MENU
24 Febbraio 2024 16:51
24 Febbraio 2024 16:51

Sequestrati beni per oltre 5 milioni di euro dalla Guardia di Finanza

Eseguito dalle Fiamme Gialle di Taranto un decreto di sequestro disposto dal Tribunale di Taranto, a carico di due imprenditori martinesi arrestati per usura dalla Guardia di Finanza lo scorso luglio

Militari del Comando Provinciale di Taranto hanno eseguito oggi un decreto di sequestro anticipato di beni, disposto dal Tribunale di Taranto in accoglimento della richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica, nei confronti di due imprenditori martinesi il 78enne Leonardantonio e suo figlio Giancarlo Calabretto 36 anni. Sono stati sequestrati 11 fabbricati, 20 appezzamenti di terreno, 3 complessi aziendali, 55 automezzi e rapporti finanziari con saldi contabili attivi per un valore complessivo di circa 5 milioni e 200 mila euro. Per taluni beni l’attività di sequestro è stata eseguita in Emilia Romagna ed in Calabria, in collaborazione con le Fiamme Gialle di quei territori.

Schermata 2015-02-23 alle 14.30.19

I due Calabretto erano stati arrestati nel luglio del decorso anno 2014, all’esito di indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Taranto e Martina Franca, anche con attività tecniche di intercettazioni telefoniche, tramite le quali sono state accertate a carico degli imprenditori medesimi condotte illecite di usura ed estorsione con minacce, con l’applicazione di tassi annui di interessi usurari fino al 470%. In  occasione dell’arresto, i finanzieri avevano effettuato nei loro confronti il sequestro preventivo di beni e disponibilità per un totale di 131 mila euro, che era parametrato ai profitti del reato di usura.

Le indagini patrimoniali effettuate hanno interessato i citati responsabili ed i loro nuclei familiari,  hanno quindi consentito di appurare la netta sproporzione tra i beni riconducibili alle persone medesime ed i redditi che venovano dichiarati, con la conseguente adozione da parte del Tribunale di Taranto del provvedimento odierno di sequestro.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Indagati i vertici di Edenred Italia. Truffa sui buoni pasto: sequestrati 20 milioni di euro
Padova, ex Iena Gip indagata con i genitori: soldi sottratti ad anziana
La procura chiede la condanna a 6 mesi per ex consigliere M5S Mario Conca per la diffamazione nei confronti del governatore Emiliano
Trani, evadono due detenuti: uno bloccato a Barletta
Giuseppe Carrieri nuovo preside della facoltà di Medicina dell' Università di Foggia
Vittorio Cecchi Gori ricoverato in terapia intensiva
Cerca
Archivi
All'insegna dell'instabilità l'ultimo weekend di febbraio
Il G7 si riunisce nell'anniversario dell'invasione russa in Ucraina
Mattarella: «Solidarietà. Intollerabile serie di manifestazioni di violenza".​ A Roma durante corteo bruciato un manichino della Meloni.
Il Forum in Masseria: Bruno Vespa porta i ministri alle Terme di Saturnia
Il calciatore Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo per stupro

Cerca nel sito