MENU
30 Giugno 2022 16:11
30 Giugno 2022 16:11

Arrestati gli autori del furto dell’icona del Salvator Mundi trafugato dalla Basilica di San Domenico Maggiore a Napoli

La tela di scuola leonardesca risale al XV secolo, risulta essere stata realizzata da un allievo di Leonardo, nel secondo decennio del XVImo secolo, era stata ritrovata dagli agenti in una appartamento di via Provinciale delle Brecce

Nella mattinata di oggi i militari del ROS-Raggruppamento Operativo Speciale dei Carabinieri con la collaborazione del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Napoli, e la Squadra Mobile di Napoli, hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia  di Napoli nei confronti delle seguenti 6 persone tra le quali il collaboratore familiare del convento di San Domenico gravemente indiziate di reati: Tommaso Boscaglia, Pasquale Ferrigno e Marco Fusaro per furto aggravato; Domenico De Rosa, Vincenzo Esposito ed Antonio Mauro per ricettazione (aggravata dalla finalità dell’agevolazione mafiosa) del dipinto, olio su tavola, rinvenuto in data 1 gennaio 2021, dopo che era stato trafugato dalla Basilica di San Domenico Maggiore – Convento dei Padri Domenicani, raffigurante l’icona del “Salvator Mundi” o “Cristo Benedicente“, copia del più famoso Salvator Mundi realizzato da Leonardo da Vinci, venduto dalla casa d’asta Christie’s di New York per un valore di 450 milioni di dollari. La copia in questione dall’ ingente valore storico e artistico, risulta essere stata realizzata da un allievo di Leonardo, nel secondo decennio del XVImo secolo.

Il “Salvator Mundi”, dipinto di scuola leonardesca risalente al XV secolo, che fa parte di una collezione custodita presso il museo Doma della Basilica di San Domenico Maggiore, a Napoli, e collocato nella Cappella Muscettola da cui era stato trafugato, era stato recuperato dagli agenti della Sezione Reati contro il patrimonio della Squadra Mobile della Questura di Napoli . Gli investigatori della Polizia di Stato hanno trovato il dipinto nascosto in una camera di un appartamento in via Strada Provinciale delle Brecce. Il proprietario dell’appartamento, un napoletano di 36 anni incensurato, rintracciato poco distante dall’abitazione, è stato immediatamente sottoposto a fermo per ricettazione.

Nella ricettazione della copia del Salvator Mundi sarebbe coinvolto il clan camorrista Licciardi, componente dell’Alleanza di Secondigliano . Come detto I carabinieri del Raggruppamento Operativo Speciale e la Squadra Mobile di Napoli, con la collaborazione del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Napoli, hanno eseguito  un provvedimento di fermo nei confronti di sei persone .

A fare da intermediario sarebbe stata proprio Maria Licciardi, sorella di Gennaro, soprannominato “la scimmia” e fondatore dell’organizzazione malavitosa, inserita nella lista dei 30 criminali piu’ ricercati d’Italia, arrestata dal Ros di Napoli, lo scorso agosto alle 7 del mattino all’aeroporto romano di Ciampino dal quale era in procinto di partire per la Spagna. Gli inquirenti non escludono che la sua scelta di andare fuori dall’Italia fosse stata dettata dall’aver compreso, grazie al suo sistema capillare di ‘ascolto del territorio’, di essere nel mirino della procura e destinataria di una nuova misura cautelare dopo l’annullamento di quella emessa dal gip di Napoli nel 2019.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Condannato a 12 anni e 8 mesi l'ex giudice di Bari De Benedictis
Gli "strani affari" di Massimo Bochicchio con la cosca Santapaola. Un nuovo mistero ?
I fratelli Matarrese a processo per il fallimento della Sm, che aveva investito e distratto oltre 20 milioni nel Bari calcio
Bochicchio: indagini per istigazione al suicidio. Caccia agli ultimi messaggi del broker morto in un incidente motociclistico
Il broker finanziario Massimo Bochicchio muore in motocicletta : aveva truffato i vip di Roma, Lippi e Conte
Pugnalata a morte nel letto dove dormiva con il marito che subito dopo si è suicidato
Archivi
Il giornalista Rai Ranucci (Report) indagato dalla procura di Roma per minacce via chat e sms all' on. Ruggieri.
Cambio di vertice allo S.C.I.C.O. delle Fiamme Gialle
Stefano Costantini è il nuovo capo Ufficio stampa del sindaco di Roma
Draghi al G7: “Sanzioni fondamentali per spingere la Russia a negoziare. Putin al G20? Da remoto”.
Condannato a 12 anni e 8 mesi l'ex giudice di Bari De Benedictis

Cerca nel sito