MENU
30 Novembre 2022 01:09
30 Novembre 2022 01:09

Posta. Lecce e Taranto le più “spendaccione” di Puglia !

Mentre la  rete Internet attraverso l’uso dei social networks, le e-mail e la poste elettronica certificata ha cambiato il modo di comunicare dei cittadini e delle imprese, oscurando i tradizionali mezzi di comunicazione, gli enti pubblici ancora oggi continuano a dimenticare il progresso della tecnologia a danno dell’immediatezza delle comunicazioni  servizio e sopratutto dei costi e sprechi di denaro pubblico.

Nel 2014, infatti, le sei amministrazioni capoluogo di provincia della Puglia hanno speso più di quattro milioni di euro (dati: “soldipubblici.it-governo“), fra francobolli e spese per i servizi di notifiche del servizio pubblico postale.

Lecce guida la classifica delle spese con 1.299.328 euro , seguita da Taranto con 552.328 euro; al terzo posto si piazza il capoluogo di regione,  con il Comune di Bari che ha versato nelle casse di Poste Italiane  295.908 euro, al quarto posto le tre città della Bat con 192.914 euro. Penultimo posto Foggia con 84.540 euro, e fanalino di coda  Brindisi che ha speso “solo” 77.282 euro in francobolli .

Nell’anno preso in esame a pagare di più  sono stati i cittadini di Lecce che ci hanno rimesso ben 14,5 euro a testa. Migliori risparmiatori sono stati i residenti di Foggia, che hanno contribuito  con appena 0,56 euro ognuno .

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Poste Italiane ottiene la certificazione "Equal-Salary" per le politiche salariali tra donne e uomini
Esperti nazionali ed internazionali si confrontano a Bari sul futuro dell’acqua
L'Antitrust sanziona per 5 milioni di euro Enel ed agenzie partner
Acciaierie d'Italia (ex Ilva) non si presenta a Roma . Sit in a Taranto, lunedì sciopero di protesta dei sindacati. Il ministro Urso: "Salveremo il sito".
Acciaierie d' Italia (Ex Ilva)sospende da lunedì le attività di 145 imprese appaltatrici
Facebook (Meta) licenzia anche in Italia. A casa 22 dipendenti della sede di Milano
Archivi
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Ischia: la memoria smarrita di Giuseppe Conte

Cerca nel sito