Inaugurato a Roma l’anno di studi 2016/17 della Guardia di Finanza

Inaugurato a Roma l’anno di studi 2016/17 della Guardia di Finanza

Il Corpo, quindi, quale fondamentale risorsa al servizio del Paese, a protezione dell’economia sana e a tutela del tessuto economico dell’Italia, punterà ancora su innovazione e futuro. Per dare un’idea del rilevante impegno della Guardia di Finanza in questo settore, si segnala che, nel 2016, le attività formative hanno interessato un totale di oltre 47 mila discenti, frequentatori di circa mille corsi.

CdG Renzi_Padoan GdFQuesta mattina a Roma, presso la Caserma “Generale Sante Laria” – alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi e del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan – si è svolta l’Inaugurazione dell’Anno di Studi 2016/2017 della Guardia di Finanza, che quest’anno, in una forma innovativa, ha visto coinvolti tutti gli Istituti di Istruzione del Corpo e i Centri di Addestramento Regionali mediante una videoconferenza che ha consentito la partecipazione diretta a migliaia di Finanzieri. La cerimonia è stata aperta dal Comandante Generale delle Fiamme Gialle Giorgio Toschi, che ha sottolineato l’importanza degli Istituti di Istruzione e dei Centri di Addestramento presso i Comandi Regionali ai fini dell’accrescimento tecnico-giuridico e culturale dei Finanzieri in materia economica e finanziaria: dall’Accademia di Bergamo e Castelporziano per gli Ufficiali, alla Scuola di L’Aquila per gli Ispettori ed i Sovrintendenti; dalla Scuola di Bari per i Finanzieri, alla Scuola Nautica di Gaeta per gli addetti al comparto navale; dalla Scuola Alpina di Predazzo per i militari del Soccorso Alpino, alla Scuola Addestramento di Specializzazione di Orvieto per i Baschi Verdi (militari Anti Terrorismo e Pronto Impiego), fino alla Scuola di Polizia Tributaria di Lido di Ostia per le attività di aggiornamento, la cosiddetta post formazione e l’alta qualificazione degli oltre 58 mila appartenenti al Corpo.

CdG Gen Toschi GdFLa formazione e l’aggiornamento professionale, continuo e permanente – ha affermato il Generale Toschisono percorsi addestrativi che non si esauriscono tra i banchi degli Istituti di Istruzione ma proseguono, senza soluzione di continuità, nei Reparti Operativi”. Il Corpo, quindi, quale fondamentale risorsa al servizio del Paese, a protezione dell’economia sana e a tutela del tessuto economico dell’Italia, punterà ancora su innovazione e futuro. Per dare un’idea del rilevante impegno della Guardia di Finanza in questo settore, si segnala che, nel 2016, le attività formative hanno interessato un totale di oltre 47 mila discenti, frequentatori di circa mille corsi.

Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?