MENU
3 Ottobre 2022 07:09
3 Ottobre 2022 07:09

Arrestato l’autore dello strangolamento dell’ 83enne trovato morto in casa a Taranto. E’ stato il vicino 27enne per una lite da 50 euro

L'omicida Cosimo Casone, muratore 27enne conoscente della vittima aveva spiegato ai Carabinieri , idi essersi recato alle 21 di ieri sera presso l’abitazione dell’83enne, con il quale aveva avuto un diverbio per una piccola somma di denaro, 50 euro, diverbio che era sfociato in una vera e propria lite, e che per difendersi aveva strangolato la vittima

ROMA –  Il pensionato strangolato Mario D’Amato era stato rinvenuto cadavere dai Carabinieri  alle ore 15,00 circa di domenica  all’interno della propria abitazione a Taranto in Via Diego Peluso.   Il rinvenimento della salma è avvenuto dopo che l’operaio tarantino 27enne Cosimo Casone, si era presentato poco prima intorno alle ore 13.45  presso la caserma del Comando Provinciale Carabinieri di Taranto confessando di aver ucciso l’anziano.

I Carabinieri della Compagnia di Taranto, si sono immediatamente recati sul posto dopo la conferma della presenza del corpo esanime del D’Amato nell’abitazione di Via Diego Peluso sono giunti il pubblico ministero di turno della Procura di Taranto,  insieme al medico legale Marcello Chironi ed ai militari della Sezione Investigazioni Scientifiche del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Taranto. All’esito dei preliminari accertamenti, è emerso che la causa del decesso è verosimilmente lo strangolamento.

La dinamica è risultata coerente con quanto aveva già riferito il Casone, muratore conoscente della vittima ai Carabinieri , il quale aveva spiegato di essersi recato alle 21 di ieri sera presso l’abitazione dell’83enne, con il quale aveva avuto un diverbio per una piccola somma di denaro, 50 euro, diverbio che era sfociato in una vera e propria lite durante la quale, secondo quanto riferito dal 27enne, la vittima lo avrebbe colpito con un bastone, ed egli quindi gli avrebbe stretto le sue mani intorno al collo fino a strangolarlo.

L’uomo alla presenza del proprio legale ha confermato la dinamica  al magistrato inquirente  all’interno della caserma dei Carabinieri di Viale Virgilio, ed all’esito dell’interrogatorio è stato dichiarato in stato di fermo per il reato di “omicidio” ed associato presso la Casa Circondariale di Taranto, in attesa dell’udienza di convalida che si terrà nei prossimi giorni.

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Beppe Grillo condannato per diffamazione
Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
Danno da 11 milioni alla Regione Lazio, Zingaretti sotto inchiesta per le mascherine mai consegnate
La Milano by-night schiava di droga e sesso
Esercitazione aeronavale delle Fiamme Gialle nel golfo di Taranto
Archivi
Da oggi a Bari il "Prix Italia 2022"
Il Presidente della Repubblica del Congo Denis Sassou Nguesso incontra l’Ad di Eni Claudio Descalzi
Emergenza gas. Il ministro Cingolani rassicura: "Per l'inverno siamo coperti"
Boselli "cavaliere" nella vita e nella moda
La relazione del 2° semestre 2021 delle attività della D.I.A depositata alla Camera e Senato

Cerca nel sito