MENU
25 Maggio 2022 02:22
25 Maggio 2022 02:22

Per la Corte Costituzionale il “Green pass legittimo anche per deputati e senatori”

ll ricorso era stato presentato da una dozzina di parlamentari del Gruppo Misto e dall’ex senatore del M5S Gianluigi Paragone che ritenevano violati il loro diritto di partecipare alle sedute dei due rami del parlamento è stato respinto, e la Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili tutti i ricorsi presentati contro il green pass a Montecitorio e Palazzo Madama

di REDAZIONE POLITICA

Anche per i parlamentari vale l’obbligo di “green pass” : lo ha stabilito la Corte Costituzionale risolvendo un conflitto di attribuzione che era stato sollevato da alcuni componenti di Camera e Senato. Confermata quindi la legittimità delle delibere con le quali entrambe le assemblee parlamentari avevano introdotto l’obbligo di certificazione per deputati e senatori ed è stata in questo modo è stata respinta la richiesta di una dozzina di parlamentari del gruppo misto “L’Alternativa c’è” e dall’ex senatore del M5S Gianluigi Paragone.

La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili tutti i ricorsi presentati contro il green pass a Montecitorio e Palazzo Madama, e nei prossimi giorni verranno depositate le motivazioni “La Corte ha ritenuto che dai ricorsi non emerga alcuna manifesta lesione delle attribuzioni proprie dei parlamentari e che spettino all’autonomia delle due Camere l’interpretazione e l’applicazione dei rispettivi regolamenti” evidenzia una nota della Consulta.

Consulta-green-pass

I promotori del ricorso lamentavano la menomazione dei loro poteri stabiliti dalla Costituzione ma anche le modalità con l’obbligo del green pass era stato introdotto per chi siede nei due rami del Parlamento. Il provvedimento era stato introdotto infatti da delibere degli organi interni delle due Camere. Più in generale i firmatari del ricorso ritenevano violato l’articolo 64 della Carta e “compressa, su tutte, la partecipazione dei singoli parlamentari al procedimento legislativo, oltre che leso il libero svolgimento del loro mandato”. Ma la consulta non è stata dello stesso avviso.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La DIA perquisisce la redazione di Report, e la casa del giornalista Mondani: "Si indaga sui legami tra mafia ed estrema destra nell'attentato a Falcone"
Perquisiti i due broker coinvolti nella tentata mediazione di D'Alema per le armi alla Colombia.
La procura di Bari indaga l'ex-editore della Gazzetta del Mezzogiorno Mario Ciancio, il figlio e l'ex dg Capparelli  per il fallimento della Edisud
Poste Italiane: una storia di 160 anni per costruire il futuro del Paese
L' ufficiale giudiziario notifica il nuovo ricorso a Conte, che non lo ritirava all' ufficio postale, contro il voto di marzo sullo Statuto M5S.
La Camera approva la riforma giustizia e la legge sul nuovo Csm. Italia viva si astiene
Archivi
Il solito lamento di Gratteri dopo la sconfitta nella corsa alla Procura Nazionale Antimafia:“Su sicurezza e giustizia Draghi non pervenuto”.
Melissa Ferretti Peretti è il nuovo top manager di Google Italia
La DIA perquisisce la redazione di Report, e la casa del giornalista Mondani: "Si indaga sui legami tra mafia ed estrema destra nell'attentato a Falcone"
Medicina estetica: i Carabinieri controllano 793 strutture
Guerra Russia-Ucraina. 200 morti sotto le macerie del grattacielo di Mariupol. Svezia e Finlandia parteciperanno al vertice Nato di giugno

Cerca nel sito