Tensione nella maggioranza. Vertice Conte-Salvini. Voci di elezioni a ottobre

Tensione nella maggioranza. Vertice Conte-Salvini. Voci di elezioni a ottobre

Salvini nel colloquio con il premier Conte secondo quanto riferito negli ambienti di Palazzo Chigi, avrebbe posto le proprie condizione per andare avanti:una rivoluzione nel governo, con nomi nuovi e un “contratto” rivisto e corretto in salsa leghista, o è meglio finirla qui, subito per evitare di scrivere la prossima manovra finanziaria da separati in casa. IL COMIZIO DI SALVINI IN DIRETTA SOCIAL DA SABAUDIA

ROMATensione alle stelle nella maggioranza dopo lo stop alla mozione del Movimento Cinquestelle contro la Tav. A Palazzo Chigi si è tenuto in serata un colloquio a quattr’ occhi tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini.

Salvini nel colloquio con il premier Conte secondo quanto riferito negli ambienti di Palazzo Chigi, avrebbe posto le proprie condizione per andare avanti:una rivoluzione nel governo, con nomi nuovi e un “contratto” rivisto e corretto in salsa leghista, o è meglio finirla qui, subito per evitare di scrivere la prossima manovra finanziaria da separati in casa.

Matteo Salvini, in aula al Senato durante la discussione delle mozioni sulla Tav, il Treno ad Alta Velocità Torino-Lione

Fonti della Lega descrivono il colloquiolungo, pacato e cordiale”  mentre dal M5S viene raccontato come assai teso. Luigi Di Maio ha riunito i suoi e giungono le voci più disparate, come quella – alimentata da qualche parlamentare leghista – che ipotizza le urne il 6 o il 13 ottobre. Ma in casa M5s, dove le ansie ed il timore di andare tutti a casa, crescono con il passare delle ore, ci si prepara ad un rimpasto della compagine di Governo.

E’ questa la voce che girava per tutto il giorno nei palazzi del potere: che il leader della Lega punti alla sostituzione del ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli, bocciato in Aula dal sì alla Tav, Ma si sussurra che possa chiedere lo scalpo anche di Giulia Grillo, Elisabetta Trenta e Sergio Costa. Ma è a qualcosa di più che il ministro dell’Interno sembra puntare : un cambio forte radicale nel governo.

Il vicepremier Luigi Di Maio al Senato durante i lavori parlamentari per la TV che ha visto il M5S sconfitto

Secondo alcune fonti del M5S Salvini chiederebbe anche di sostituire il ministro Giovanni Tria, che si è mostrato troppo sensibile alle ragioni delle regole di bilancio Ue. “Magari“, commenta all’ ANSA una fonte del M5s: “se un leghista andasse al ministero dell’Economia dovrebbe ‘accollarsi’ una manovra comunque difficilissima“.

La giornata è stata segnata dalla bocciatura della mozione dei Cinquestelle per bloccare la Tav, invece passano tutte le altre mozioni a favore dell’opera: il Senato ha approvato quella del Pd con 180 sì, 109 contrari ed un solo astenuto. La mozione Bonino ha ottenuto 181 sì, 107 no e un astenuto. Quella di Fratelli d’ Italia è passata con 181 sì, 109 no e un astenuto. Infine quella di Fratelli d’ Italia  ha preso un voto in più ottenendo 182 voti favorevoli, 109 no e 2 astenuti. Il ministro Toninelli ha commentato pateticamente : “Ho votato No, vado avanti sereno”.

Peccato che ci sia poco da essere sereni in casa M5S, quando la mozione grillina contraria alla Tav è stata bocciata dal Senato con 181 no, mentre i voti favorevoli sono stati 110.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !