MENU
30 Novembre 2022 02:33
30 Novembre 2022 02:33

La Corte Suprema indiana rigetta le richieste dei marò. Il Governo italiano: “Latorre non si muoverà dall’Italia”

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: "Fortemente contrariato" dal verdetto che ha respinto le istanze dei due fucilieri: da una parte il prolungamento della convalescenza in patria dopo l'ictus, dall'altra il permesso a Girone di rientrare per le feste natalizie. Il Capo dello Stato in stretto contatto con il governo.

La Corte Suprema indiana ha rifiutato di esaminare le richieste presentate dai legali dei due marò italiani Girone e Latorre, decidendo di  non accogliere la richiesta di Massimiliano Latorre , il quale gode di un permesso che scadrà il 13 gennaio 2015 a causa dell’ictus di cui ha sofferto a settembre, di poter prolungare di altri 4 mesi la convalescenza in Italia. Per la compagna di Latorre si tratta di un’ “ingiustizia enorme“.  I giudici hanno anche rigettato la richiesta del marò Salvatore Girone, che si trova ancora in India di poter tornare a casa per Natale. La Corte Suprema ha detto che si deve ora procedere con il processo ad oltre 33 mesi da quel 15 febbario 2012 quando i due marò vennero accusati di aver ucciso due pescatori indiani scambiati per pirati. Il Presidente  Giorgio Napolitano ha reso noto di essere  “fortemente contrariato” dalle decisione dell Corte Suprema indiana.

Il ministro della Difesa Pinotti, in serata, ha comunicato che “Massimiliano Latorre si deve curare qui in Italia, ce lo stanno dicendo i medici e non vedo quindi come possa tornare in India. Noi non ci muoviamo da questa posizione“. aggiungendo nella trasmissione televisiva “Porta a Porta” (RAIUNO) che la decisione della Corte Suprema indiana “è stata una doccia gelata, una decisione incomprensibile che non riesco a spiegarmi. Questa situazione va risolta e l’Italia non può fare altro che reagire“. “Anche da un punto di vista umanitario la nostra richiesta doveva essere accettata – ha ricordato il ministro PinottiStiamo seguendo con il ministro degli Esteri e con il presidente del Consiglio questa questione e faremo un punto politico domani mattina in Parlamento“.  “La questione dei due marò italiani, ancora irrisolta dopo tre anni” secondo Federica Mogherini, Alto rappresentante della Politica estera dell’ Unione Europa “può avere un impatto sulle relazioni complessive tra India e Ue“. “L’Unione Europea – ha aggiunto – continuerà a seguire la questione, in contatto con il Governo italiano, e reitera la richiesta di una rapida soluzione“.

 

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
L'anticipazione del libro "Il mostro"di Matteo Renzi: "La vera storia del veto di Letta su di me".
Mattarella a Palermo per la cerimonia di intitolazione dell'aula bunker ai giudici Falcone e Borsellino
Governo Meloni: "Data una risposta immediata sul caro-bollette"
Il marò Massimiliano Latorre chiede un maxi-risarcimento allo Stato "per il ritorno in India"
"Monnezzopoli". L'imbarazzante silenzio della Gazzetta del Mezzogiorno sui processi del proprio co-editore Antonio Albanese imprenditore dei rifiuti
Archivi
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Ischia: la memoria smarrita di Giuseppe Conte

Cerca nel sito