MENU
13 Agosto 2022 14:38
13 Agosto 2022 14:38

ESCLUSIVA. Le intercettazioni dell’inchiesta sulle truffe assicurative per i falsi incidenti a Taranto /2a puntata

Dalla lettura delle carte processuali emerge un'inquietante spaccato, con la famiglia Tortorella che si era specializzata nelle truffe alle assicurazioni coinvolgendo mogli, amanti, fidanzate e fidanzati , tutti desiderosi, senza alcuna vergogna.di fare la "bella vita", vacanze a go-gò, autovetture lussuose, da esibire immancabilmente non solo in città ma anche sui social network. A spese delle assicurazioni

Continua la nostra inchiesta sulla “centrale” delle truffe alle assicurazioni gestite a Taranto dalla famiglia Tortorella , specializzata, secondo gli inquirenti e la Procura di Taranto, a pianificare ed organizzare truffe studiate a tavolino alle principali compagnie assicurative, contando su una rete di avvocati, medici e testimoni falsi. Quello che i nostri lettori potranno scoprire dalla lettura dell’ordinanza che soltanto il CORRIERE DEL GIORNO in esclusiva ha pubblicato e pubblicherà a puntate per tutta la settimana, è che l’inchiesta nonostante una valanga di denunce depositate dalle compagnie assicurative è partita grazie ad una serie di lettere anonime, molto dettagliate, che lasciano intuire che il mittente conoscesse molto bene a fondo la struttura organizzativa dell’ associazione a delinquere assicurata alla giustizia dalla procura tarantina grazie all’eccellente lavoro investigativo svolto dalla Guardia di Finanza di Taranto in collaborazione con la Polizia Stradale.

ORDINANZA Gip 3a parteA

Dalla lettura delle carte processuali emerge un’inquietante spaccato, con la famiglia Tortorella che si era specializzata nelle truffe alle assicurazioni coinvolgendo mogli, amanti, fidanzate e fidanzati (nella foto a destra Tortorella Tiziana ed il fidanzato Capuzzelli Cosimo detto Mimmo, anch’egli indagato ) , tutti desiderosi, senza alcuna vergogna.di fare la “bella vita“, vacanze a go-gò,  autovetture lussuose, da esibire immancabilmente non solo in città ma anche sui social network.

Chiaramente il tutto a spese delle assicurazioni truffate. Ed a danno sopratutto della povera gente onesta che possiede autovetture immatricolate a Taranto, i quali proprio a causa di queste truffe assicurative , è costretta a pagare nel capoluogo jonico i premi assicurativi più alti d’ Italia per i propri automezzi. Come evidenzia il Gip dr. Tommasino, l’organizzazione criminale poteva contare sull’assistenza legale degli avvocati Luigi Lo Franco, Andrea Tagliente, Teresa Sanarica e Pietro Pastore, quest’ ultimo ex-consigliere e presidente del consiglio comunale durante la Giunta del Sindaco Di Bello, e figlio del Pastore arrestato in flagranza di reato, sempre dagli uomini della Guardia di Finanza, per le tangenti pagate a Maricommi Taranto.

ORDINANZA Gip 3a parte B

Così come da un approfondita analisi si evince che ormai questo genere di malaffare è diventato un vero e proprio  “metodo di sopravvivenza” per molta gente. Un sistema per fare soldi a qualsiasi costo. In una città, dove la professionalità, imprenditorialità ed onestà sono qualità sempre più rare da reperire.

ORDINANZA Gip 4a parte

 

NOTA BENE: TUTTE LE PERSONE INCLUSE NELL’ORDINANZA DEL GIP DR. TOMMASINO DEL TRIBUNALE DI TARANTO NON SOTTOPOSTE AD ALCUN PROVVEDIMENTO DI DETENZIONE CAUTELARE , AL MOMENTO SONO ESCLUSIVAMENTE  “PERSONE SOTTOPOSTE AD INDAGINI ” ( CIOE’  ISCRITTE NEL REGISTRO DEGLI INDAGATI DELLA PROCURA DI TARANTO) E QUINDI AL MOMENTO NON SONO “IMPUTATI”

continua /2.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Ispezioni del NAS ed intensificazione dei sevizi di controllo a Taranto da parte del Comando Provinciale Carabinieri .  
La Guardia di Finanza sequestra disponibilità per 9,6 milioni di euro al gruppo De Carlo per un'ipotesi di bancarotta fraudolenta aggravata
Bloccato l’aggressore che ha violentato due turiste francesi a Bari
Maltrattamenti e violenza sessuale in Rsa nel Foggiano: arrestati 4 operatori socio-sanitari
Migranti, 438 migranti salvati dalla Sea Watch sbarcano a Taranto. I sindacati di polizia protestano sulle condizioni dell'hotspot
Le nomine del Comune di Taranto nelle partecipate
Archivi
L'ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio
Operazione “Stazioni Sicure” della Polizia di Stato
Ispezioni del NAS ed intensificazione dei sevizi di controllo a Taranto da parte del Comando Provinciale Carabinieri .  
E’morto Piero Angela. A dare la notizia il figlio, Alberto Angela, con un post su Instagram: "Buon viaggio papà"
Le mete preferite dagli italiani a Ferragosto, spenderanno 11 miliardi

Cerca nel sito