MENU
3 Dicembre 2022 08:04
3 Dicembre 2022 08:04

Bari, doppio processo per il pm Michele Ruggiero della procura di Bari . “Falsificato verbale a Trani”.

Il magistrato va a processo accusato di aver falsificato i verbali e minacciato i testimoni, costringendoli ad accusare due indagati (arrestati). Ruggiero ha già una condanna analoga in appello e continua a svolgere la sua funzione. Il Csm non ha nulla da dire ?

Doppio rinvio a giudizio disposto dal Gup di Lecce dr.ssa Giulia Proto, nei confronti dell’ex pubblico ministero della Procura di Trani, Michele Ruggiero, attualmente in servizio presso la procura di Bari, nell’ambito di due procedimenti separati scaturiti da denunce parallele. Gli atti furono immediatamente trasmessi alla Procura Generale ed a quella di Lecce dal procuratore capo di Trani (all’epoca dei fatti) Carlo Maria Capristo. Il Tribunale di Lecce competente a trattare i procedimenti che coinvolgono magistrati in servizio nel distretto della Corte d’appello di Bari, ha fissato l’inizio dei due processi (i fascicoli sono distinti) a carico di Ruggiero per il 21 marzo e il 6 giugno 2023 davanti al giudice monocratico della sezione penale del Tribunale salentino.

Il pubblico ministero Roberta Licci

Il primo è riferito all’esposto presentato da Sergio De Feudis, funzionario dell’area finanziaria del Comune di Trani, imputato nel processo “Sistema Trani” a seguito di indagine istruita dallo stesso Ruggiero nel 2014 quando furono arrestati l’allora sindaco Luigi Riserbato e altre cinque persone. De Feudis aveva denunciato il magistrato per i toni e le pressioni che avrebbe utilizzato nell’escussione di due testi, dalle quali sarebbe poi scaturito il suo arresto nella primavera 2016. La data di questo processo è stata fissata al 21 marzo 2023.

Il secondo rinvio a giudizio nasce invece dalla denuncia dell’ex vicesindaco, Giuseppe Di Marzio, arrestato il 20 dicembre 2014 insieme ad altri attuali imputati del processo Sistema Trani . Di Marzio voleva dimostrare come il verbale delle sommarie informazioni testimoniali rese durante le indagini preliminari dal consigliere comunale Beppe Corrado, fosse differente rispetto all’ effettivo contenuto dell’interrogatorio, emerso con il rilascio in udienza dei file audio contenenti le registrazioni di quelle Sit. Sulla base dell’imputazione formulata dalla pm di Lecce Roberta Licci, Ruggiero avrebbe sintetizzato le parole di un testimone “in modo del tutto distonico rispetto alle effettive dichiarazioni”, con riferimento al presunto coinvolgimento di Di Marzio in un episodio di richiesta di tangenti. Di Marzio si è costituito parte civile con l’avv. Enrico Capurso.

Nelle nuove trascrizioni del testimone sarebbe emerso che, nel precedente verbale, sarebbero state “assemblate affermazioni rese in momenti diversi nel corso della lunga escussione, in una consequenzialità logica non coerente con le effettive informazioni rese dal teste“. Si sarebbero quindi riscontrate delle difformità ed omissioni che avrebbero determinato la decisione del pm Ruggiero di arrestare Di Marzio pur nell’assenza delle condizioni oggettive per disporre la grave misura cautelatre. La data dell’udienza relativa a questo procedimento è stata fissata per il 6 giugno 2023.

Secondo l’impianto accusatorio sostenuto dalla procura di Lecce, sarebbero stati costretti “con modalità intimidatorie e violenze verbali” a dichiarare il falso minacciando un testimone di gravi conseguenze penali se non lo avesse fatto. Secondo la difesa del pm , invece, gli atti “sono perfettamente regolari e legittimi” e non ci sarebbe stato “nessun tipo di pressioni”.

il pm Michele Ruggiero della procura di Bari

Sempre secondo l’accusa Ruggiero avrebbe detto nei confronti di uno di loro, che affermava di non essere a conoscenza del pagamento di tangenti,”ti stavamo per arrestare“, “anche la sola indagine a tuo carico ti creerebbe un casino di problemi per la laurea, per il tuo futuro”, “stai attento a quello che dici“, “io le cose le so già e te ne andrai in carcere pure tu“. “Ci vedremo tra un mesetto, però in una diversa posizione, tu stai dietro alle sbarre e io sto da un’altra parte… non ti sto impaurendo“. Ed ancora: “Ma perché devo minacciarti di arrestarti per farti dire la verità porca p…”. Ad un’altra testimone, sempre secondo l’accusa, Ruggiero avrebbe contestato un “atteggiamento omertoso e mafioso”.

Uno dei capi d’accusa per falso è contestato al pm in concorso con un poliziotto della Digos di Bari, Michele Tisci che era consigliere comunale a Trani. Il pm Ruggiero ha commentato “Ritengo totalmente infondata le accusa e sono certo di poter ottenere giustizia all’esito del dibattimento. Ho sempre lavorato e continuo a lavorare con serietà, ho fiducia nella giustizia”.

Per fatti analoghi, Ruggiero che ha sempre respinto ogni accusa, è già stato condannato a 6 mesi di reclusione dalla Corte di Appello di Lecce (in primo grado era stato condannato ad un anno) per “concorso in tentata violenza privata” per fatti dell’ottobre 2015. Su questa vicenda pende attualmente ricorso per Cassazione. L’indagine in questo caso riguardava delle presunte pressioni fatte da due pm tranesi (l’altro è il pm ora in servizio a Bari Alessandro Donato Pesce, condannato anch’egli in appello a 4 mesi) su tre testimoni di un’inchiesta, per costringerli ad ammettere di essere a conoscenza del pagamento di tangenti all’ex comandante della polizia municipale di Trani, Antonio Modugno, nella fornitura di photored. 

il pm Alessandro Donato Pesce della Procura di Bari

Sa a dir poco di incredibile che due magistrati condannati in primo e secondo grado possano continuare a fare i sostituti procuratori della repubblica, persino “promossi” dalla procura di Trani a quella del capoluogo pugliese, a Bari. Resta da chiedersi come sia possibile e sopratutto come mai il Csm consenta una situazione del genere.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti
Gli ispettori del ministero chiudono le cooperative della famiglia di Soumahoro
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Disastro a Ischia. Le menzogne di Conte :"Nel 2018 non firmai un condono". Ma la parola "condono" si trova persino nel titolo della norma !
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito