MENU
6 Ottobre 2022 00:23
6 Ottobre 2022 00:23

procuratore aggiunto Maurizio Carbone

Puglia |
Una vicenda venuta a galla grazie ai servizi di Striscia la Notizia e del CORRIERE DEL GIORNO, che hanno rivelato tutti i retroscena e le menzogne di Mazzarano. Nel marzo 2018 Pastore aveva consegnato all’inviato Pinuccio del noto programma “Striscia la Notizia”, il telegionale satirico di Antonio Ricci, tutti gli audio delle registrazioni che aveva registrato durante gli incontri con Mazzarano
27 Maggio 2021
Ecco l’avviso di conclusione d’indagine del secondo troncone dell’inchiesta T-Rex della Guardia di Finanza che hanno portato in carcere l’ex-presidente della Provincia di Taranto Martino Tamburrano ed altre 6 persone. E questa volta esce finalmente fuori il nome della “gola profonda” che contribuì al tentativo di danneggiare le indagini della Guardia di Finanza: l’ imprenditore Antonio Albanese, “patron” della CISA spa di Massafra
10 Settembre 2020
Indagati alcuni imprenditori, il contrammiraglio Cristiano Nervi, un altro ufficiale e due dipendenti civili della Marina: accusati a vario titolo di associazione per delinquere, corruzione e furto aggravato, turbata libertà degli incanti. ALL’ INTERNO TUTTI I NOMI DELLE PERSONE COINVOLTE NELL’INDAGINE
21 Febbraio 2020
L’intervento delle Fiamme Gialle è stato disposto Procura della repubblica di Taranto nell’ambito dell’inchiesta gestita direttamente dal procuratore capo Capristo affiancato dall’aggiunto Carbone ed dal pm Mariano Buccoliero, avviata dopo l’esposto presentato dai commissari dell’ex Ilva
19 Novembre 2019
Capristo  avrebbe legittimamente le carte in regola non solo professionalmente, ma anche “tecnicamente” per partecipare all’assegnazione della procura, in quanto a marzo 2020 finiscono i suoi primi quattro anni al vertice della procura tarantina e quindi il magistrato barese  avrebbe il diritto di poter chiedere il trasferimento in una procura più grande e sicuramente più prestigiosa.
31 Agosto 2019
A seguito della richiesta di giudizio immediato cautelare chiesto ed ottenuto dalla Procura il Gip Vilma Gilli del Tribunale di Taranto ha fissato l’udienza per il processo a Tamburrano, Lonoce, Natile e Venuti . Nel frattempo proseguono senza sosta le indagini della Guardia di Finanza coordinata della procura per altri filoni dell’inchiesta che riguardano altri ipotesi di reato, che da mesi non lasciano dormire tranquillamente alcuni politici e faccendieri locali che erano in contatto e facevano affari con la “cricca” capeggiata da Tamburrano. .
12 Agosto 2019
Proseguono invece le indagini per gli altri indagati Rosalba Lonoce (figlia di Pasquale), l’ingegnere Federico Cangialosi ex presidente dell’ Amiu di Taranto , e Mimmo Natuzzi  direttore tecnico dell’Amiu, e nei confronti di Antonio Albanese, presidente del Gruppo CISA di Massafra, che rivelò alla “cricca” attraverso il Venuti  che venivano intercettati dalla Guardia di Finanza.. I reati contestati sono, a vario titolo, corruzione e turbata libertà degli incanti.
25 Luglio 2019
Analoga decisione è arrivata dal Tribunale del Riesame di Taranto , collegio presieduto dal Giudice Giovanni Caroli, che ha ha rigettato il ricorso avanzato dagli avvocati dell’imprenditore Natalino Venuti. accusato  di “concorso in corruzione” unitamente a Martino Tamburrano, l’imprenditore Pasquale Lonoce, Lorenzo Natile all’epoca dei fatti responsabile del 4° settore Pianificazione e Ambiente della Provincia di Taranto
19 Giugno 2019
L’esposto di Vito Marinelli dirigente del CTP Taranto aveva attivato l’ apertura di un fascicolo in procura affidato all’attuale procuratore aggiunto Maurizio Carbone e la conseguente attività investigativa delegata alle forze dell’ordine mediante l’ acquisizione della documentazione relativa alle forniture, nelle quali gli investigatori hanno scoperto alcune anomalie
19 Aprile 2019
I finanzieri hanno identificato dei dipendenti pubblici che si erano allontanati senza alcuna giustificazione praticamente tutti i giorni, mentre per alcuni indagati la contestazione invece riguarderebbe una paio di  giornate. Secondo il procuratore aggiunto Carbone alcuni degli indagati avrebbero falsificato persino gli orari di uscita
9 Aprile 2019
Il Tribunale del Riesame, invece ha confermato il quadro accusatorio impiantato dalla Procura di Taranto sulla base delle investigazioni della Guardia di Finanza non è stato dello stesso avviso, smontando di fatto le tesi della difesa di Cangelosi. Accolto il ricorso patrocinato dagli avvocati Michele Laforgia del Foro di Bari e Mauro Petrarulo difensori di Rosalba Lonoce.
6 Aprile 2019
La parte sana della città di Taranto, moltissimi nostri lettori, le Autorità nazionali e locali, i vertici nazionali, regionali e provinciali delle Forze dell’ Ordine, l’ Ordine dei Giornalisti di Roma si sono stretti intorno al nostro direttore Antonello de Gennaro manifestandogli la propria solidarietà.
7 Dicembre 2018
Secondo le prime ipotesi degli investigatori, l’appuntato dei Carabinieri Pesare avrebbe agito durante una violenta lite familiare legata, a questioni patrimoniali, pare ad una successione. Il carabiniere autore della strage, è strato arrestato e si trova attualmente ricoverato presso il reparto maxillofacciale  del Policlinico di Bari con prognosi riservata.
18 Novembre 2017

Cerca nel sito