MENU
30 Settembre 2022 01:46
30 Settembre 2022 01:46

La Polizia di Stato effettua 8 arresti a Bari per gli assalti ai bancomat in Francia

Il "modus operandi" utilizzato dagli arrestati era sempre il medesimo. Un gruppo operativo composto da non meno di 8 individui, travisati ed in possesso di walkie-talkie, in orario notturno, dopo un accurato sopralluogo, disattivava le telecamere di sorveglianza presenti sul posto, utilizzando durante l´azione criminosa attrezzi da scasso (pale e picconi).

All’alba di questa mattina  la Polizia di Stato ed in particolare personale della Squadra Mobile della Questura di Bari, con l´ausilio di agenti del Commissariato di P.S. di Bitonto, ha proceduto ad eseguire  e Bari, Palo del Colle e Bitonto, sempre nel Barese, otto mandati d´arresto europeo (M.A.E.), per i reati di partecipazione ad un´associazione per delinquere finalizzata a compiere furti, in particolare assalti a sportelli bancomat, commessi in territorio francese.

I poliziotti della  Gendarmeria di Lille (Francia), che ha svolto le indagini, ha raccolto concreti elementi in merito ad una serie di furti, consumati o tentati, a sportelli bancomat avvenuti in territorio d´oltralpe tra novembre 2014 e maggio 2015. Il “modus operandi” utilizzato dagli arrestati era sempre il medesimo. Un gruppo operativo composto da non meno di 8 individui, travisati ed in possesso di walkie-talkie, in orario notturno, dopo un accurato sopralluogo, disattivava le telecamere di sorveglianza presenti sul posto, utilizzando durante l´azione criminosa attrezzi da scasso (pale e picconi).

 

 

Ulteriori accertamenti da parte della polizia francese, in raccordo operativo con la Squadra Mobile di Bari , hanno consentito di rilevare che alcune utenze cellulari attivate al momento dei  furti erano intestate a persone originarie della città e della provincia di Bari. La gravità e la ripetitività degli episodi – che avevano generato rilevante  allarme sociale in Francia – hanno indotto l´Autorità Giudiziaria francese a richiedere collaborazione ed assistenza giudiziaria a quella italiana per concorrere all´identificazione degli altri componenti del gruppo.

A tal fine  a L´Aia, presso la sede di Eurojust, in data 14.7.2016 e  20.01.2017,  si erano tenute delle riunioni di coordinamento tra l´Autorità Giudiziaria italiana e quella francese del distretto di Lille (F), alla quale ha partecipato per la delegazione italiana, dapprima un magistrato dell´Ufficio GIP del Tribunale di Bari, investito della rogatoria internazionale, poi un magistrato della Procura della Repubblica di Bari, oltre a personale della Squadra Mobile di Bari, per definire una strategia investigativa comune.

Gli ulteriori approfondimenti d´indagine – eseguiti anche in base alla rogatoria richiesta dall´ Autorità Giudiziaria francese, le cui attività sono state svolte  in Bari – hanno condotto all´ emissione da parte della Procura della Repubblica presso il “Tribunal de Grande Istance” di Lille dei mandati d´arresto europeo (M.A.E.) oggi eseguiti. Gli arrestati nella provincia di Bari saranno posti a disposizione del Presidente della Corte d´Appello di Bari per il prescritto procedimento di convalida.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
La Milano by-night schiava di droga e sesso
Esercitazione aeronavale delle Fiamme Gialle nel golfo di Taranto
Alberto Genovese condannato a 8 anni e 4 mesi per aver dopo averle stordite con mix di droghe e violentato due modelle
Ecco chi sarebbe la donna "anonima" che accusava il Sen. Matteo Richetti (Azione)
La Guardia di Finanza scopre nel foggiano lavoratori in nero nella metà delle aziende controllate. 1 commerciante su 3 non fa lo scontrino
Archivi
Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
L’Opinione del Direttore
Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
"Monnezzopoli". L'imbarazzante silenzio della Gazzetta del Mezzogiorno sui processi del proprio co-editore Antonio Albanese imprenditore dei rifiuti

Cerca nel sito