MENU
24 Settembre 2022 23:46
24 Settembre 2022 23:46

Procura di Roma. Respinti dalle sezioni unite della Cassazione i ricorsi di Prestipino. A Natale arriva il nuovo procuratore capo

Probabilmente sarà nel plenum del prossimo 22 dicembre che si deciderà la nomina del nuovo procuratore di Roma. La Quinta Commissione, competente sugli incarichi direttivi, ha concluso i suoi lavori formulando due proposte: quella di maggioranza (con 4 voti a favore in Commissione) riguarda l’attuale capo della procura di Palermo Francesco Lo Voi, quella di minoranza (sostenuta con un voto in Commissione), invece, propone la nomina di Viola. ALL'INTERNO LE SENTENZE DELLA CASSAZIONE CHE HANNO RIGETTATO I RICORSI DI PRESTIPINO

di REDAZIONE POLITICA

“Il Consiglio di Stato non ha travalicato il confine della propria giurisdizione”. È quanto hanno sentenziato i giudici delle Sezioni unite civili della Cassazione con due distinte sentenze depositate che hanno rigettato i ricorsi proposti dal procuratore di Roma (destituito) Michele Prestipino contro le decisioni dei giudici amministrativi di Palazzo Spada che avevano dato ragione al procuratore generale di Firenze Marcello Viola e al procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, annullando la sua nomina a procuratore di Roma. Il sostituto procuratore generale nell’udienza del 23 novembre scorso aveva chiesto di dichiarare inammissibile o, comunque, infondato il ricorso proposto da Prestipino.

La sede della Corte Cassazione

La vicenda della Procura di Roma è al centro di una lunga querelle che ha le proprie radici nel cosiddetto caso Palamara. La 5a commissione (incarichi direttivi) del Csm, l’ organo di autogoverno dei giudici, il 23 maggio 2019, aveva proposto Marcello Viola, procuratore generale di Firenze, con 4 voti, mentre Francesco Lo Voi, procuratore di Palermo, e Giuseppe Creazzo, procuratore di Firenze, avevano riportato un voto ciascuno. In quello stesso periodo di due anni fa però vennero fuori le intercettazioni della vicenda Palamara, da cui era emerso un presunto interesse dell’ex presidente dell’ Anm ed ex consigliere del Csm Luca Palamara e dell’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Luca Lotti, di ottenere la nomina di Viola come procuratore romano.

La conseguenza era stato il ritorno in commissione della decisione e la successiva esclusione di Viola dalla cerchia dei tre candidati (Prestipino, Lo Voi e Creazzo) che si erano contesi la Procura, con la nomina finale, avvenuta il 4 marzo 2020 di Prestipino. Ma il Tar del Lazio e successivamente il Consiglio di Stato, con due decisioni di segno uguale, avevano però imposto al Csm di ripartire dalla originaria proposta della 5a commissione e cioè quella che aveva visto in pole position Viola, poi immotivatamente escluso, secondo i giudici amministrativi di primo e secondo grado, perché del tutto inconsapevole delle manovre riguardanti il suo nome.

il procuratore (facente funzione) di Roma Michele Prestipino

Prestipino, attualmente facente funzione della Procura di Roma, aveva “lamentato il vizio di eccesso di potere giurisdizionale per invasione della sfera di discrezionalità riservata al Csm per una pluralità di profili“. Era arrivato a capo della procura più grande d’Italia dopo il pensionamento di Pignatone, come outsider dopo lo scandalo del caso Palamara, venendo nominato dal Csm nonostante avesse meno titoli degli altri concorrenti alla guida della procura della Capitale.

I giudici amministrativi avevano bocciato ancora una volta una delle tante discutibili nomine del Csm, come la nomina di Prestipino per “carenza di motivazioni”. Nelle due sentenze “gemelle” depositate ieri, le Sezioni Unite hanno osservato che si osserva che “nessuna invasione dell’ambito delle attribuzioni costituzionali del Csm è ravvisabile” nella decisione dei giudici amministrativi e che “il Consiglio di Stato non ha travalicato il confine della propria giurisdizione” concludendo “Va escluso che nel caso in esame – si legge nelle due sentenze – il Consiglio di Stato abbia esorbitato dai limiti posti al proprio giudizio, conformando la scelta del Csm mediante la riformulazione dei criteri da applicare“. Il Consiglio di Stato, sottolinea la Cassazione, “ha difatti rimarcato la manifesta irrazionalità e, quindi la palese illegittimità dei criteri di scelta adottati dal Csm in base al mero tenore testuale dell’articolo 18 del Testo unico sulla dirigenza giudiziaria e lo ha fatto nell’esercizio del proprio potere-dovere di valutazione“. Quindi “nessuna invasione della sfera del merito amministrativo si è quindi prodotta – osservano i giudici di Piazza Cavour – poiché il Consiglio di Stato si è limitato a svolgere l’attività d’interpretazione dei parametri normativi che è propria della sua funzione“.

Adesso si attende il plenum del prossimo 22 dicembre con all’ordine del giorno la nomina del nuovo procuratore di Roma. La Quinta Commissione del Csm, competente sugli incarichi direttivi, ha concluso i suoi lavori formulando due proposte: quella di maggioranza (con 4 voti a favore in Commissione) riguarda l’attuale capo della procura di Palermo Francesco Lo Voi, quella di minoranza (sostenuta con un voto in Commissione), invece, propone la nomina di Viola.

Ecco le due sentenze emesse dalle Sezioni Unite della Cassazione

PRESTIPINO-sentenza-1

PRESTIPINO-2

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Meloni: “Pronti a restituire libertà e orgoglio all’Italia”. Il centrodestra riempie Piazza del Popolo.
Elezioni Csm: la sinistra della magistratura "divisa" aiuta la destra a prevalere
Eletti i primi due membri togati del CSM
Maurizio De Lucia nominato all'unanimità dal Csm a capo della procura di Palermo
Elezioni Csm. Vendette, bestemmie e tradimenti
Ecco chi sarebbe la donna "anonima" che accusava il Sen. Matteo Richetti (Azione)
Archivi
Elezioni CSM. Tutti gli eletti (ed i ripescati): ecco come sarà composto il prossimo plenum "togato"
Poste Italiane conquista la doppia "A” di Morgan Stanley e debutta nell'indice dello Stoxx Global Esg Leaders
Danno da 11 milioni alla Regione Lazio, Zingaretti sotto inchiesta per le mascherine mai consegnate
Meloni: “Pronti a restituire libertà e orgoglio all’Italia”. Il centrodestra riempie Piazza del Popolo.
Elezioni Csm: la sinistra della magistratura "divisa" aiuta la destra a prevalere

Cerca nel sito