Uiltrasporti: “non è possibile rimandare le Autorità di Sistema Portuale”

Uiltrasporti: “non è possibile rimandare le Autorità di Sistema Portuale”

“Non è possibile lasciare impregiudicate situazioni che necessariamente vanno cambiate e dall’altra configurare alibi per non fare i necessari investimenti”

 

CdG Claudio Tarlazzi UILSe il Ministro Delrio scegliesse di accettare l’opzione di deroga richiesta da alcune Regioni di rinviare gli accorpamenti dei porti nelle nuove Autorità di sistema portuale, gli scenari concatenati potrebbero essere solo 2” – afferma con una nota Claudio Tarlazzi Segretario Generale nazionale della Uiltrasporti, nella foto a sinistra che spiega – “Il primo riguarderebbe il mantenimento delle diseconomie determinate dai localismi, che in questi anni hanno ampiamente dimostrato di non sostenere lo sviluppo del Paese, che, invece, ha bisogno più che mai di integrare i porti con i territori e le altre modalità di trasporto e di realizzare opere che assumono valore in un contesto di esigenza nazionale”.

CdG delrioIl secondo scenario” – continua Tarlazzi – “sarebbe l’assenza di sviluppo di pezzi importanti della portualità del paese con gravi ripercussioni sull’economia nazionale, per il non finanziamento delle opere, penalità questa prevista per quei porti che decidono di astenersi dal partecipare alla riforma nazionale.  Da una parte lasciare impregiudicate situazioni che necessariamente vanno cambiate e dall’altra configurare alibi per non fare i necessari investimenti. Questo non è possibile!”.

Al netto dell’importante introduzione nei porti dello sportello doganale e di quello amministrativo” – aggiunge Tarlazzi – “verrebbe meno un pilastro fondamentale della riforma. Si era partiti di fatto per cambiar tutto, ma si finirebbe per non cambiare nulla, o quasi” – conclude il Segretario della Uiltrasporti.

Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?