MENU
8 Dicembre 2022 01:17
8 Dicembre 2022 01:17

Operazione “Outset”: la Polizia di Stato arresta i responsabili di due omicidi di mafia

L´operazione ha visto l´impiego di poliziotti delle Squadre Mobili di Catanzaro, Vibo Valentia e del Servizio Centrale Operativo, con il sostegno operativo del Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia.

ROMA – La Polizia di Stato, a conclusione di complesse attività d´indagine condotte dalle Squadre Mobili di Catanzaro e Vibo Valentia e dal Servizio Centrale Operativo di Roma, sotto il coordinamento della DDA, la Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, dalle prime ore della mattinata odierna, ha dato esecuzione ad un´ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 8 soggetti ritenuti responsabili a vario titolo dell´omicidio di Mario Franzoni, avvenuto nell´anno 2002 a Porto Salvo (VV), dell´omicidio di Giuseppe Salvatore Pugliese Carchedi e del tentato omicidio di Francesco Macrì´, avvenuti nell´anno 2006 sulla SS 522 tra Vibo Marina e Pizzo Calabro, tutte vittime di agguati mafiosi.

 

 

Le attività d´indagine coordinate dal Procuratore Distrettuale dr. Nicola Gratteri, dal Procuratore Aggiunto dr. Giovanni Bombardieri e dal Sostituto Procuratore dott. Camillo Falvo, supportate anche dalle dichiarazioni rese dai collaboratori di giustizia, Giuseppe Giampà, Raffaele Moscato, Pasquale Giampà, Andrea Mantella , hanno permesso di fare luce sui moventi degli omicidi e sui relativi mandanti oltreché sugli esecutori materiali dei gravi fatti di sangue, tutti riconducibili ad appartenenti alle cosche Lo Bianco e Piscopisani di Vibo Valentia oltre che ai Giampà´ di Lamezia.

In particolare è stato accertato che l´omicidio di Franzoni  era stato commissionato dal costruttore Francesco Barba ad esponenti della cosca Lo Bianco, tra cui Andrea Mantella, al fine di vendicare un episodio in cui i suoi figli erano stati minacciati con l´uso di una pistola da Mario Franzoni. La vittima il 21 agosto del 2002 si trovava a Porto Salvo a bordo di uno scooter quando è stata affiancata dai sicari del clan Giampà di Lamezia Terme e ferita mortalmente. Come corrispettivo l´imprenditore edile vibonese Barba si era impegnato a costruire due villette a Vibo Valentia, cedendole in favore degli esecutori materiali dell´omicidio.

Francesco (per tutti Franco) Barba, 55 anni, di Vibo Valentia, ( sinistra nella foto)  imprenditore edile già condannato in via definitiva a 6 anni per associazione mafiosa al termine dell’operazione “Nuova Alba” contro il clan Lo Bianco risalente al febbraio del 2007, è stato colto da malore al momento dell’arresto quando i poliziotti della Squadra Mobile di Vibo Valentia hanno bussato alla sua abitazione per notificargli un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di concorso nell’omicidio di Mario Franzoni.   Barba si trova al momento piantonato dalla polizia in ospedale a Vibo Valentia in attesa di essere dimesso per essere tradotto in carcere.

In merito al tentato omicidio e successivo omicidio di Pugliese Carchedi è stato accertato che il movente immediato di tale gesto era da individuarsi in una relazione clandestina da lui intrattenuta con la figlia minorenne di Felice Nazzareno, esponente di vertice dei Piscopisani; relazione che non aveva troncato nonostante i vari avvertimenti a lui pervenuti. Tuttavia, al di là dell´ apparente movente riconducibile all´antico schema del “delitto d´onore“, la reale causale del fatto è emersa essere quella dei contrasti in seno alla criminalità organizzata vibonese ed in particolare il fatto che la vittima non riconoscesse l´autorità criminale dei maggiorenti delle cosche perpetrando in assoluta autonomia delitti, anche di natura estorsiva.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Processo Consip, Matteo Renzi in tribunale a Roma
Scoperti a Roma 95 "furbetti" del Reddito di cittadinanza: alcuni erano ai domiciliari e percepivano il sussidio
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
Archivi
Stadi o cattedrali nel deserto ?
Identificato e denunciato dalla Polizia Postale l’autore delle minacce di morte al presidente del Consiglio Meloni ed alla figlia
Libro dei Fatti Adnkronos, da 32 anni la cronaca nel mondo e in Italia
La presidenza del Copasir a Lorenzo Guerini (Pd)
Giustizia. Il programma-bomba del ministro Nordio: “Carriere separate, basta abusi dei pm”

Cerca nel sito