Ecco la telefonata Trump-Zelenskij: "Fammi questo favore. Vai a fondo su Biden e figlio"

Ecco la telefonata Trump-Zelenskij: "Fammi questo favore. Vai a fondo su Biden e figlio"

Nel colloquio telefonico intercorso il presidente Usa ripetutamente al suo omologo ucraino chiede di collaborare con il suo avvocato Rudy Giuliani e il procuratore generale William Barr: “Qualunque cosa puoi fare è molto importante che tu la faccia, se è possibile” . Nel maggio scorso il procuratore generale dell’Ucraina aveva dichiarato che non c’erano prove di azioni illecite da parte di Hunter Biden, il figlio del candidato democratico alle presidenziali del 2020.

ROMA – Sono alcune delle frasi tratte dalla telefonata – di cui è stata diffusa la trascrizione declassificata e senza omissis – tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente ucraino Volodimir Zelenskij., la causa della richiesta di “impeachment” avanzata dalla portavoce della Camera degli Stati Uniti, la deputata democratica Nancy PelosiTrump non è “al di sopra della legge” e risponderà del suo comportamento, ha detto la speaker democratica della Camera, Pelosi, dopo la diffusione della trascrizione. “Il fatto è che il presidente degli Stati Uniti, violando le sue responsabilità costituzionali, ha chiesto a un governo straniero di aiutarlo nella sua campagna politica, a spese della nostra sicurezza nazionale, minando anche l’integrità delle nostre elezioni”, ha aggiunto Pelosi secondo quanto riportato dalla Cnn. “Questo non è accettabile. Ne risponderà davanti alla legge. nessuno è al di sopra della legge”, ha aggiunto la speaker della Camera, che ieri ha annunciato l’avvio di un procedimento per l’impeachment, cioè la messa sotto accusa del Presidente degli Stati Uniti d’ America.

Al momento sono 205 i deputati americani finora a favore dell’inchiesta per aprire l’impeachment contro Trump, secondo i calcoli del New York Times. Il quotidiano scrive che oltre due terzi dei 235 deputati democratici hanno già dato il loro sostegno. La maggioranza richiesta è di 218. Quindi manca poco.

I membri del Congresso americano stanno indagando al momento per appurare se Trump nella telefonata abbia offerto in cambio il ripristino degli aiuti congelati alcuni giorni prima il colloquio. Lo riportano alcuni organi di stampa Usa. Nella trascrizione prima di chiedere a Kiev di accendere un faro sul figlio di Joe Biden (che è stato membro del board della società energetica ucraina Burisma group il cui proprietario era stato indagato dalla procura locale), Trump ricorda: “Direi che facciamo molto per l’Ucraina“, più di quanto faccia l’Europa.Il presidente ucraino Zelenskij rispose dicendo che Trump ha “assolutamente ragione” e che i paesi europei “non stanno facendo abbastanza per l’Ucraina“. Nel maggio scorso il procuratore generale dell’Ucraina aveva dichiarato che non c’erano prove di azioni illecite da parte di Hunter Biden, il figlio del candidato democratico alle presidenziali del 2020.

Questo il contenuto principale della conversazione:  “Fammi un favore. Si parla molto del figlio di Biden, che Biden fermò l’indagine e molte persone vogliono sapere, così tutto quello che puoi fare con il procuratore generale sarà grandioso. Biden è andato in giro a dire che aveva bloccato l’indagine, quindi se puoi darci un’occhiata. A me sembra orribile“.

il ministro della Giustizia Usa William P. Barr alla Casa Bianca

Donald Trump

La trascrizione della telefonata del 25 luglio del 2019  conferma che Trump durante la telefonata chiese al presidente ucraino di contattare il ministro della Giustizia Usa William Barr per discutere la possibile apertura di un’indagine per corruzione su Joe Biden e suo figlio. Il Presidente ucraino Zelenskij avrebbe dovuto collaborare con il suo avvocato personale, l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani, e con il segretario alla giustizia, William Barr, per “guardare” (cioè indagare) sui Biden.

“Bene perché ho sentito che un procuratore molto bravo era stato allontanato e questo è davvero ingiusto. – dice il presidente Trump nel corso della conversazione telefonica –  Giuliani è un uomo altamente rispettato, è stato il sindaco di New York, un grande sindaco, e vorrei che ti chiamasse. Ti chiedo di parlarci assieme al procuratore generale. Rudy (Giuliani, ndr) è molto informato su ciò che è successo ed è un ragazzo in gamba. Se potessi parlarci sarebbe grandioso. L’ex ambasciatrice degli Stati Uniti era sgradevole, e così la gente con cui aveva a che fare in Ucraina, volevo che lo sapessi“.

Trump

“Volevo parlarti del procuratore”, risponde Zelenskij. “Primo di tutto capisco e sono a conoscenza della situazione. Dopo che abbiamo conquistato la maggioranza assoluta in Parlamento, il prossimo procuratore generale sarà al cento per cento una persona mia, un mio candidato, che sarà votato dal Parlamento e comincerà a lavorare da settembre. Lui o lei si occuperanno della situazione, specialmente dell’azienda a cui hai fatto cenno… A proposito, ti chiedo se hai altre informazioni da fornirci, sarebbe molto utile per l’indagine. Sull’ambasciatrice concordo al cento per cento. Ammirava il mio predecessore, non avrebbe accettato me come nuovo presidente”.

Trump: “Ti faccio chiamare da Giuliani e farò in modo che lo faccia anche il procuratore generale Barr e andremo a fondo sulla vicenda. Ho sentito che il procuratore era stato trattato molto male. Dunque, buona fortuna per tutto. Prevedo che la tua economia migliorerà sempre di più. È un grande Paese. Ho molti amici ucraini, persone incredibili”.

Hillary Clinton è stata tra i primi a reagire alla diffusione del documento  : “Il presidente degli Stati Uniti ha tradito il nostro paese. Non è una dichiarazione politica, è una dura realtà e dobbiamo agire. È un chiaro e attuale pericolo per le cose che ci tengono forti e liberi. Sostengo l’impeachment», ha twittato l’ex candidata alla Casa Bianca. La richiesta di processare Trump deve passare sia alla camera che al Senato: nella prima assemblea i democratici hanno la maggioranza, nella seconda le parti si rovesciano.

“Nei giorni successivi” alla telefonata del 25 luglio fra Donald Trump e il leader ucraino Volodymyt Zelensky alcuni “funzionari della Casa Bianca sono intervenuti” per bloccare e mettere in sicurezza “le informazioni relative alla chiamata, soprattutto la trascrizione parola per parola. Queste azioni mettono a mio avviso in evidenza che i funzionari della Casa Bianca avevano capito la gravità di quanto emerso durante la conversazione”. E’ quanto emerge dalla denuncia della talpa che ha svelato conversazione

 

 

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !