MENU
11 Agosto 2022 12:40
11 Agosto 2022 12:40

Legge elettorale, la Corte costituzionale dice “no” al referendum richiesto dalla Lega. Salvini: “Vergogna”

La decisione della Consulta dopo una lunga camera di consiglio. Furente il leader della Lega Salvini : "È il vecchio sistema che si difende". Di Maio: "Ora seguiamo la strada del proporzionale".

ROMA La Corte Costituzionale ha deciso dopo otto ore di camera di consiglio di rigettare il quesito referendario proposto dalla Lega ritenendolo “inammissibile“, dicendo quindi  “no” al referendum sulla legge elettorale che era stato promosso da otto consigli regionali guidati da maggioranze  del centrodestra,  per trasformare l’attuale sistema con l’abrogazione delle norme sulla distribuzione proporzionale dei seggi, in un maggioritario puro .

La Consulta ha anche bocciato preventivamente il conflitto di attribuzione che 5 regioni su 8 avevano presentato lo scorso 7 gennaio. La motivazione della “bocciatura” consiste essenzialmente nel fatto che il quesito leghista avrebbe lasciato sul campo una legge con cui non sarebbe stato possibile andare alle elezioni subito. E quindi secondo i giudici della Corte, sarebbe stata una legge elettorale inapplicabile. Decisione che secondo indiscrezioni, sarebbe stata raggiunta non all’unanimità ma con una maggioranza “solida e ampia“.

Immediata la reazione furibonda del leader della Lega Matteo Salvini che ha commentata:  “È una vergogna, è il vecchio sistema che si difende: Pd e Movimento 5stelle sono e restano attaccati alle poltrone. Ci dispiace che non si lasci decidere il popolo: così è il ritorno alla preistoria della peggiore politica italica”. Un referendum, quello sul maggioritario, fortemente sostenuto dalla Lega che era andata  in pressing su alcuni esponenti forzisti in alcuni consigli regionali che erano dubbiosi sul sistema elettorale maggioritario puro.

la Corte Costituzionale

Questo il passaggio testuale della Corte Costituzionale: “Per garantire l’autoapplicatività della ‘normativa di risulta’ – richiesta dalla costante giurisprudenza costituzionale come condizione di ammissibilità dei referendum in materia elettorale – il quesito investiva anche la delega conferita al Governo con la legge n. 51/2019 per la ridefinizione dei collegi in attuazione della riforma costituzionale che riduce il numero dei parlamentari. In attesa del deposito della sentenza entro il 10 febbraio, l’Ufficio stampa della Corte costituzionale fa sapere che a conclusione della discussione la richiesta è stata dichiarata inammissibile per l’assorbente ragione dell’eccessiva manipolatività del quesito referendario nella parte che riguarda la delega al Governo, ovvero proprio nella parte che, secondo le intenzioni dei promotori, avrebbe consentito l’autoapplicatività della normativa di risulta”.

La Corte costituzionale ha respinto anche preliminarmente il conflitto d’attribuzione che era stato sollevato da 5 regioni su 8. Le cinque regioni chiedevano di impugnare la legge del 1970 che regola il referendum lì dove prevede un tempo massimo di 60 giorni per ridisegnare i collegi. Per i ricorrenti si trattava di un termine arbitrario, e si   chiedeva quindi di rendere effettiva l’abrogazione decisa dalla Consulta solo il disegno dei nuovi collegi elettorali. Secondo molti analisti questa mossa è stata un vero “autogol” che avrebbero fatto capire che gli stessi proponenti erano consapevoli dell’inammissibilità del quesito.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Meloni, l'outsider in corsa per Palazzo Chigi
Le rivelazioni (vere) de “La Stampa” sui rapporti fra la Russia e Lega agitano la politica
Firmato l'accordo sul grano fra l'Ucraina e la Russia con la mediazione della Turchia ed Onu
Crisi di governo, Draghi pone la fiducia sulla risoluzione di Casini e replica ai senatori: “Siete voi a decidere, non ho chiesto i pieni poteri”.
Draghi in aula: “Sono qui perché gli italiani lo hanno chiesto”. Ai partiti: “Siete pronti a riconfermare il patto di fiducia? Gelo del M5Stelle e della Lega
"Draghi resti al suo posto". Lo auspica tutta la comunità internazionale.
Archivi
Trump si rifiuta di risponde alle domande sull'inchiesta a suo carico per frode fiscale
Le novità di WhatsApp: si possono cancellare i messaggi fino a due giorni dopo l'invio, uscita in incognito dai gruppi, status nascosto e blocco degli screenshot
"La Sirena delle Azzorre" in edicola il nuovo romanzo di Giovanni Valentini
Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Bloccato l’aggressore che ha violentato due turiste francesi a Bari

Cerca nel sito