MENU
16 Agosto 2022 02:39
16 Agosto 2022 02:39

Appello bis: Gianni Alemanno condannato a 1 anno e 10 mesi

Alemanno in primo grado era stato condannato e in appello a 6 anni, ma successivamente la Suprema Corte aveva annullato senza rinvio le accuse di corruzione, decidendo di far svolgere un nuovo processo di appello per rideterminare la pena, riqualificando il reato in traffico di influenze, per la vicenda dello sblocco dei pagamenti di Eur Spa

L’ ex sindaco di Roma Gianni Alemanno è stato condannato in Tribunale a Roma ad un anno e dieci mesi per “traffico d’influenze” e “finanziamento illecito” nell’ambito del procedimento stralcio sull’indagine “Mondo di Mezzo”. A deciderlo i giudici della quarta sezione penale della Corte d’Appello di Roma nel processo bis disposto dalla Cassazione per rideterminare la pena. Il procuratore generale aveva chiesto nell’udienza di questa mattina di condannare Alemanno, presente in aula, a due anni e mezzo.

La vicenda giudiziaria dell’ex primo cittadino della Capitale era iniziata nel dicembre del 2014 con una perquisizione domiciliare e la sua iscrizione nel registro degli indagati nell’ambito della operazione Mondo di Mezzo. Nei suoi confronti l’accusa iniziale era di “concorso esterno nell’associazione di stampo mafioso” e “corruzione”. In seguito caddero le accuse di concorso esterno per il quale i pm inquirenti chiesero e ottennero l’archiviazione nel febbraio del 2017. La posizione dell’ex sindaco venne, però, stralciata e per lui restò in piedi soltanto la corruzione a cui si aggiunse il finanziamento illecito.

Lo scorso 8 luglio i giudici della sesta sezione penale della Corte di Cassazione avevano assolto l’ex sindaco Alemanno, difeso dagli avvocati Cesare Placanica e Filippo Dinacci, dall’accusa di corruzione nell’ambito del procedimento stralcio su ‘Mafia capitale’. Alemanno in primo grado era stato condannato e in appello a 6 anni, ma successivamente la Suprema Corte aveva annullato senza rinvio le accuse di corruzione, decidendo di far svolgere un nuovo processo di appello per rideterminare la pena, riqualificando il reato in traffico di influenze, per la vicenda dello sblocco dei pagamenti di Eur Spa.

La Corte di Cassazione con la sentenza aveva confermato la responsabilità dell’ex sindaco Gianni Alemanno in relazione al reato di finanziamento illecito. “Il ridimensionamento del fatto a seguito della sentenza della Cassazione è evidente, rimane l’amarezza per una condanna che a mio avviso non è giustificata perché io continuo a proclamarmi innocente” dice Alemanno.

Ritengo che il fatto di sollecitare i pagamenti di crediti dovuti da tempo dalla pubblica amministrazione non può essere una cosa che mi viene contestata. Rimane quindi l’amarezza anche se il ridimensionamento di tutta questa vicenda è estremamente importante. Attendo di leggere le motivazioni prima di fare ricorso in Cassazione” conclude l’ex sindaco di Roma Capitale.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Operazione “Stazioni Sicure” della Polizia di Stato
La Guardia di Finanza sequestra disponibilità per 9,6 milioni di euro al gruppo De Carlo per un'ipotesi di bancarotta fraudolenta aggravata
Weekend da bollino nero su strade e autostrade: previsioni
Caldo record in Italia, oggi bollino rosso in 10 città 
Lotta alla 'ndrangheta. La DIA sequestra in Italia ed all'estero beni per oltre 32 milioni di euro
Arrestato poliziotto a Gallipoli, picchiava per gelosia la propria compagna davanti alla figlia
Archivi
Buon ferragosto
Quello che le "toghe rosse" non dicono sul Csm...e le loro carriere "correntizie"
Ferragosto 2022, apertura straordinaria di musei e siti archeologici statali
Benedetta Pilato ha pianto "per Stefano" dopo aver vinto agli Europei di nuoto
L'ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio

Cerca nel sito