MENU
8 Febbraio 2023 14:14
8 Febbraio 2023 14:14

L’ex tutore di Paolo Calissano indagato per peculato e circonvenzione di incapace

I familiari dell'attore hanno presentato un esposto contro l'avvocato Matteo Minna: "Spariti 70mila euro". Secondo altre fonti la cifra scomparsa si aggirerebbe attorno al milione di euro

L’avvocato Matteo Minna, come anticipato dal quotidiano “Il Secolo XIX”, secondo gli inquirenti avrebbe prelevato illegittimamente circa 70mila euro dai conti bancari dell’artista. Secondo altre fonti la cifra sarebbe molto più cospicua e i prelievi arriverebbero in totale vicini al milione di euro. Sono stati i familiari di Paolo Calissano ad accorgersi degli ammanchi, e presentare un primo esposto, in cui si ipotizzava il peculato. Lo scorso dicembre, quando la procura di Roma ha chiuso le indagini sulla morte, ha integrato la denuncia ipotizzando anche la “circonvenzione d’incapace”. Il fascicolo è in mano al pubblico ministero genovese Francesco Cardona Albini e all’aggiunto Vittorio Ranieri Miniati.

Sarebbe circa un milione la somma sparita dai conti di Paolo Calissano e su cui si concentrano le indagini dei militari del nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza. Soldi che l’attore avrebbe guadagnato attraverso la partecipazione a diverse società. Una di queste è stata la Autopark V maggio srl, poi liquidata. “È una fase delicata delle indagini – spiega l’avvocato Santina Ierardi che assiste i familiari dell’attore – e non commentiamo nulla”. Tra le operazioni al vaglio degli inquirenti ci sono una decina di bonifici partiti nel corso del 2019 da un conto intestato a Paolo Calissano e destinati a Minna, per spese e finanziamenti della Autopark. Ma a fronte di questi bonifici nella contabilità della società risulterebbero stanziamenti molto inferiori provenienti da Calissano.

Per chi accusa Minna, le cifre sono troppo alte e in generale il contesto in cui sono state versate le somme è quello di un rapporto sempre più stretto fra Calissano e il suo amministratore avv. Matteo MInna. Lo stesso legale, ha ricordato al Secolo XIX  come il suo rapporto con Calissano sia durato cinque lustri e che “rispetto a qualsiasi accusa mi difenderò nelle sede opportune”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Il Procuratore di Palermo: "Messina Denaro a tutto pensava tranne che a farsi catturare"
Arriva in aula il processo Mark Caltagirone: imputate le due agenti della showgirl Pamela Prati
Inchiesta sulla vendita del Milan, indagini in corso per appropriazione indebita
La Guardia Finanza alla ricerca dei documenti sugli affari delle coop della suocera e delle compagna dell' on. Soumahoro con alcuni Comuni
I conti di Soumahoro che non tornano. E la stampa sinistrorsa tace...
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito