MENU
15 Agosto 2022 09:03
15 Agosto 2022 09:04

E’ morta Marta Marzotto, indimenticabile regina dei salotti italiani

A 85 anni, ricoverata già da qualche giorno in un ospedale milanese si è spenta Marta Marzotto. A dare la triste notizia su Twitter è stata sua nipote Beatrice Borrome , che ha voluto salutarla per l'ultima volta sui social.

CdG addio marta marzottodi Valentina Taranto

La regina dei salotti italiani Marta Marzotto,85 anni , ricoverata già da qualche giorno alla clinica La Madonnina di Milano è  morta. A dare notizia della scomparsa è stata sua nipote, la giornalista Beatrice Borromeo, che ha dato la notizia su Twitter, condividendo una foto della nonna accompagnata dall’ultimo saluto “Ciao nonita mia“. Marta Marzotto non godeva più di ottima salute già da qualche tempo, motivo per cui si era defilata dai riflettori per vivere la malattia in modo discreto, circondata solo dall’affetto di amici e parenti.

Poco dopo, il comunicato ufficiale della famiglia: “Se n’è andata stamattina nel sonno dopo una breve malattia. Era serena e circondata dai figli e dai nipoti che negli ultimi mesi sono stati sempre con lei, testimoni dell’allegria, ironia e generosità che l’hanno accompagnata fino all’ultimo momento”.

Marta Marzotto era nata il 24 febbraio del 1931 da un casellante delle ferrovie e una mondina, ed ha vissuto la sua infanzia a Mortara, in Lomellina provincia di Pavia, dove ha iniziato a lavorare da giovanissima prima seguendo le orme della mamma, facendo la mondina, poi come apprendista sarta. Fin dai primi anni dell’adolescenza mostrava una passione innata per la moda, tanto che nei primi anni dei ’50 inizia a fare la modella presso la sartoria delle sorelle Aguzzi a Milano. E’ proprio nel mondo della moda che incontrato e conosciuto il Conte Umberto Marzotto, vicentino di Valdagno, comproprietario dell’omonima industria tessile, l’uomo che le cambiò la vita.

nella foto i flgli di Marta Marzotto in una vecchia foto di famiglia
nella foto i figli di Marta Marzotto in una vecchia foto di famiglia

Dopo due anni di fidanzamento Marta si sposò nel dicembre del 1954 con  il Conte Marzotto , dal matrimonio nascono cinque figli: Paola, madre di Beatrice e Carlo BorromeoAnnalisa, tragicamente affetta e d uccisa dalla fibrosi cistica alla fine degli anni ’80, Vittorio Emanuele, Maria Diamante e Matteo. L’amore tra Marta e il Conte Umberto come tanti altri finì, e i due decisero di separarsi, ma nonostante l’addio dal marito Marta decise di mantenere il cognome da sposata anche dopo il divorzio.

Schermata 2016-07-29 alle 17.40.27
nella Marta Marzotto e Renato Guttuso

Marta,  musa di Renato Guttuso
Negli anni successivi alla rottura del suo matrimonio,  Marta incontra alle fine degli anni ’60,  conobbe  nel salotto dei Marchi a Milano, innamorandosi e diventando la sua  musa, il pittore ed artista Renato Guttuso,  che l’ha rappresentata in molte delle sue opere. Dopo vent’anni di frequentazione, però, il rapporto tra i due fini con una fine improvvisa.

Stilista, disegnatrice e donna libera
Durante la sua vita Marta Marzotto oltre a lanciare nel “fashion system” stilisti emergenti semi-sconosciuti come ad esempio Roberto Cavalli, si è affermata come stilista e disegnatrice di gioielli, animando i più ambiti salotti italiani fino agli ultimi anni della sua esistenza. Marta si è sempre autodefinita una donna libera e lo ha dimostrato con ogni scelta che ha fatto: è stata mondina, modella, stilista, scrittrice, musa ispiratrice ma anche mamma e moglie, dividendosi tra arte, moda, vita mondana, amori e famiglia. E’ stata una donna così iconica e apprezzata che sono moltissimi i fan che hanno voluto darle un ultimo addio sui social. Marta Marzotto verrà ricordata per la sua esuberanza, per la vita “da fiaba” e per i caftani lunghi e colorati che l’hanno resa una vera e propria icona di stile.

Alla famiglia Marzotto, alla collega Beatrice Borromeo ed all’ amico Matteo Marzotto le più sentite condoglianze dalla direzione del Corriere del Giorno

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Ferragosto 2022, apertura straordinaria di musei e siti archeologici statali
E’morto Piero Angela. A dare la notizia il figlio, Alberto Angela, con un post su Instagram: "Buon viaggio papà"
"La Sirena delle Azzorre" in edicola il nuovo romanzo di Giovanni Valentini
Morta Ivana Trump, prima moglie dell'ex presidente Donald
“Spatriati” di Mario Desiati vince la 76esima edizione del Premio Strega
"The Captured House" mostra ucraina a Roma
Archivi
Quello che le "toghe rosse" non dicono sul Csm...
Ferragosto 2022, apertura straordinaria di musei e siti archeologici statali
Benedetta Pilato ha pianto "per Stefano" dopo aver vinto agli Europei di nuoto
L'ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio
Operazione “Stazioni Sicure” della Polizia di Stato

Cerca nel sito