MENU
15 Giugno 2024 02:49
15 Giugno 2024 02:49

Buco di 19 milioni nel bilancio della Regione Puglia . Bozzetti (M5S) smentisce Mazzarano (Pd)

"Va inoltre ricordato allo smemorato Mazzarano che, nonostante i suoi tentativi di arrampicarsi sugli specchi, i dipendenti non hanno ancora ricevuto il saldo del premio incentivante 2015 e tutto quello del 2016, quindi al momento un danno già lo hanno subito e visti i precedenti di questi due anni"
ROMA – Con una nota diffusa in serata il M5S  smentisce le affermazioni del capogruppo PD in consiglio regionale: “Ci dispiace constatare che, ancora una volta, il capogruppo PD Mazzarano non abbia perso l’occasione di polemizzare anche su una questione così delicata evitando a se stesso una magra figura e ci dispiace  anche notare che leggendo i nostri comunicati faccia ogni volta finta di non comprendere. La nota alla Corte dei Conti che abbiamo inviato ed a cui fa riferimento la nostra nota stampa, è stata inviata il 18 maggio, quindi ben 5 giorni prima rispetto a quella inviata dal Dipartimento Risorse Finanziarie che data il 23 maggio, ma vi è di più, perché la nostra interrogazione all’assessore Nunziante data 11 aprile 2017 con una risposta arrivata il 4 maggio. Nella Commissione competente e nel successivo Consiglio, su nostro espresso sollecito di invio alla Corte dei Conti di una nota da parte dell’assessore Nunziante, lo stesso ha sempre asserito che avrebbe prima cercato di risolvere il problema e poi avrebbe fatto tutto il necessario per verificare le cause e le responsabilità“.
All’interrogazione presentata dal M5S in  data 11/04/2017  per avere i necessari chiarimenti a riguardo, l’assessore al Personale e Organizzazione, Antonio Nunziante, ha risposto quantificando l’importo da recuperare addirittura ad oltre 19.750.861 di euro. Un danno alle casse ed anche all’immagine della pubblica amministrazione, di cui, prima o poi, qualcuno dovrà rispondere.

La legge aveva fissato dal 2011 fino al 2014, un tetto massimo per il totale del salario accessorio regionale, bloccandolo ad un valore non superiore a quello del 2010 e comunque riducendolo in maniera proporzionale alla riduzione del personale.
Dal 2015 in poi l’ammontare complessivo delle risorse destinate ai salari accessori sarebbero state comunque decurtate dello stesso ammontare stabilito negli anni precedenti. Tuttavia  pare che  una enorme somma di denaro per un totale di 19 milioni di euro  sia stata comunque corrisposta dal 2011 al 2016 sotto forma di salario accessorio, soldi che a questo punto, dovranno  essere necessariamente recuperati dalle casse regionali al più presto possibile.

La questione però non è semplice poichè tale recupero forzoso potrebbe riguardare forti decurtazioni salariali mensili agli incolpevoli dipendenti della struttura regionale che già stanno pagando un prezzo salato, dal momento che per il 2015 si è avuto il blocco del saldo del premio incentivante, attualmente esteso anche a tutto il 2016.

“Va inoltre ricordato allo smemorato Mazzarano” – continua il consigliere regionale pentastellato Gianluca Bozzetti – “che, nonostante i suoi tentativi di arrampicarsi sugli specchi, i dipendenti non hanno ancora ricevuto il saldo del premio incentivante 2015 e tutto quello del 2016, quindi al momento un danno già lo hanno subito e visti i precedenti di questi due anni, ci scuserà se diffidamo apertamente delle rassicurazioni del presidente Emiliano, dal momento che difficilmente alle sue promesse è riuscito a dare un seguito con i fatti (gli esempi in merito tra piano di riordino, tap, xylella, ecc. si sprecano)“.

“In ultimo ricordiamo a Mazzarano – conclude la nota del M5Sche stiamo parlando di un buco da 19 milioni, dunque ci chiediamo con quale coraggio il capogruppo PD riesca a parlare in questa occasione di “parametri di generale virtuosità finanziaria della Regione”, l’unica cosa che possiamo ipotizzare è che vista l’attenzione con la quale i governi targati Partito Democratico in generale gestiscono i fondi pubblici, un buco da 19 milioni possa da Mazzarano essere probabilmente considerato un problema di poco conto

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Sguardi gelidi e il baciamano fra Macron e la Meloni : lo smacco francese senza precedenti
Elezioni Comunali Lecce, completato lo scrutinio delle ultime sezioni: ballottaggio Poli Bortone-Salvemini
G7 Italia. La premier Meloni: "Rafforzare dialogo con il sud del mondo"
Il G7 in Puglia, con l' Italia protagonista
Il presidente USA Joe Biden arrivato a Brindisi
Autonomia, scontri alla Camera: rissa in Aula, il deputato Donno (M5S) finisce in infermeria
Cerca
Archivi
Il Papa: "Nessuna macchina tolga la vita umana". La premier Meloni: "Le sue parole sono d'ispirazione per tutti"
Sguardi gelidi e il baciamano fra Macron e la Meloni : lo smacco francese senza precedenti
Il video del presunto stupro di gruppo nella villa di Beppe Grillo proiettato in aula. "La studentessa non era partecipe del rapporto"
Elezioni Comunali Lecce, completato lo scrutinio delle ultime sezioni: ballottaggio Poli Bortone-Salvemini
Prostituzione a Bari, a giudizio immediato le “Squad girls” e altre tre persone

Cerca nel sito