Matteo Salvini in Puglia: “Manderemo Emiliano a casa !”

Matteo Salvini in Puglia: “Manderemo Emiliano a casa !”

«La Lega è stata protagonista della riunificazione del centrodestra in Puglia dopo 15 anni e sono contento. A differenza di cinque anni fa, quando il centrodestra andò diviso, è cambiato il mondo. Ora il centrodestra è compatto e con una Lega fortissima” ha detto Salvini “Il mio avversario è Emiliano, il mio avversario è Vendola e non ho avversari nella mia squadra. Spero valga anche per gli altri”

ROMA – «Dopo 15 anni vogliamo restituire ai pugliesi la loro terra mandando a casa Michele Emiliano. C’è da occuparsi di sanità e aprire gli ospedali che la sinistra ha chiuso; dobbiamo occuparci di agricoltura e pesca e aiutare i lavoratori; e dobbiamo difendere i confini di un Paese in cui si entra se si ha il permesso di soggiorno». ha dichiarato il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando all’esterno della stazione di Barletta, acclamato da un vero e proprio bagno di folla dei sostenitori della Lega con il coro ‘Un Capitano, c’è solo un Capitano‘“ a cui Salvini ha risposto con una promessa: “A settembre si cambia e poi avremo tanto lavoro da fare».

“C’è un presidente del Consiglio pugliese, abbiamo un ministro dell’Agricoltura pugliese e un governatore pugliese, tutti di centrosinistra: hanno dormito tutti facendo arrivare la Xylella a Bari ha detto Salvini parlando all’esterno della stazione di Barletta, da dove ha iniziato il suo tour elettorale in Puglia. “Siamo l’unico Paese in Europa che ha le scuole chiuse, abbiamo un ministro incapace e incompetente che di scuola non capisce nulla” ha aggiunto

Salvini accompagnato da Altieri a Barletta

“«Il mio avversario è Emiliano, il mio avversario è Vendola e non ho avversari nella mia squadra. Spero valga anche per gli altri. Il vicepresidente della Regione Puglia sarà Nuccio Altieri e metteremo al centro lavoro, sicurezza, sanità” ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini parlando con i giornalisti a Barletta, rispondendo così indirettamente alla sua alleata Giorgia Meloni che, ieri a Bari, durante la presentazione di Fratelli d’ Italia della candidatura di Raffaele Fitto alla presidenza della Regione pugliese aveva escluso l’esistenza di un accordo “Fitto-Altieri“.

Matteo Salvini ad Andria

“C’è da mettere le ferrovie in sicurezza, i 23 morti meritano giustizia perché non si può morire in quella maniera per incapacità di chi amministra». ha detto il segretario nazionale della Lega, Matteo Salvini, ad Andria per la presentazione del candidato sindaco della Lega, Antonio Scamarcio, facendo un chiaro riferimento è al tragico incidente ferroviario avvenuto il 12 luglio del 2016 proprio tra Andria e Corato, quando due treni di Ferrotramviaria si scontrarono frontalmente e 23 persone innocenti morirono a causa dell’impatto. 

«La Lega è stata protagonista della riunificazione del centrodestra in Puglia dopo 15 anni e sono contento.” ha detto oggi Salvini, aggiungendo “A differenza di cinque anni fa, quando il centrodestra andò diviso, è cambiato il mondo. Ora il centrodestra è compatto e con una Lega fortissima, il centrosinistra è diviso. A questo giro perdono perché c’è voglia di cambiamento, non vedo l’ora che arrivi settembre. Vince la squadra”.

da sinistra Rossano Sasso, Nuccio Altieri e Matteo Salvini

La legge Fornero non esiste più grazie a noi e non vedo l’ora di tornare ad interessarmi di immigrazione perché in Italia si entra con un regolare permesso di soggiorno». ha detto Salvini in serata , parlando dal palco ad Andria. Durante il comizio, uno sparuto gruppetto di provocatori ha contestato Salvini, che gli ha replicato: “Siccome siamo in un Paese democratico, se c’è tra voi chi vuole anche gli irregolari, ci dia il suo numero di conto corrente e li pagate voi” ed ha concluso “Vinceremo ad Andria, vinceremo in Puglia e manderemo a casa anche il governo nazionale»

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?