazione per 540 lavoratori  è scaduta il 28 maggio ed attualmente è stata aperta la procedura di mobilità ed evitare possibili (se non certi) strascichi legali-giudiziari in maniera tale che il terminal possa immediatamente essere rimesso sul mercato e quindi affidato ad una nuova società . Anche perché gli investimenti stanno andando avanti: ad esempio sono stati appaltati al Consorzio 4It Construction di Genova altri lavori sulla radice del molo polisettoriale, dove è appunto il terminal, per un importo di poco superiore ai 7 milioni di euro, ed ha aggiudicato al raggruppamento temporaneo di imprese tra Christian Color, Cardinale e Antonacci Termoidraulica i lavori per la costruzione del Centro Servizi Polivalente per usi portuali al Molo San Cataldo, per un importo pari ad oltre 6,6 milioni di euro.

I lavori appaltati dovrebbero concludersi nel giro di un anno e hanno seguito una procedura accelerata. Questo è il terzo intervento messo in cantiere per l’area del terminal dopo banchina e dragaggi dei fondali che sono in corso. Resta al momento da appaltare la diga foranea, per la quale il progetto è in fase di adeguamento alle prescrizioni del Ministero dell’Ambiente. I maggiori oneri derivati dalle prescrizioni ambientali  saranno a carico dell’Authority (cioè dello Stato) e non incideranno sul complesso economico dell’opera.

Palazzo Chigi non resta al contrario dell’ Authority tarantina con le mani in mano, e sono stati avviati contatti, attualmente in corso con Msc, Cma Cgm e sembrerebbe anche con un gruppo arabo. Si è però in una fase iniziale e pare improbabile se non impossibile che possa essere effettuato un subentro da parte di una nuova società a TCT, motivazione che al momento  è oggetto di approfondimento giuridico.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Imu, ecco per chi sarà più caro il conto finale
Le "fake news" di Briatore. Dichiara che il Twiga paga 3 milioni di tasse ed invece sono 165mila euro! I dipendenti? Solo 53 e non 150
L' "indiana" Morselli ed il "fido" Ponzio dopo i loro disastri nell' ex-Ilva pretendono anche 8milioni di euro !
Il Messaggero, via il direttore Barbano: alla guida arriva Boffo. Alla Gazzetta del Mezzogiorno invece gli editori non hanno lo stesso coraggio: tanto paga lo Stato !
Bollette luce e gas: l’Antitrust avvia azione nei confronti di 13 società energetiche
L’Antitrust sanziona il cartello di 14 aziende nella navalmeccanica all’Arsenale di Taranto.
Cerca
Archivi
Il Papa: "Nessuna macchina tolga la vita umana". La premier Meloni: "Le sue parole sono d'ispirazione per tutti"
Sguardi gelidi e il baciamano fra Macron e la Meloni : lo smacco francese senza precedenti
Il video del presunto stupro di gruppo nella villa di Beppe Grillo proiettato in aula. "La studentessa non era partecipe del rapporto"
Elezioni Comunali Lecce, completato lo scrutinio delle ultime sezioni: ballottaggio Poli Bortone-Salvemini
Prostituzione a Bari, a giudizio immediato le “Squad girls” e altre tre persone

Cerca nel sito