MENU
22 Maggio 2024 13:40
22 Maggio 2024 13:40

‘Ndrangheta, struttura ‘locale’ a Roma: 67 verso il processo

"C'è una Procura... qua a Roma ... era tutta ...la squadra che era sotto la Calabria. Pignatone, Cortese, Prestipino.. e questi erano quelli che combattevano dentro i paesi nostri ...Cosoleto ... Sinopoli... tutta la famiglia nostra...maledetti".

I magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma hanno chiuso l’indagine ha chiuso le indagini sulla maxi inchiesta “Propaggine” relativa alla prima “locale” di ‘ndrangheta che da anni era attiva nella Capitale. Il 415 bis è stato notificato a 67 persone che adesso rischiano di finire sotto processo anche per l’accusa di “associazione a delinquere di stampo mafioso”. Secondo l’impianto accusatorio dell’inchiesta, coordinata dai procuratori aggiunti Michele Prestipino e Ilaria Calò con i pm Giovanni Musarò, Francesco Minisci e Stefano Luciani,  a capo dell’organizzazione c’erano Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, entrambi appartenenti a storiche famiglie di ‘ndrangheta originarie di Cosoleto, centro in provincia di Reggio Calabria. La ‘locale’ operava a Roma dopo avere ottenuto il “via libera” dalla casa madre in Calabria.

Le indagini hanno evidenziato come fino al settembre del 2015 non esistesse una “locale” nella Capitale, anche se sul territorio cittadino operavano numerosi soggetti appartenenti a famiglie e dediti ad attività illecite. Tra i reati contestati la cessione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione aggravata e detenzione illegale di arma da fuoco.

Vincenzo Alvaro festeggiato dai figli

Carzo avrebbe ricevuto, secondo quanto accertato dagli inquirenti, dall’organo collegiale posto al vertice dell’organizzazione unitaria (la Provincia e Crimine), nell’estate del 2015, l’autorizzazione per costituire una struttura locale che operava nel cuore di Roma secondo le tradizioni di ‘ndrangheta: riti, linguaggi, tipologia di reati tipici della terra d’origine. Il gruppo agiva su tutto il territorio di Roma con una gestione degli investimenti nel settore della ristorazione (locali, bar, ristoranti e supermercati) e nell’attività di riciclaggio di ingenti somme di denaro.

“Noi a Roma siamo una propaggine di là sotto”, dicevano gli indagati in un’intercettazione . E nelle conversazioni riportate nell’ordinanza del gip alcuni degli indagati facevano riferimento proprio al lavoro di alcuni magistrati e poliziotti che avevano lavorato prima in Calabria e poi a Roma: “C’è una Procura… qua a Roma … era tutta …la squadra che era sotto la Calabria. Pignatone, Cortese, Prestipino.. e questi erano quelli che combattevano dentro i paesi nostri …Cosoleto … Sinopoli… tutta la famiglia nostra…maledetti”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Rino Barillari picchiato da Gerard Depardieu: "Mi ha dato tre cazzotti"
Fedez, i video del pestaggio a Iovino: 5 identificati, ecco chi sono
Ladri nella casa di Matteo Salvini a Roma: l'allarme dai vicini
Rapina un giudice e poi cerca il "cavallo di ritorno": arrestato dai Carabinieri
Veleni pugliesi: Silvestri (Più Europa) denunciato da Ventola : "Non poteva mostrare l'atto con la proroga delle indagini"
Chico Forti è in Italia: "Ora voglio abbracciare mia madre". Incontro con Meloni
Cerca
Archivi
Il giornalismo "sinistrorso" di Repubblica a Bari: vero obbiettivo Giorgia Meloni
Rino Barillari picchiato da Gerard Depardieu: "Mi ha dato tre cazzotti"
Ferrarese: "Sbloccati i primi 170 milioni per i Giochi del Mediterraneo 2026"
Olimpiadi Milano-Cortina, tre indagati accusati di corruzione e turbativa d'asta
Fedez, i video del pestaggio a Iovino: 5 identificati, ecco chi sono

Cerca nel sito