MENU
8 Febbraio 2023 15:31
8 Febbraio 2023 15:31

Le Ferrovie dello Stato lanciano gara collegamento Aeroporto del Salento. I nuovi treni per la Puglia

L’intervento consiste nella realizzazione di un nuovo collegamento di circa 6,2 chilometri tra la stazione di Brindisi Centrale e l’Aeroporto del Salento, che si dirama dalla linea ferroviaria Brindisi – Bari/Taranto, della nuova stazione Aeroporto dotata di due binari di stazionamento e di due raccordi a binario singolo per garantire i collegamenti verso Taranto e Bari.

Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) ha pubblicato in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea la gara per la progettazione e la realizzazione del collegamento ferroviario dell’Aeroporto del Salento con la stazione di Brindisi. La gara ha un valore di 70 milioni di euro, di cui 52 milioni finanziati con i fondi del PNRR.

L’intervento consiste nella realizzazione di un nuovo collegamento di circa 6,2 chilometri tra la stazione di Brindisi Centrale e l’Aeroporto del Salento, che si dirama dalla linea ferroviaria Brindisi – Bari/Taranto, della nuova stazione Aeroporto dotata di due binari di stazionamento e di due raccordi a binario singolo per garantire i collegamenti verso Taranto e Bari.

Il progetto consentirà di migliorare l’accessibilità all’aeroporto di Brindisi, con la creazione anche di un’offerta integrata ferro-aria tra lo scalo aeroportuale ed i poli urbani di Brindisi, Lecce, Taranto e Bari. Il bando è stato pubblicato a seguito dell’approvazione del progetto definitivo, il 18 novembre 2022, da parte del Commissario di Governo Roberto Pagone. L’investimento complessivo di RFI per la realizzazione dell’opera è di 153 milioni di euro, con attivazione prevista entro il 2026.

Nel frattempo, continuano i rispettivi interventi di RFI e Ferrotramviaria nella stazione di Bari Centrale per consentire entro il 2024 anche il collegamento dell’Aeroporto di Bari Palese alla rete ferroviaria nazionale.

Parte in via sperimentale il Regionale Prime: 1h 25’ Lecce- Bari (con sola fermata a Brindisi) e confermate tutte le Frecce e gli Intercity Giorno e Notte. Prosegue il rinnovo della flotta regionale di Trenitalia: 28 treni POP già in circolazione. Più di 500 collegamenti al giorno in treno e circa 1500 corse bus in Puglia. L’ Amministratore Delegato e Direttore Generale di Trenitalia (capogruppo di settore del Polo Passeggeri del Gruppo FS) Luigi Corradi, ha presentato a Milano la “Winter Experience 2022“: la nuova offerta invernale, al via da domenica 11 dicembre, che mira a sviluppare una mobilità sempre più integrata, multimodale e sostenibile anche dal punto di vista economico e sociale.

Luigi Corradi, Amministratore Delegato di Trenitalia

“Con Trenitalia Winter Experience 2022 si rafforza ulteriormente il ruolo del Polo Passeggeri del Gruppo FS: attore unico capace di garantire la libertà di viaggiare ovunque con collegamenti sempre più capillari e capaci di adattarsi alle necessità del territorio. Il nostro impegno per il futuro è valorizzare e incentivare la scelta del treno, il mezzo green per eccellenza, favorendo modalità di trasporto collettive e interconnesse, anche abbinandole in maniera efficace con altri mezzi di trasporto – ha dichiarato Luigi Corradi, Amministratore Delegato di Trenitalia – Puntiamo a offrire ai nostri clienti esperienze di viaggio più complete e integrate, ma allo stesso tempo comode e convenienti, per anticipare le esigenze dei clienti e delle comunità servite, formulando un’offerta sempre più door-to-door e diventare, così, hub aggregatore del turismo in Italia”.

Le novità per i passeggeri in Puglia

Dal cambio orario parte il nuovo servizio Regionale Prime sulla linea Lecce- Bari. Il nuovo treno del Regionale partirà dal capoluogo salentino tutte le mattine alle 7.20 e arriverà a Bari Centrale alle 8.45 effettuando una sola fermata intermedia a Brindisi (a. 7.43 – p.7.44). Il rientro da Bari è previsto alle 17.45 con arrivo a Brindisi alle 18.46 e a Lecce alle 19.10.

Per tutto il mese di dicembre gli abbonati regionali lungo questa tratta potranno scegliere di viaggiare sul nuovo treno Prime per scoprire il nuovo collegamento (il tempo di viaggio è inferiore rispetto ai Regionali Veloci che impiegano 1h e 41’ sulla relazione Lecce – Bari). Tutti gli altri viaggiatori, a partire dal 10 dicembre, potranno acquistare i biglietti singoli per un viaggio sul treno Prime. Il servizio sarà in vendita presso le biglietterie, self service, agenzie di viaggio e sui canali digitali di Trenitalia.

Orari di partenze e arrivi dei treni regionali facili da ricordare. I treni del Regionale di Trenitalia partono e arrivano da Lecce, Bari e Foggia sempre agli stessi minuti per facilitare la memorizzazione degli orari. Anche i treni di Ferrovie del Sud Est della linea Putignano – Bari partono e arrivano agli stessi orari da Bari, Adelfia e Putignano. Cadenzamento orario anche sulla linea FSE Lecce – Gallipoli. Il cambio orario porterà un miglioramento delle connessioni nei nodi ferroviari di Putignano-Zollino-Maglie e un incremento di quattro treni al giorno sulla linea Maglie – Otranto e di due treni al giorno sulla linea Lecce – Gallipoli.

Nuovi treni POP. Prosegue il rinnovo della flotta del Regionale di Trenitalia in Puglia con 28 nuovi treni POP in circolazione. Entro il 2024 sarà completato il rinnovo di tutta la flotta.

Bus. Confermati i servizi Link turistici anche nel periodo invernale per la Valle d’Itria. Garantite 14 corse giornaliere sulla linea Bari-Alberobello ​e 16 corse sulla linea Bari-Grotte di Castellana.

14 Frecce al giorno tra la Puglia e Roma più altre due nel weekend. L’offerta verso la Capitale resta confermata con quattro coppie di Frecciargento tra Lecce e Roma una coppia di Frecciargento tra Bari e la capitale, tutti i giorni, più la coppia di Frecciarossa 1000 Lecce- Firenze – Milano (via Roma) e la coppia di Frecciarossa 1000 Taranto – Torino (via Roma). Nei weekend l’offerta si arricchisce con due coppie aggiuntive tra Lecce e la capitale (il sabato) e tra Bari e Roma (il lunedì).

20 Frecciarossa tra la Puglia e il Nord Italia. Dall’11 dicembre, venti treni Frecciarossa collegano ogni giorno i capoluoghi della Puglia con Bologna, Milano, Venezia e Torino: una coppia Lecce – Torino, due coppie Lecce – Venezia, tre coppie Bari – Milano, una coppia Taranto – Milano (via Bari), tre coppie Lecce – Milano più una coppia di Frecciarossa 1000 Lecce- Firenze – Milano (via Roma) e una coppia di Frecciarossa 1000 Taranto – Torino (via Roma).

Confermata l’offerta di Intercity Giorno e Notte. Le principali città della Puglia continuano ad essere servite da una trentina di Intercity Giorno e Notte diretti verso Roma, Bologna, Milano, Torino e Reggio Calabria.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Corte dei conti: l' Italia con i fondi Pnrr passa da contributore a percettore netto
Polizia di Stato e Eni rinnovano l’accordo sulla prevenzione e il contrasto dei crimini informatici
Guardia di Finanza: a gennaio 989 violazioni riscontrate su 2.500 controlli ai benzinai
Poste Italiane: con Polis nasce la "Casa dei servizi digitali" in 7.000 uffici postali
Poste Italiane si conferma leader globale nella lotta al cambiamento climatico
Acciaierie d' Italia, Falck, Renewables e BlueFloat Energy: siglato accordo sulle rinnovabili
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito