MENU
17 Maggio 2022 15:10
17 Maggio 2022 15:10

F1, Gp Miami: vince Verstappen, le due Ferrari sul podio

L'olandese della Red Bull domina il quinto appuntamento del Mondiale battendo le rosse, cui non è bastata una grande qualifica. Quarto Perez davanti alle Mercedes di Russell e Hamilton

Il Gp di Miami incorona Max Verstappen, che centra la terza vittoria in stagione e accorcia le distanze in classifica piloti. Gara perfetta da parte dell’olandese, che nonostante parta terzo riesce a superare entrambe le Ferrari e taglia il traguardo per primo. Malgrado la mancata vittoria, la Rossa di Maranello si può consolare con un doppio podio: Charles Leclerc conclude infatti secondo davanti al compagno di squadra Carlos Sainz. I due nel complesso non hanno grandi rimpianti e possono ritenersi soddisfatti del weekend. In Top 5 anche Perez (Red Bull) e Russell (Mercedes), che precede il compagno di squadra Lewis Hamilton. A punti anche Bottas (Alfa Romeo), Ocon e Alonso (Alpine) e Albon (Williams).

A Miami una buona Ferrari si è inchinata alla prestazione maiuscola del campione del mondo olandese, che pur partendo dalla terza posizione è riuscito a piegare le rosse gestendo anche il delicato finale, quando una Safety Car ha permesso al Cavallino un disperato assalto conclusivo. Max Verstappen ha però controllato alla grande tutte le situazioni decisive della corsa, ha sfruttato meglio le gomme e confermato che la grande prova di Imola non era stata affatto un caso isolato.

Charles Leclerc e Carlos Sainz sognavano certamente qualcosa di diverso dopo la bellissima qualifica di ieri, una prima fila molto promettente. Ma entrambi temevano la velocità della Red Bull e avevano ragione, la gara ha confermato che in rettilineo, soprattutto in gara, la RB18 in questo momento ha qualcosa in più della F1-75. Il secondo e il terzo posto sul podio sono un risultato da accettare. Leclerc mantiene la testa del Mondiale, ma ora Verstappen si è ulteriormente avvicinato ed è a soli 19 punti. 

La classifica finale

  1. Verstappen (Red Bull)
  2. Leclerc (Ferrari)
  3. Sainz (Ferrari)
  4. Perez (Red Bull)
  5. Russell (Mercedes)
  6. Hamilton (Mercedes)
  7. Bottas (Alfa Romeo)
  8. Alonso (Alpine)
  9. Ocon (Alpine)
  10. Albon (Williams)
  11. Ricciardo (McLaren)
  12. Stroll (Aston Martin)
  13. Tsunoda (AlphaTauri)
  14. Latifi (Williams)
  15. Schumacher (Haas)

RITIRATI

  1. Magnussen (Haas)
  2. Vettel (Aston Martin)
  3. Gasly (AlphaTauri)
  4. Norris (McLaren)
  5. Zhou (Alfa Romeo)
TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il presidente della Federtennis, Binaghi attacca il presidente del Coni Malagò: "Voleva danneggiare gli Internazionali"
Il Lecce torna in serie A. Ha vinto il progetto della società sostenuto dalla città e dai tifosi
Figc, respinto il ricorso di De Laurentiis sulla multiproprietà calcistica (Napoli e Bari )
Mino Raiola non ce l'ha fatta: l'annuncio della sua famiglia via Twitter
F1 Imola, trionfo di Verstappen. Leclerc sbaglia ed arriva solo sesto: “Mi dispiace”
F1. La Ferrari vince anche in Australia e Leclerc prova la fuga Mondiale
Archivi
Guerra Russia-Ucraina. Missione Azovstal conclusa, evacuati 264 soldati e 53 feriti. Zelensky: "Gli eroi ci servono vivi". Dentro la fabbrica sono rimasti dei combattenti
Guerra Russia-Ucraina. Raggiunto accordo per evacuare feriti dall'acciaieria Azovstal. La Svezia come la Finlandia, subito nella Nato
Il presidente della Federtennis, Binaghi attacca il presidente del Coni Malagò: "Voleva danneggiare gli Internazionali"
Guerra Russia-Ucraina. La Finlandia ufficializza la richiesta di entrare nella Nato. L’intelligence Gb: “L’offensiva russa nel Donbass ha perso impeto”
Il giornalista Furio Colombo, persona seria, sospende la collaborazione col "Fatto Quotidiano": "Non voglio essere complice di Orsini".

Cerca nel sito