Caro Direttore (Colella) ti scrivo….

Caro Direttore (Colella) ti scrivo….

L’Associazione Terra accoglie con piacere le parole del Direttore di Confcommercio Taranto Angelo Colella, porgendo i suoi migliori auguri per la nuova carriera da direttore artistico di eventi. Ci spiace di non averla “entusiasmato” e di aver preferito “sposare la cultura a discapito di un format collaudato” (come da lui stesso dichiarato al “Quotidiano”); forse il Direttore preferiva che invece di organizzare eventi artistici e culturali l’Associazione Terra organizzasse la “Sagra delle Polpette” o dei “Panzerotti” come si fa nei paesi della provincia jonica…eventi tra l’altro, che noi apprezziamo tantissimo calati in quei contesti.

Schermata 2015-08-28 alle 14.17.40

Il nostro caro Direttore afferma che “durante l’Isola che Vogliamo camminavi mezz’ora o un’ ora senza vedere granchè”…Benissimo!  Fermo restando che non è questo il modo giusto di vivere gli eventi ( ovvero quello di recarsi in un luogo senza aver programmato ciò che s’intende raggiungere o visitare, senza aver consultato il sito, senza essersi muniti di una piantina, senza sapere cosa trovare prima di raggiungere la città vecchia… ma semplicemente “a stare”, a passeggiare senza una meta ben precisa ), siamo contenti di imparare dal nuovo “Guru dell’ Arte” che 20/25 appuntamenti culturali nell’arco di una singola serata nei più suggestivi luoghi dell’ Isola per lui non siano un granchè…siamo dispiaciuti di apprendere che il Colella non sia riuscito a godere dei concerti dei Professori e degli Alunni del Paisiello dedicati a Giovanni Paisiello, Costa e Fago

Siamo dispiaciuti che non abbia colto il nostro impegno nel dare un piccolo ed umile contributo al salvataggio dell’ Istituto Paisiello attraverso la raccolta di migliaia di firme nelle serate dell’ Isola che Vogliamo … Siamo dispiaciuti che non sia riuscito a visitare gli Ipogei della Città Vecchia aperti e riportati alla luce l’anno scorso in fruizione contemporanea durante l’Isola che Vogliamo

CdG Isola che vogliamo 2015

Siamo spiacenti che non abbia potuto prendere parte agli eventi organizzati da Inchiostro di Puglia, dall’ Associazione PrimaCheteNeVai, o da Giovanni Guarino del Teatro Crest attualmente in corso all’ Expo di Milano insieme all’ esposizione degli Ori di Taranto…siamo addolorati che non abbia partecipato agli spettacoli di teatro sociale del centro diurno Basaglia o dell’Associazione Creativamente…naturalmente è inutile spiegare al Direttore chi siano ad esempio il Quartetto Fancelli che suonava jazz sotto la Pensilina Liberty , o Mariella Nava nella sua interpretazione del Cantico delle Creature. Siamo sicuri che il Direttore Artistico Colella sa benissimo di cosa stiamo parlando. Così come conoscerà il Ministro Bray che ha twittato L’Isola che Vogliamo o il Ministro Franceschini da noi accompagnato lo scorso inverno negli Ipogei con gli amici di Nobilissima Taranto.

Ci dispiace che il Direttore Colella parli di destagionalizzazione turistica omettendo di notare che l’associazione Terra, sempre in collaborazione con altre realtà imprenditoriali ed associative, solo nell’ anno 2014/2015 ha realizzato 10 serate con “Natale nell’ Isola dei Presepi”, 6 appuntamenti con “Pasqua tra gli Ipogei”, 2 giornate con “Taranto Terra di Mare e di Delfini”, e 5 eventi con “L’Isola che Vogliamo”… Senza naturalmente considerare la presenza tutti i giorni dell’ Associazione Terra nel quartiere e l’ impegno profuso nel “Manifesto della Città Vecchia e del Mare” o da Giovanni Guarino del Teatro Crest attualmente in corso all’ Expo di Milano insieme all’ esposizione degli Ori di Taranto…siamo addolorati che non abbia partecipato agli spettacoli di teatro sociale del centro diurno Basaglia o dell’Associazione Creativamente…naturalmente è inutile spiegare al Direttore chi siano ad esempio il Quartetto Fancelli che suonava jazz sotto la Pensilina Liberty , o Mariella Nava nella sua interpretazione del Cantico delle Creature. Siamo sicuri che il Direttore Artistico Colella sa benissimo di cosa stiamo parlando. Così come conoscerà il Ministro Bray che ha twittato L’Isola che Vogliamo o il Ministro Franceschini da noi accompagnato lo scorso inverno negli Ipogei con gli amici di Nobilissima Taranto.

