Il quotidiano spagnolo ABC: “Il governo di Chavez finanziò il M5S con 3,5 milioni nel 2010”

Il quotidiano spagnolo ABC: “Il governo di Chavez finanziò il M5S con 3,5 milioni nel 2010”

Secondo il giornale conservatore, che pubblica in prima pagina anche lo stralcio di un documento dei servizi venezuelani, il denaro venne consegnato in contanti a Gianroberto Casaleggio attraverso il console venezuelano a Milano.

ROMA – Il noto quotidiano spagnolo ABC pubblica in prima pagina un articolo che riguarda il M5S. Secondo il giornale conservatore, il governo venezuelano di Hugo Chavez avrebbe finanziato nell’estate del 2010 con fondi in nero da tre milioni e mezzo di euro il nascente Movimento di Grillo e Casaleggio.

Il denaro sarebbe stato consegnato in contanti in una valigetta  attraverso l’intermediazione di Gian Carlo di Martino console venezuelano a Milano,  a Gianroberto Casaleggio

Secondo il documento pubblicato da ABC lo scopo delle sovvenzioni di Chavez era quello di appoggiare un nuovo “movimento anticapitalista e di sinistra nella Repubblica italiana” e il destinatario finale sarebbe stato Gianroberto Casaleggio.

Tutto avrebbe avuto iniziato per errore, quando un addetto militare del consolato venezuelano a Milano avrebbe trovato una valigetta contenente 3.5 milioni. Da qui la segnalazione a Hugo Carvajal, all’epoca a capo dell’intelligence di Caracas, e la necessità di stilare il report che è stato pubblicato oggi da Abc. “Sono state impartite istruzioni verbali al nostro funzionario in Italia per non continuare a riferire sulla questione – si legge nel documento – che potrebbe diventare un problema diplomatico” tra Italia e Venezuela.

Hugo Chavez

 Il documento indica il cofondatore e ideologo del Movimento Cinquestelle, morto nel 2016, come “promotore di un movimento di sinistra rivoluzionario e anticapitalista nella Repubblica italiana”. I 3,5 milioni di euro – aggiunge il quotidiano citando il documento dell’intelligence, allora guidata da Hugo Carvajal – furono inviati “in modo sicuro e segreto attraverso valigia diplomatica“. La valigetta creò anche un problema interno alla diplomazia venezuelana, rivela il giornale, perchè era stata trovata dall’addetto militare che ne aveva informato Carvajal.

Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo

Questi lo avrebbe tranquillizzato con un dispaccio in cui affermava: “Sono state impartite istruzioni verbali al nostro funzionario in Italia per non continuare a riferire sulla questione, che potrebbe diventare un problema diplomatico” tra Italia e Venezuela. Carvajal è latitante dal novembre scorso dopo l’approvazione della sua estradizione negli Stati Uniti, dove è accusato di narcotraffico e vendita di armi ai guerriglieri delle Farc colombiane. La Spagna, dove si era rifugiato – rimarca il quotidiano -, non era riuscita a impedire la sua fuga.

La somma destinata al Movimento Cinquestelle sarebbe stata attinta da fondi riservati amministrati dall’allora ministro dell’Interno (oggi al dicastero dell’Economia), Tareck el Aissami, che era, ed è, considerato uomo di fiducia di Nicolas Maduro.

Aissami – ricorda il quotidiano ABCè stato oggetto di sanzioni da parte delle autorità statunitensi per reati legati al narcotraffico e al riciclaggio di denaro. Le stesse autorità che pochi mesi dopo adottarono sanzioni economiche contro Maduro accusandolo, subito dopo le elezioni che gli Usa considerano illegittime, “un dittatore che ignora la volontà del popolo“. Abc afferma di avere contattato i diretti interessati alla vicenda, compresi l’attuale leader dell’M5E, Vito Crimi, il suo ex capo politico, Luigi Di Maio, il console venezuelano a Milano, Gian Carlo di Martino e lo stesso Beppe Grillo, ma che “nessuno di loro ha risposto alle domande”.

Il M5 va ricordato nacque nel 2009, quando per la prima volta presentò le proprie liste alle elezioni amministrative. Il Movimento non ha mai nascosto la sua posizione di vicinanza al regime di Nicolas Maduro, che all’epoca dei fatti era ministro degli Esteri di Chavez, schierandosi apertamente contro Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela.

Di presunti finanziamenti ai 5Stelle peraltro a maggio 2019 parlava in un’intervista al quotidiano La Repubblica, proprio l’avversario dei “chavisti”: Juan Guaidò.

Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela

Uno stralcio dell’intervista di Joan Guaido nel 2019 a La Repubblica

Immediate le reazioni delle opposizioni. “Grazie a questo documento segreto pubblicato dallo spagnolo Abc si comprende l’atteggiamento del Governo italiano sul Venezuela e Maduro. Presenterò un’interrogazione urgente a Borrell per sapere chi in Europa e per quanto tempo ha ricevuto finanziamenti illeciti dal regime venezuelano“. Lo scrive su Twitter Antonio Tajani,

La Lega parla di “vicenda gravissima”.  “Mentre gridavano ‘vaffa’ al mondo politico e si presentavano come i garanti della legalità, i vertici del Movimento 5 Stelle nel 2010 avrebbero incassato 3,5 milioni di euro in contanti spediti a Gianroberto Casaleggio dentro una valigetta dall’attuale presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, allora ministro degli Esteri di Chavez. Se quanto riportato dal quotidiano spagnolo ‘Abc’, che cita un documento dell’intelligence venezuelana, fosse confermato, ci troveremmo di fronte ad un finanziamento irregolare e segreto da parte di uno dei governi più controversi del Sudamerica alla forza politica che oggi esprime il presidente del Consiglio e che ha la maggioranza relativa in Parlamento. Beppe Grillo, invece di difendere Conte dagli attacchi interni di Di Battista, potrebbe dare qualche immediata spiegazione. Dopo i terrapiattisti e i gilet arancioni di Pappalardo, pensavamo anche noi di aver visto tutto…” afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Hugo Chavez e Gianroberto Casaleggio

“Se fossero confermate le rivelazioni del quotidiano spagnolo Abc, secondo cui il governo venezuelano guidato da Chavez, e con Maduro ministro degli Esteri, avrebbe finanziato con 3 milioni e mezzo di euro il Movimento 5 Stelle, saremmo di fronte a un fatto gravissimo“. Lo afferma Sandro Gozi, deputato europeo di Renew Europe. “Secondo il giornale spagnolo, nel luglio 2010 il regime venezuelano avrebbe inviato una valigetta con i contanti al consolato di Milano, da consegnare a Gianroberto Casaleggio, in quanto “promotore – si legge nel documento ufficiale dell’intelligence venezuelana riportato da ABC – di un movimento di sinistra, rivoluzionario e anticapitalista nella Repubblica italiana“, prosegue Gozi secondo il quale “è opportuno che il Movimento 5 Stelle smentisca al più presto questa vicenda che, se fosse confermata, metterebbe in imbarazzo non solo il loro partito ma l’intero governo italiano“.

“Il ministero degli Esteri del Venezuela sta valutando azioni legali da intraprendere” hanno fatto sapere delle fonti interne all’ambasciata venezuelana a Roma all’Agenzia Dire.

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?