MENU
4 Ottobre 2022 21:10
4 Ottobre 2022 21:10

Rave Party: denunciati gli organizzatori ed identificate 500 persone

La sera del 18 agosto  si è svolto in zona campestre dall’interno di una gravina della zona nord di Taranto, denominata località Casabianca/Giranda, adiacente a  via del Tratturello nel  quatiere paolo VI, )un  “Rave Party” che ha richiesto non pochi sforzi agli uomini della Polizia di Stato ed in particolar modo agli Agenti della DIGOS, i quali durante  hanno effettuato una capillare ed efficace attività di prevenzione su tutto il perimetro esterno della zona interessata del raduno , soprattutto per garantire un immediato intervento per qualsivoglia intervento di soccorso.

La location prescelta  infatti, oltre ad essere impervio ed attraversato dall’acquedotto, è anche alberato e quindi a forte pericolo di incendio, con grave rischi  per l’incolumità dei partecipanti, in quanto difficilmente raggiungibile dai mezzi di soccorso.

Gli stessi agenti della Polizia di Stato i, al termine di una paziente azione di monitoraggio sono riusciti ad identificare circa 500 giovani partecipanti, tra i quali gli organizzatori, nei cui confronti saranno accertate le responsabilità penali in ordine ai reati di invasione di terreni, danneggiamento e quant’altro e quindi sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria competente.

L’ opera svolta dagli investigatori della DIGOS si è rivelata fondamentale a seguito di una richiesta di aiuto da parte dei genitori di una giovane ragazza di nazionalità etiope, preoccupati perché la stessa da alcuni giorni non dava notizie di se ed irraggiungibile al cellulare. La richiesta, giunta alla sala operativa “113” della Questura di Taranto, è stata subito diramata agi agenti operanti, che, pur in presenza delle notevoli difficoltà rappresentate dal vasto numero di partecipanti intenti ad ascoltare l’assordante musica techno, sono riusciti ad individuare la giovane ragazza, ponendola in contatto con i genitori.

Gli stessi genitori ieri, con apposita lettera, hanno espresso al Questore di Taranto, e per il suo tramite agli uomini della DIGOS, il loro vivo compiacimento per l’assistenza loro prestata e per la tempestività dell’intervento.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
Beppe Grillo condannato per diffamazione
Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
Danno da 11 milioni alla Regione Lazio, Zingaretti sotto inchiesta per le mascherine mai consegnate
La Milano by-night schiava di droga e sesso
Archivi
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
GFVip: una pagina di squallore televisivo che gioca sui sentimenti delle persone
Da oggi a Bari il "Prix Italia 2022"
Il Presidente della Repubblica del Congo Denis Sassou Nguesso incontra l’Ad di Eni Claudio Descalzi

Cerca nel sito