Ci dispiace che il Direttore Colella parli di destagionalizzazione turistica omettendo di notare che l’associazione Terra, sempre in collaborazione con altre realtà imprenditoriali ed associative, solo nell’ anno 2014/2015 ha realizzato 10 serate con “Natale nell’ Isola dei Presepi”, 6 appuntamenti con “Pasqua tra gli Ipogei”, 2 giornate con “Taranto Terra di Mare e di Delfini”, e 5 eventi con “L’Isola che Vogliamo”… Senza naturalmente considerare la presenza tutti i giorni dell’ Associazione Terra nel quartiere e l’ impegno profuso nel “Manifesto della Città Vecchia e del Mare”.

Schermata 2015-08-28 alle 15.39.21

Inoltre ci dispiace che il Direttore Colella ci insegni che la Città Vecchia “non arriva fino al Duomo“, perché, forse distrattamente, non si sarà accorto che ogni serata si svolgeva in un comparto diverso della città vecchia. Inoltre forse il Colella, nonostante sia nato in Città Vecchia, non ricorda bene com’era la Città Vecchia prima di 5 anni fa e che forse qualche piccolo passo in avanti si è fatto anche grazie a questa manifestazione, nonostante noi non abbiamo mai pensato né affermato che i problemi del quartiere si possano risolvere con una manifestazione.

Noi siamo i primi a volere una città vecchia senza crolli , con maggiore attrattività e con migliori servizi per i residenti. L’Isola che Vogliamo è stata ed è un contenitore ed un laboratorio di “rete” di residenti, artisti ed associazioni, come tante che con noi, prima e talvolta meglio di noi hanno dato e danno il loro contributo al cambio di passo del quartiere.

Inoltre ci dispiace pensare che il Colella per attaccare l’Amministrazione Comunale e l’Assessore alle Attività Produttive usi “L’Isola che Vogliamo”. Noi organizziamo eventi e non ci piace essere strumentalizzati. Vorremmo ricordare al Direttore che in tutto il mondo gli eventi importanti godono del sostegno del Comune o di altri enti, come la Camera di Commercio di Taranto, che dall’ inizio ha sostenuto e supportato la manifestazione. Questo modo di millantare e denigrare è un modo di fare che appartiene alla classe dominante di questa città da tantissimi anni e che l’ha portata nel baratro. Del resto, caro Direttore da appena 26 anni di Confcommercio, non ci sembra che la Città Vecchia ed il Borgo in questi anni abbiano fatto passi da gigante, come si evidenzia dallo stato del commercio e dei commercianti tarantini, la cui crisi non inizia sicuramente negli ultimi due anni; e comunque non crediamo che la maggior parte dei commercianti della città vecchia siano d’accordo con lei.

La ringraziamo comunque per i suoi insegnamenti di cui faremo tesoro. La prossima volta, se ne avrà piacere e se vorrà fare qualcosa di costruttivo e non semplici attacchi per denigrare qualcun altro, incontriamoci e parliamone intorno ad un tavolo tecnico e programmatico. Per crescere tutti insieme come Città e Comunità. Ma forse, volontà e obiettivi, non sono questi.

*  * * * * * * *

Questo intervento è stato postato dall’ Associazione Terra anche su Facebook sulla pagina ufficiale della manifestazione L’Isola che Vogliamo ( vedi QUI) , e per vostra comodità vi offriamo alcuni commenti che la dicono tutta….

Schermata 2015-08-28 alle 15.27.10

Schermata 2015-08-28 alle 15.29.33

Schermata 2015-08-28 alle 15.30.31

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !