MENU
8 Febbraio 2023 15:19
8 Febbraio 2023 15:19

La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce

Le pene inflitte vanno da un minimo di 3 anni a un massimo di 16. L'attività investigativa avviata nell'agosto del 2012 si è conclusa nell'agosto del 2013 con 48 indagati. A dicembre del 2016 è stata eseguita un'Ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Lecce su richiesta della Procura della Repubblica, Dda di Lecce. ALL'INTERNO IL VIDEO

La Direzione Investigativa Antimafia – articolazione del Dipartimento della Pubblica Sicurezza – dopo che la Suprema Corte di Cassazione ha respinto e ritenuto inammissibili i ricorsi della maggior parte degli imputati nel processo scaturito dall’operazione di polizia giudiziaria denominata “Federico II”, ha dato esecuzione, su richiesta della Procura Generale presso la Corte d’Appello di Lecce, alla sentenza della Corte d’Appello di Lecce del 1° luglio 2020, in esito alla quale sono stati notificati 27 Ordini di carcerazione ad altrettanti soggetti residenti 25 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Trieste ed 1 in provincia di Brindisi, e di cui 21 italiani e 6 di origine albanese.Le pene inflitte vanno da un minimo di 3 anni a un massimo di 16.

Questi nominativi delle persone da tradurre in carcere:

Mario Accogli, residente a Scorrano; Alessandro Antonucci, residente a Lizzanello; Ortis Banda, di origini albanesi residente a Maniago; Nicolò Capone, residente a Lizzanello; Francesco De Cagna, Scorrano; Francesca De Dominicis, residente a Merine; Gabriella De Dominicis,  residente a Merine; Carmelo De Pascalis, residente a Cavallino originario di Trepuzzi; Luca Giannone, Calimera; Alessandro Greco, residente a Lecce; Klaid Hasanaj, di origini albanesi; Maria Valeria Ingrosso, residente a Lizzanello; Antonio Leto, residente a Caprarica; Cosimino Maggio, originario di Minervino ma residente a Reggio Emilia; Mario Mandurrino, residente a Lecce; Giuseppino Mero, originario di Cavallino; Angelo Montinaro, residente a Caprarica di Lecce; Umberto Nicoletti, residente a Lecce; Brenda Potenza, residente a Taviano; Luciano Pagano,  residente a Brindisi; Pierluigi Pierri, residente a Torre San Giovanni a Ugento; Yuri Rosafio, residente a Brindisi; Emanuele Soliberto, residente Brindisi; Gianluca Antonio Spiri, residente a Racale;

L’attività investigativa avviata nell’agosto del 2012 si è conclusa nell’agosto del 2013 con 48 indagati. A dicembre del 2016 è stata eseguita un’ ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Lecce su richiesta della Procura della Repubblica, DDA di Lecce, a carico di 21 persone ritenute responsabili a vario titolo dei reati di associazione di tipo mafioso, traffico e spaccio di stupefacenti. L’indagine aveva portato alla disarticolazione di due distinte organizzazioni, di cui una di stampo mafioso dedita alle estorsioni e al traffico di stupefacenti e un’altra italo – albanese dedita all’importazione dall’Albania d’ingenti quantitativi di eroina.

Nel corso dell’attività investigativa sono stati sequestrati anche beni mobili e immobili per i quali è stata successivamente disposta la confisca, in particolare una villa; un’ appartamento; un box; due conti correnti bancari; un compendio aziendale di una ditta individuale; il 95% del compendio aziendale di una società. L’operazione odierna è stata eseguita con il supporto della Rete Operativa @on, network per il rafforzamento della cooperazione trasnazionale delle forze di Polizia, con l’impiego complessivo di circa 100 unità ed il concorso di pattuglie della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Dopo il terremoto in Turchia e l'allerta tsunami, Treni fermi un'ora in Sicilia, Calabria e Puglia . Allerta della Polizia di Bari: possibili onde di maremoto
Arresti nella notte a Napoli: blitz al clan Mazzarella, le mani della camorra sulla benzina
Reddito di cittadinanza, maxi-truffa a Roma: 61 denunciati per "false dichiarazioni"
'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Arrestato in Francia il latitante della ’Ndrangheta Edgardo Greco ricercato da 17 anni
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito