MENU
18 Agosto 2022 19:31
18 Agosto 2022 19:31

Anonymous

Internet | Tecnologia |
Il gruppo di Anonymous come spesso è accaduto in passato, ha deciso di fare giustizia in autonomia, attaccando e colpendo la multinazionale svizzera dell’alimentare con le sue armi più consuete, cioè le incursioni hacker. Una mossa giusta o sbagliata che sia, segue la decisione chiara e pubblica del collettivo di dichiarare guerra alla Russia, estendendola a tutti quelli che non si schierano contro l’attacco di Putin all’Ucraina. 
22 Marzo 2022
Sono 85 i bambini uccisi e quasi 100 quelli feriti nell’invasione della Russia in Ucraina. Lo ha reso noto l’ufficio del procuratore generale su Telegram. La maggior parte delle vittime sono state registrate a Kiev, Kharkiv, Donetsk, Sumy, Kherson, Mykolaiv e nella regione di Zhytomyr.
13 Marzo 2022
L’operazione dovrebbe avvenire entro l’11 marzo. L’account di Nexta tv pubblica due pagine di documenti in russo e spiega che tutti i server e i domini devono essere trasferiti nella zona russa, inoltre si stanno raccogliendo dati dettagliati sull’infrastruttura di rete dei siti. Guerra, gli hacker di Anonymous attaccano la Russia. L’ufficialità della cyber war è successivo a una serie di tweet
7 Marzo 2022
L’ufficialità dell’azione da parte del collettivo su Twitter è arrivata in tarda serata, dopo diversi tentativi da parte dei tecnici di russi di correre ai ripari. Questa mattina, precisamente alle 5 ora italiana, un altro post ha confermato il crollo di molti siti del governo.
26 Febbraio 2022
I due indagati hanno ammesso le loro responsabilità sull’avvio di una serie di azioni dimostrative dirette verso siti di area governativa e politici in generale. La perquisizione effettuata oggi ha portato al sequestro di copioso materiale informatico .
25 Novembre 2016
Tutto il peggio della carta stampata, televisioni e web sulla vita pubblica
16 Aprile 2016
Fondamentalmente funziona come Facebook. Ma le logiche che ci stanno dietro sono del tutto diverse. E’ Minds.com piattaforma social sviluppata e implementata dal collettivo di hacktvist Anonymous. Obiettivo, evitare che le conversazioni in chat siano “intercettabili” e che la posizione dei post in bacheca sia determinata da logiche commerciali.
24 Giugno 2015

Cerca nel sito