MENU
30 Novembre 2022 00:40
30 Novembre 2022 00:40

Scontrino in pizzeria: «Mi raccomando so’ ricchioni». Il cameriere perde il posto !

Meno di un mese fa, e cioè il 29 luglio scorso in una pizzeria contrada Cazzizzi a Maruggio (Taranto), a pochi chilometri da Manduria e Campomarino, in provincia di Taranto, è successo qualcosa di incredibile. Un cameriere mentre prendeva le ordinazioni da un gruppo di quattro ragazzi (uno dei quali di Latiano, in provincia di Brindisi) e per distrazione – sotto un tipo di pizza affumanicata con porcini, ha scritto questa nota, «Mi raccomando sò ricchioni», ma purtroppo alla fine della cena l’indicazione è finita stampata sul conto !

La notizia è stata data dal sito di informazione Brindisioggi che ha pubblicato anche la foto dello conto riportanti il commento. A vivere questa vicenda è stato un un gruppo di ragazzi omosessuali. Uno di loro – secondo quanto pubblicato da Brindisioggi.it – avrebbe poi chiesto spiegazioni al titolare del locale il quale si è scusato, senza però poter giustificare sul momento le ragioni per le quali il proprio dipendente avesse compiuto quel gesto. L’ordinazione era stata presa da uno dei camerieri con un computer palmare.

I ragazzi non contenti delle giustificazioni del ristoratore hanno quindi consegnato  lo scontrino alla redazione del giornale locale.  Inizialmente non volevamo credere ai nostri occhi – ha raccontato uno dei ragazzi offesi – il proprietario del locale è rimasto senza parole, ci ha chiesto scusa anche a nome del cameriere. Il giorno successivo ci ha contattati per farci nuovamente le scuse e dicendoci che aveva allontanato dalla pizzeria il cameriere che aveva scritto la frase offensiva. Noi però in quel locale non ci ritorneremo più”.

 “E’ stato un errore, uno scherzo tra il cameriere e il pizzaiolo, un commento trascritto per errore sullo scontrino. Chi ci conosce sa bene che il nostro è un locale che accoglie tutti, tantissimi tipi di gente senza alcuna discriminazione”. ha dichiarato il il titolare della pizzeria di Maruggio (Taranto) sul cui conto è stata stampata una scritta apparentemente omofoba rivolta ai quattro clienti omosessuali. Per loro le scuse immediate del titolare, ribadite anche  il giorno successivo via mail e per sms. “Non è proprio nel nostro costume utilizzare espressioni e modi di questo tipo”, ha raccontato il titolare che riconoscendo la scorrettezza di quanto accaduto,  cercando di minimizzare l’accaduto ma nello stesso tempo ha difeso fermamente la correttezza e professionalità  del suo personale della pizzeria . Come ?  Il cameriere responsabile dell’errore è stato licenziato  dopo l’inconveniente.

 



L’imbarazzante episodio sembrava risolto, invece è divenuto un caso quando il testo dello scontrino è stato pubblicato anche su quotidiani nazionali. Il rammarico del titolare era già stato direttamente espresso ai diretti interessati, ora non può che essere ribadito: “Il cameriere ha perso il lavoro, abbiamo preso le distanze. Ora non sappiamo che altro poter fare in più”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
L'anticipazione del libro "Il mostro"di Matteo Renzi: "La vera storia del veto di Letta su di me".
Mattarella a Palermo per la cerimonia di intitolazione dell'aula bunker ai giudici Falcone e Borsellino
Governo Meloni: "Data una risposta immediata sul caro-bollette"
"Monnezzopoli". L'imbarazzante silenzio della Gazzetta del Mezzogiorno sui processi del proprio co-editore Antonio Albanese imprenditore dei rifiuti
Leon Panetta ex capo della CIA: "Chi parla delle sanzioni come Salvini è stato influenzato da Mosca"
Archivi
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Ischia: la memoria smarrita di Giuseppe Conte

Cerca nel sito