MENU
19 Giugno 2024 12:53
19 Giugno 2024 12:53

Il Messaggero, via il direttore Barbano: alla guida arriva Boffo. Alla Gazzetta del Mezzogiorno invece gli editori non hanno lo stesso coraggio: tanto paga lo Stato !

Cambio al vertice del quotidiano ‘Il Messaggero’. Alessandro Barbano lascia la direzione del quotidiano romano di via del Tritone assunta un mese fa. Al suo posto va Guido Boffo. A Bari la Gazzetta del Mezzogiorno sempre più in crisi di vendite

Da domani la direzione del quotidiano Il Messaggero sarà affidata a Guido Boffo, attuale vicedirettore. Lo annuncia in una nota il Gruppo Caltagirone Editore. Boffo, torinese, è dal 2016 è al Messaggero dove ha ricoperto il ruolo di capo redattore centrale prima e da ultimo quello di vice direttore. Barbara Jerkov, già a capo della redazione politica del giornale e attuale caporedattore, assumerà il ruolo di vice direttore e Massimo Martinelli ritornerà a via del Tritone come direttore editoriale. “Termina oggi – conclude la nota – la direzione di Alessandro Barbano“. direzione assunta un mese fa

Una scelta “decisionista” quella di Franco Caltagirone presidente del gruppo editoriale che porta il suo nome, nonostante il Messaggero vende in edicola oltre 50mila copie al giorno e non abbia alcun problema gestionale e di bilancio. Era stata Azzurra Caltagirone, amministratrice delegata del Messaggero, a volere Barbano alla direzione del più importante quotidiano romano per sostituire Massimo Martinelli che andava in pensione, riuscendo a convincere suo padre Franco Caltagirone, presidente della casa editrice, che lo aveva licenziato in malo modo dal Mattino di Napoli dopo quasi 6 anni di direzione (2012-2018) e 5 da vice direttore del Messaggero.

La Gazzetta del Mezzogiorno sempre più in crisi

da sinistra gli editori Micolis ed Albanese della Gazzetta del Mezzogiorno, ed i giornalisti Oscar Iarussi e Mimmo Mazza

A Bari invece la società editrice Edime srl ha promosso alla direzione della Gazzetta un giornalista, tale Mimmo Mazza noto nella sua carriera anonima solo per essere stato il vicepresidente del sindacato pugliese Assostampa e membro del comitato di redazione per le redazioni esterne, imposto dal suo “sponsor” Antonio Albanese (uno dei due editori), “promosso” dall’oggi al domani da capo servizio della redazione di Taranto, prima vice direttore con Oscar Iarussi (dopo aver ricevuto gli editori un cortese rifiuto da Giovanni Valentini) e successivamente a direttore.

Non è un caso quindi che da quando l’ormai ex-sindacalista Mazza è al timone del quotidiano barese, le vendite del giornale siano crollate dalle precedenti 8mila copie pre-fallimento, alle attuali circa 4mila copie (dati Ads) , causando un perdita di bilancio di oltre 4 milioni di euro ! Adesso gli editori pugliesi cercano di salvare le proprie risorse economiche avviando un’impresa “sociale” (che definire vergognosa è poco ) per accedere ai contributi di legge sull’editoria, incassando dalla Presidenza del Consiglio già circa 1.900.000 euro. Uno scandalo nello scandalo !

Ma la cosa imbarazzante è che i due precedenti direttori della Gazzetta “post-fallimento“, Michele Partipilo ed Oscar Iarussi dopo essere andati in pensione adesso scrivono e collaborano con il Quotidiano di Puglia (Gruppo Caltagirone Editore) che è diventato il quotidiano pugliese più letto e venduto in edicola, doppiando letteralmente le vendite della Gazzetta del Mezzogiorno aprendo una redazione anche a Bari mentre la Edime (50% Albanese & 50% Miccolis) ha chiuso tutte le redazioni provinciali in Puglia e Basilicata, mettendo in cassa integrazione a zero ore circa una cinquantina di dipendenti gra giornalisti e poligrafici, i quali dal prossimo gennaio 2025 dovranno trovarsi un altro lavoro. Se Partipilo e Iarussi hanno preferito continuare a scrivere sul Quotidiano e non sulla Gazzetta ci deve esserci chiaramente più di un “perchè”… !

A Bari sono in molti a chiedersi in tutti gli ambienti (imprenditoriali, politici, giornalistici) se questa “è la stampa bellezza” o “è la stampa monnezza” ! L’opinione e l’ultima parola la lasciamo volentieri ai lettori.

P.S. profetico fu quel vecchio titolo di Repubblica:La Mazzetta del Mezzogiorno“…

| © CDG1947MEDIAGROUP – RIPRODUZIONE RISERVATA |

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

“Edufintour”: con Poste Italiane l'educazione finanziaria fa il giro d' Italia
Imu, ecco per chi sarà più caro il conto finale
Le "fake news" di Briatore. Dichiara che il Twiga paga 3 milioni di tasse ed invece sono 165mila euro! I dipendenti? Solo 53 e non 150
L' "indiana" Morselli ed il "fido" Ponzio dopo i loro disastri nell' ex-Ilva pretendono anche 8milioni di euro !
Bollette luce e gas: l’Antitrust avvia azione nei confronti di 13 società energetiche
L’Antitrust sanziona il cartello di 14 aziende nella navalmeccanica all’Arsenale di Taranto.
Cerca
Archivi
Premierato, cosa prevede il nuovo ddl: il premier eletto dal popolo, stop ai senatori a vita
“Edufintour”: con Poste Italiane l'educazione finanziaria fa il giro d' Italia
Dia. Presentata la Relazione Semestrale del 1° semestre 2023
Incidenti in piazza San Carlo, nuovo processo per Chiara Appendino (M5S)
Il generale Claudio Graziano trovato morto in casa . Aperta un'inchiesta

Cerca nel sito