MENU
13 Agosto 2022 14:11
13 Agosto 2022 14:11

Roma. Ecco come la Muraro incassò 22.000 euro da Cerroni nei giorni della nomina ad assessore

Un incarico di consulenza all' "assessora" neo-grillina da un'azienda accusata di mafia

CdG assegnoUn assegno di ventiduemila euro per Paola Muraro, è stato staccato a fine giugno dalla Gesenu di cui è socio il re delle discariche Manlio Cerroni, proprio nei giorni in cui avveniva la nomina ad assessore. Il compenso è per una relazione che porta la firma della Muraro per cercare di dimostrare come la società di Perugia, attualmente commissariata per mafia ed attualmente sotto processo, non avrebbe macchie. La relazione della Muraro dovrebbe essere pronto a giorni, ed attesa dalla Gesenu  a carico della quale le accuse sono pesantissime e su quegli illeciti ci sono in ballo, secondo l’impianto accusatorio, vi sarebbero  “interessi diretti della mafia siciliana“.

CdG CC NoeNuove acquisizioni di documenti sono state effettuate ieri mattina dai carabinieri del Noe dei Carabinieri nell’ambito di uno dei filoni della maxinchiesta della Procura di Roma sullo smaltimento dei rifiuti e che vede indagata l’assessore all’Ambiente, Paola Muraro. I militari  sono stati in una sede dell’ Ama da cui hanno portato via materiale riguardante il sito di smaltimento di Rocca Cencia ed in particolare del tritovagliatore.

Questa consulenza è un ulteriore elemento che avvicina il lavoro della Muraro molto vicina, sin troppo, agli interessi di Cerroni. Ma di questa attività ed incarico di “consulente” non c’è alcun riferimento nel curriculum prodotto dall’ex consulente Ama (con cui è peraltro in causa pretendendo 200mila euro) per diventare assessora. Sull’accoppiata  Muraro-Cerroni  la Procura di Roma che indaga sull’imprenditore per il reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, lavora da mesi. I magistrati della procura romana stanno valutando la possibilità che questa accusa possa essere addebitata anche alla  a Muraro, attualmente “indagata” per abuso e violazione delle norme ambientali nell’ambito dell’inchiesta sulla certificazione degli impianti di trattamento meccanico biologico. La Muraro verrà  ascoltata la prossima settimana dal Pm Alberto Galanti della Procura di Roma titolare del fascicolo .

CdG Manlio Cerroni

Ed anche questa vicenda porta agli interessi economici di  Cerroni, perchè quei dati sui rifiuti, in entrata e uscita dagli impianti tmb, di fatto  avrebbero finito con l’agevolare proprio il re delle discariche romane  “dominus” dello smaltimento dei rifiuti a Roma per decenni, patron della ex megadiscarisca di Malagrotta e proprietario del tritovagliatore sempre a Rocca Cencia. Guarda caso proprio l’ impianto che Muraro voleva riattivare.

Sempre ieri in Procura a Roma c’è stata una riunione tra magistrati ed investigatori per fare il punto sulle indagini.  Presto sarà disponibile e verrà acquisita la trascrizione dell’audizione della Muraro in Commissione Parlamentare Ecomafie, tenutasi il 5 settembre scorso , durante la quale è emersa la tempistica della sua iscrizione nel registro degli indagati. All’attenzione del Pm Galanti anche le centinaia di documenti, tra report, mail e grafici, che l’ assessore ha depositato a Palazzo San Macuto al termine delle cinque ore di confronto con i parlamentari.

CdG procura roma

Un dossier corposo che potrebbe servire agli inquirenti in vista della prossima convocazione in Procura dell’attuale responsabile Ambiente della Giunta guidata dalla  Sindaca Virginia Raggi. Gli inquirenti  per avere un quadro completo, vogliono ricostruire la lunga stagione della Muraro come consulente in AMA prima di convocarla  per un atto istruttorio ufficiale.

E la sindaca Raggi ha precisato proprio ieri che l’eventuale permanenza della Muraro in Giunta è legata agli sviluppi dell’inchiesta. E la sua Giunta dopo i due assessori al Bilancio dimissionari, questa volta potrebbe avere un assessore “dimissionata” visto che la Muraro non conosce l’etica delle dimissioni.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

I vertici nazionali e provveditori regionali del DAP a ferragosto negli istituti penitenziari
Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Sondaggi elettorali: il centrodestra in netto vantaggio
La sede del quotidiano La Stampa imbrattata con scritte "no war" e "no vax"
Caos procure: Palamara "ho dato mandato ai legali per querelare il Fatto Quotidiano per diffamazione"
M5s: “Nessuna deroga sul tetto dei due mandati”. Nuovi disoccupati in arrivo !
Archivi
L'ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio
Operazione “Stazioni Sicure” della Polizia di Stato
Ispezioni del NAS ed intensificazione dei sevizi di controllo a Taranto da parte del Comando Provinciale Carabinieri .  
E’morto Piero Angela. A dare la notizia il figlio, Alberto Angela, con un post su Instagram: "Buon viaggio papà"
Le mete preferite dagli italiani a Ferragosto, spenderanno 11 miliardi

Cerca nel sito