MENU
5 Luglio 2022 02:50
5 Luglio 2022 02:50

CONFINDUSTRIA TARANTO SENZA PRESIDENTE. MARINARO DIMISSIONARIO

Con le dimissioni di Marinaro, Confindustria Taranto scivola in una crisi profonda di rappresentatività, sopratutto a seguito dell'attuale vicenda della crisi ILVA, da cui dipendono le sorti della stragrande maggioranza delle società dell'indotto in appalto, ma anche per la mancanza di un ricambio generazionale qualificante che di fatto non esiste dando un'occhiata ai bilanci delle società degli associati. LA LETTERA DI COMMIATO DI MARINARO

di REDAZIONE ECONOMIA

Ieri pomeriggio si è dimesso Antonio Marinaro presidente di Confindustria Taranto, decisione annunciata con una lettera inviata alle istituzioni locali ed alla base associativa. Una decisione conseguente alle polemiche sulle vicende che hanno coinvolto i probiviri nazionali dell’organizzazione degli industriali a seguito della frattura creatasi nell’associazione di terra jonica.

La decisione di Marinaro è arrivata ieri dopo un confronto anche con i vertici nazionali e regionali, attraverso la presentazione delle proprie dimissioni all’attuale presidente di Confindustria Puglia, Sergio Fontana. Antonio Marinaro aveva guidato l’Ance Taranto, l’associazione dei costruttori edili. prima di essere indicato ed eletto alla presidenza di Confindustria Taranto nell’estate del 2019  al posto di Cesareo, di cui era stato vicepresidente vicario.  

Circa una sessantina degli associati di Confindustria Taranto che contestavano da tempo l’operato di Marinaro accusandolo di scelte unilaterali, spalleggiati dal solito giornalista “a gettone”, proteste dietro le quali si celerebbe l’ombra dell’ ex-vicepresidente Antonio Albanese, titolare della CISA spa di Massafra. Albanese ambiva da tempo a sostituire l’ex-presidente Vincenzo Cesareo a seguito della sua scadenza di mandato, senza successo e venendo rimosso dal suo incarico nell’ultimo direttivo, anche a causa delle sue imbarazzanti pendenze giudiziarie che lo vedono alla sbarra in due processi dinnanzi al Tribunale di Taranto.

Vincenzo Cesareo, ex Presidente di Confindustria Taranto

Le ambizioni di Albanese di diventare presidente di Confindustria Tarano erano state sostenute dall’ ex-Presidente della Provincia di Taranto Martino Tamburrano, finito in carcere ed ora a processo insieme ad Albanese entrambi coinvolti per l’inchiesta “T-Rex” (da noi ribattezzata “Monnezzopoli” ) della Procura di Taranto. Tamburrano aveva proposto alla cordata che sosteneva la candidatura di Marinaro a presidente di Confindustria Taranto, la presidenza per lui del Consorzio ASI, in cambio di lasciare disponibile la poltrona di presidente degli industriali jonici per Antonio Albanese. Offerta che per fortuna venne respinta, salvando la reputazione di Confindustria a Taranto.

da sinistra Antonio Albanese ed il Sen. Luigi Vitali in una manifestazione elettorale

Con le dimissioni di Marinaro, Confindustria Taranto scivola in una crisi profonda di rappresentatività, sopratutto a seguito dell’attuale vicenda della crisi ILVA, da cui dipendono le sorti della stragrande maggioranza delle società dell’indotto in appalto, ma anche per la mancanza di un ricambio generazionale qualificante che di fatto non esiste dando un’occhiata ai bilanci delle società degli associati. E Taranto continua ad essere nella mani dei soliti noti “prenditori” di denaro pubblico, e monnezzari vari.

La lettera aperta di Marinaro

Lettera-MARINARO

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Claudia Coppellecchia, 22 anni, pagata 2 euro all'ora in uno studio di commercialista di Bari
Si è spento Antonio Caramia, imprenditore tarantino lungimirante ed amante della sua città
E' morto un grande italiano: Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica
Bernabè spiega i tempi per il rilancio dello stabilimento siderurgico di Taranto
Reddito di Cittadinanza, tempo di valutazioni
Ance: Federica Brancaccio è la nuova presidente
Archivi
L’Opinione del Direttore
Crollo sulla Marmolada, 7 morti, 8 feriti, 13 dispersi. Il maltempo impedisce l'arrivo in elicottero del premier Draghi a Canazei, dove arriva in auto.
Grillo il "garante" smemorato diceva: "Conte? Incapace. Non ha visione politica"
Silverstone, vittoria Ferrari e primo trionfo di Sainz. Il monegasco Leclerc deluso arriva solo 4°
Csm, Palamara a Nello Rossi: più utile se parlasse dei rapporti tra Violante e Caselli, più efficace se dicesse perché lui ha fatto carriera ed altri no.

Cerca nel sito