I soliti "sprechi" di Puglia Promozione: 36 mila euro a Nancy Dell' Olio per fare l' ambasciatrice della Puglia...

I soliti "sprechi" di Puglia Promozione: 36 mila euro a Nancy Dell' Olio per fare l' ambasciatrice della Puglia...

I consiglieri regionali del M5S sono “perplessi” proprio per “i giornali stranieri davano per possibile la nomina” di Nancy Dell’Olio “già dai primi giorni di maggio, mentre la stessa, sembra aver deciso di partecipare alla selezione solo i primi giorni di giugno”. “Vigileremo e chiederemo un report dei risultati ottenuti in questi mesi di durata dell’incarico, visti  i 35mila euro che costerà ai pugliesi e soprattutto in vista di un eventuale rinnovo. I soldi dei cittadini non vanno sprecati”.

ROMA – Nancy (all’ anagrafe Annunzia) Dell’Olio   57enne avvocata, nata a New York , ma ha sempre vissuto sin da piccola nella sua Bisceglie, in provincia di Bari, trasferitasi a Roma, sposò un notaio romano che le consentì di entrare nei salotti romani, arrivando al punto da diventare un’attivista elettorale per le liste romane di Forza Italia, per poi finire nelle braccia di Sven Goran Eriksson, ex allenatore della Lazio.  La “relazione” Sven-Nancy è durata circa dieci anni e si è chiusa male, con tanto di avvocati mandati in campo dallo svedese per far sloggiare Nancy da una lussuosa dimora a Londra, nella zona di Belgrave, dove l’avvocatessa ha avviato un altro capitolo importante della sua vita, celebrato dalle pagine del Sun, il tabloid principe del gossip.

Eppure, quando tutto cominciò, nel 1997, fu amore (o quasi) a prima vista. Lo racconta lo stesso mister Erikkson in un suo libro: “Incontrai per la prima volta Nancy nell’autunno del 1997. Ero in un centro termale italiano a trascorrere un fine settimana. Con me c’era un’amica, una manager svedese. Una sera eravamo a tavola e passò una coppia. Io notai subito la donna, una mora bellissima. Il marito, Giancarlo, si presentò come grande tifoso della Roma e mi chiese come avessi fatto ad accettare di allenare la Lazio. Il giorno dopo incontrammo di nuovo la coppia, in piscina. Nancy mi invitò ad andare una sera a cena da loro. Poco tempo dopo mi chiamò al telefono e confermò l’invito. A tavola lei volle sedersi accanto a me. Qualche giorno dopo un altro invito, un’altra cena e sempre lei accanto a me. Io ricambiai invitando la coppia alla mia festa dei 50 anni. Alla serata era presente anche la mia ex moglie, Anky, che sorseggiando un drink mi disse “scommetto che presto porterai a letto quella Nancy”.

“Gli inviti e le cene proseguirono per tutta la primavera del 1998, in cui io e Nancy cominciammo a frequentarci da soli.- continua il racconto di Eriksson Lei venne a trovarmi anche in Francia, durante i Mondiali. Un giorno decisi che era arrivato il momento di parlare con il marito, Giancarlo. Ne parlai con il mio vice, Luciano Spinosi, che mi disse “non lo fare, non conosci bene gli uomini italiani. Un marito può anche spararti”. Io invece presi coraggio e qualche giorno dopo mi presentai a casa di Giancarlo per dirgli che mi ero innamorato di sua moglie. Lui mi accolse a casa con la solita gentilezza e quando gli raccontai la storia lui rimase serio ad ascoltarmi. C’era anche Nancy a casa. Dopo qualche secondo di silenzio, Giancarlo mi disse “ti ringrazio per la sincerità, ma ora fammi parlare da solo con mia moglie”.

“I primi tempi con Nancy furono fantastici, ma lei voleva essere sempre al centro dell’attenzione e cominciarono i problemi. Era soffocante. Un giorno si fece vivo Giancarlo. Voleva avere un’altra possibilità con Nancy”. Il tentativo di riconquista andò a vuoto. La storia tra Sven e Nancy sarebbe durata fino al 2007, per finire nel modo più banale: nell’ aula di un tribunale.

Infatti al libro di mister Erikkson arrivo la risposta : “My Beautiful Game” biografia ufficiale scritta da Nancy Annunziata Dell’Olio. Un libro di 352 pagine edito dalla cada editrice Bantam Press (prezzo: 48,50 dollari !!!) nel quale la vendicativa Nancy fece letteralmente a pezzi Eriksson e le varie donne che gli sono passate fra le lenzuola nel periodo della loro relazione, ovvero la presentatrice tv Ulrika Johnsson (diventata in seguito protagonista di un cartoon erotico sul “Mirror“) e la segretaria della FA inglese Faria Alam (con ulteriore imbarazzo della Federazione, visto che all’epoca lo svedese era pure il ct della Nazionale). Scappatelle tutte regolarmente finite sulle prime pagine dei tabloid, mentre la Dell’Olio ha sempre preferito scegliere la politica del silenzio, rifiutando dichiarazioni ufficiali (salvo bollare la Johsson come “poveraccia” per aver venduto ai giornali i dettagli piccanti del tradimento) e alimentando così la sua fama di “first lady del football“, dodici centimetri (di tacchi) superiore a starlet e segretarie in cerca di pubblicità.

Ecco chi è la vincitrice dell’ennesima inutile selezione pubblica bandita lo scorso 3 giugno dall’agenzia regionale Pugliapromozione che spende e spande utilizzando molto spesso fondi europei, per cercare “un esperto senior per le attività di pubbliche relazioni internazionali per i pugliesi nel mondo”. L’incarico è stato affidato con determina del 24 giugno alla Dell’ Olio sulla base di criteri come il voto di laurea, la formazione post universitaria, l’abilitazione e la formazione professionale. (chissà se contavano i suoi trascorsi giudiziari contro mister Sven Goran Erikkson…) . L’avvocata di Bisceglie si è qualificata è arrivata prima su un elenco di sette candidati: compenso 35mila euro per sei mesi, tutto compreso.

A presiedere la commissione è Matteo Minchillo, direttore generale “ad interim” di Pugliapromozione ritenuto un “fedelissimo” di Michele Emiliano. Ma questa vicenda che vede glamour, politica ed e affari, incrociarsi ancora una volta, probabilmente non finirà entro il prossimo dicembre. L’accordo infatti prevede che “in caso di finanziamento di ulteriori progetti similari da parte della Regione, Pugliapromozione potrà concordare con l’incaricato un ampliamento dell’oggetto del contratto e del relativo compenso lordo annuo“.

Una candidatura sospetta che ha origine da un incontro casuale avvenuto con il governatore Michele Emiliano in una recente inaugurazione della Fiera del Levante, a Bari, con il governatore nelle vesti di “piacione” quando incrocia la signora del jet set. Secondo la stampa inglese, nella sua nomina c’è qualcosa di sospetto. Infatti lo scorso 3 maggio, cioè un mese prima del bando di gara di Puglia Promozioneil Daily Mail lasciava filtrare l’eventualità per Nancy da Bisceglie, di “intraprendere una carriera edonistico-diplomatica in nome e per conto dell’Apulia felix“.  Il quotidiano britannico tagliava corto,, con una italianissima imprecazione: “Mamma mia!“. Ed il 3 giugno puntualmente la Dell’Olio decide di voler partecipare alla selezione organizzata dall’agenzia regionale per il turismo. Probabilmente era molto convinta evidentemente di potercela fare.

Come al solito il nostro giornale online ha fatto un pò di ricerche ed abbiamo “scovato” questo video in cui la Dell’ Olio invitava i ragazzi italiani a trasferirsi in Inghilterra: E questa sarebbe una testimonial per la Puglia ?

I consiglieri regionali del M5S sono “perplessi” proprio per “i giornali stranieri davano per possibile la nomina” di Nancy Dell’Oliogià dai primi giorni di maggio, mentre la stessa, sembra aver deciso di partecipare alla selezione solo i primi giorni di giugno“. “Vigileremo e chiederemo un report dei risultati ottenuti in questi mesi di durata dell’incarico, visti  i 35mila euro che costerà ai pugliesi e soprattutto in vista di un eventuale rinnovo. I soldi dei cittadini non vanno sprecati”.

 

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !