MENU
3 Dicembre 2022 07:47
3 Dicembre 2022 07:47

Il Gruppo Arvedi rileva l’Ast di Terni. Nasce un polo siderurgico da 7,5 miliardi.

La Acciai speciali Terni è una delle quattro aziende europee specializzata in laminati piani di acciaio inossidabile, con una produzione di circa un milione di tonnellate e l'impiego di 2.300 dipendenti. Il Gruppo Arvedi, controllato dalla omonima famiglia, è attivo nella produzione e nella lavorazione di acciaio al carbonio e inossidabile, con oltre 4,5 milioni di tonnellate di prodotti siderurgici e 4300 dipendenti

di Redazione Economia

Si è conclusa l’acquisizione da parte del Gruppo Arvedi, della Acciai speciali Terni (che era di proprietà della Thyssenkrupp,) con le relative controllate commerciali in Germania, Italia e Turchia. Il contratto è stato firmato ieri a Essen dal Cav. Giovanni Arvedi e Mario Arvedi Caldonazzo, rispettivamente presidente e amministratore delegato dell’azienda italiana, e da Volkmar Dinstuhl, in rappresentanza della Thyssenkrupp.

Si è arrivati al closing dell’acquisizione, dopo la firma preliminare sottoscritta lo scorso 15 settembre 2021, dopo aver ricevuto il 21 dicembre scorso il via libera dell’Antitrust europea, e di quello dell’Antitrust turco.

Mario Arvedi Caldonazzo e Giovanni Arvedi firmano il contratto di acquisto Ast

In una nota di del Gruppo Arvedi si sottolinea che grazie a questa acquisizione è nato un Gruppo da 7,5 miliardi di euro di fatturato e con oltre 6.600 dipendenti, e l’azienda italiana si consolida tra i principali player siderurgici europei. Con la firma di Essen si conclude positivamente “una trattativa complessa avvenuta in piena collaborazione con Thyssenkrupp e condotta con spirito costruttivo e leale” sottolinea Arvedi. Thyssenkrupp manterrà una quota del 15 per cento in Astin segno di continuità e fiducia“.

il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti

“Sono molto soddisfatto per la firma”, ha dichiarato il ministro Giancarlo Giorgetti.Questo accordo rappresenta un tassello importante per il polo siderurgico italiano, un progetto che il governo sta monitorando e seguendo fin dall’inizio con attenzione e discrezione puntando a favorire in un settore strategico la competitività e sostenibilità ambientale attraverso investimenti in tecnologie innovative, ricerca e sviluppo conservando la massima attenzione alla salvaguardia dei posti di lavoro“.

La Acciai speciali Terni è una delle quattro aziende europee specializzata in laminati piani di acciaio inossidabile, con una produzione di circa un milione di tonnellate e l’impiego di 2.300 dipendenti. Il Gruppo Arvedi, controllato dalla omonima famiglia, è attivo nella produzione e nella lavorazione di acciaio al carbonio e inossidabile, con oltre 4,5 milioni di tonnellate di prodotti siderurgici e 4300 dipendenti. L’operazione che coinvolge l’Ast – si legge ancora nella nota – “rappresenta un rafforzamento del Gruppo in quanto ne completa, in una sinergia industriale, il mix produttivo”.

Nella giornata di ieri si sono svolte le assemblee di Ast e delle società controllate Terninox (Ceriano Laghetto), TK Stainless GmbH (Germania) e TK Turkey che hanno rinnovato gli organi sociali. Giovanni Arvedi è da oggi presidente di Acciai speciali Terni e Mario Arvedi Caldonazzo amministratore delegato. Amministratori Giancarlo Stringhini, presidente delle società inox del Gruppo Arvedi, ed i “ternani” Mariano Pizzorno, riconfermato CFO, e Dimitri Menicali, direttore di stabilimento.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977
Il caso Ilva. I "furbetti" dell' acciaio: Arcelor Mittal
Previsti 19 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2003 per integrazione salariale ai lavoratori ex-Ilva in a.s.
Poste Italiane ottiene la certificazione "Equal-Salary" per le politiche salariali tra donne e uomini
Ok alla manovra da 35 miliardi del Governo Meloni
Esperti nazionali ed internazionali si confrontano a Bari sul futuro dell’acqua
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito