MENU
16 Agosto 2022 03:54
16 Agosto 2022 03:54

Emissioni di fumo nero per un blocco alla raffineria Eni a Taranto

Non è la prima volta che accade. Già 5 anni fa, per la precisione nel novembre 2017, a causa di un forte temporale, si verificò la totale interruzione dellʼelettricità nella raffineria Eni , che aveva “generato il blocco degli impianti e lʼattivazione dei sistemi di sicurezza”.

La fuoriuscita di fumo nero e fiamme visibili anche dalla città a causa di un blocco temporaneo agli impianti della raffineria Eni di Taranto ha fatto scattare l’accensione delle torce. Secondo fonti sindacali interne della Uil, potrebbe essere accaduto a causa di “un’avaria alla centrale a turbogas” della raffineria. Immediate e molteplici le segnalazioni dei cittadini preoccupati ai vigili del fuoco.

Non è la prima volta che accade. Già 5 anni fa, per la precisione nel novembre 2017, a causa di un forte temporale, si verificò la totale interruzione dellʼelettricità nella raffineria Eni , che aveva “generato il blocco degli impianti e lʼattivazione dei sistemi di sicurezza”.

(foto © Roberto Conte, gentilmente concessaci)

Gli operai della raffineria sono usciti immediatamente dallo stabilimento a scopo precauzionale applicando il protocollo di sicurezza aziendale, infatti il blocco degli impianti automaticamente attiva il sistema di ecosentinelle, un meccanismo che prevede la fuoriuscita di fumo dalle torce. Sono in corso accertamenti per verificare le cause che hanno determinato i problemi tecnici e quindi avviare le operazioni necessarie al ripristino dell’impianto.

L’ ENI ha spiegato nel pomeriggio con una nota che l’episodio si è verificato per “un arresto di impianto durante attività routinarie di manutenzione con l’attivazione automatica dei sistemi di sicurezza e conseguente accensione del sistema torce” aggiungendo che “la situazione è sotto controllo e in fase di graduale ripristino“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

A luglio sulle spiagge italiane il 30% delle presenze in meno del 2019
Sette milioni di italiani hanno scelto vacanze sostenibili negli agriturismo
L’Antitrust sanziona 14 case automobilistiche costrette a modificare le offerte di finanziamento
Poste Italiane sempre più solida. Del Fante: "i numeri parlano da soli"
Operativo il Registro delle Opposizioni esteso ai cellulari: attive le nuove modalità di iscrizione
Presentati i vini Sud Sound System delle Cantine Due Palme
Archivi
Buon ferragosto
Quello che le "toghe rosse" non dicono sul Csm...e le loro carriere "correntizie"
Ferragosto 2022, apertura straordinaria di musei e siti archeologici statali
Benedetta Pilato ha pianto "per Stefano" dopo aver vinto agli Europei di nuoto
L'ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio

Cerca nel sito