MENU
8 Febbraio 2023 13:46
8 Febbraio 2023 13:46

A diciasette giornaliste il premio speciale “Matilde Serao” assegnato da Poste Italiane

La cerimonia si è svolta alla presenza della Presidente dell’Azienda, Maria Bianca Farina, e del Condirettore Generale, Giuseppe Lasco

Si è svolta oggi la cerimonia di consegna del Premio speciale “Matilde Serao” per meriti giornalistici, istituito da Poste Italiane in occasione dei 160 anni dalla nascita dell’azienda, che è stato consegnato dalla Presidente di Poste Italiane Maria Bianca Farina e dal Condirettore Generale Giuseppe Lasco a Lucia Annunziata, Natalia Aspesi, Bianca Berlinguer, Giovanna Botteri, Rosaria Capacchione, Adriana Cerretelli, Titta Fiore, Lucia Goracci, Carmen Lasorella, Myrta Merlino, Tiziana Panella, Agnese Pini, Fiorenza Sarzanini, Barbara Stefanelli, Donatella Trotta, Sarah Varetto e Daniela Vergara.

Il riconoscimento è nato per ricordare il legame tra Poste Italiane e Matilde Serao, giornalista e scrittrice napoletana, prima donna a fondare un quotidiano, “Il Mattino”, e a dirigerlo. In giovanissima età, infatti, prima di dedicarsi alla professione giornalistica, Matilde Serao lavorò per tre anni come ausiliaria alla sala telegrafi di Palazzo Orsini di Gravina, all’epoca sede dell’ufficio centrale delle Regie Poste di Napoli. Esperienza che ha raccontato nella novella “Telegrafi dello Stato”.

La cerimonia si è svolta nello storico palazzo delle Poste di piazza San Silvestro a Roma, nella sala intitolata oggi a Matilde Serao. Presenti anche i Direttori del quotidiano Il Mattino, Francesco de Core, e
de Il Messaggero, Massimo Martinelli.

“Abbiamo colto l’occasione dei nostri 160 anni per ricordare Matilde Serao – ha spiegato la Presidente Maria Bianca Farinaintellettuale di primo piano e personaggio dal forte valore simbolico per Poste Italiane perché la sua esperienza di lavoro alle Regie Poste di Napoli è l’esempio dello spirito inclusivo che l’azienda ha dimostrato fin dalla sua nascita, contribuendo in modo significativo al cammino di emancipazione economica e sociale delle donne sin dal periodo post-unitario”.

“Poste Italiane è stata la prima azienda in Italia ad aprire le porte all’occupazione femminile, – ha commentato il Condirettore Generale, Giuseppe Lasco tanto da diventare con gli anni l’azienda “rosa” per eccellenza. Più del 50% dei dipendenti è donna e moltissime di loro occupano posizioni apicali o manageriali. Il Premio Speciale e la sala intitolata a Matilde Serao sono l’omaggio dell’azienda a una donna intraprendente ed emancipata, coraggiosa nel suo lavoro giornalistico e sempre in prima fila nella affermazione dei diritti”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Arriva in aula il processo Mark Caltagirone: imputate le due agenti della showgirl Pamela Prati
Poste Italiane: con Polis nasce la "Casa dei servizi digitali" in 7.000 uffici postali
"Mixer" torna in tv: venti puntate con il meglio di vent'anni di interviste di Giovanni Minoli: da Bettino Craxi a Monica Vitti
L'ex tutore di Paolo Calissano indagato per peculato e circonvenzione di incapace
Il Codacons presenta un'istanza alla Rai: "Chiediamo l'accesso ai voti della finale di Ballando con le Stelle"
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito