MENU
3 Dicembre 2022 06:32
3 Dicembre 2022 06:32

Vatileaks, la Questura di Roma vieta presidio dell’Fnsi davanti al tribunale vaticano

Il sindacato dei giornalisti aveva organizzato insieme all' Usigrai ed all' associazione Articolo 21, una manifestazione di solidarietà in favore dei giornalisti Emiliano Fittipaldi e Gianluigi Nuzzi per la ripresa del processo sulla fuga di notizie in Vaticano

di Valentina Taranto

La Questura di Roma ha deciso di proibire il presidio che si sarebbe dovuto riunire nei pressi della stazione San Pietro per poi spostarsi davanti all’ingresso del Perugino, il varco dello Stato vaticano più vicino al tribunale dove si svolgerà il processo Vatileaks 2 che riprende con una tensione di alto livello , sopratutto per l’attesa per le preannunciate dichiarazioni che Francesca Immacolata Chaouqui, l’ex consulente del Vaticano alla sbarra insieme al monsignore Lucio Vallejo Balda per la fuga di documenti, che annunciato di voler rilasciare domani davanti ai giudici vaticani . A tutto ciò si è aggiunta la tensione relativa ad una manifestazione, organizzata da Fnsi, Usigrai e Articolo 21, per esprimere solidarietà agli altri due imputati, i giornalisti Emiliano Fittipaldi dell’Espresso e Gianluigi Nuzzi di Mediaset.

Schermata 2016-04-05 alle 19.50.16
nella foto da sinistra Emiliano Fittipaldi e Gianluigi Nuzzi

La Federazione della stampa, il sindacato giornalisti Rai e l’ associazione Articolo 21 avevano deciso di far sentire la propria voce in difesa dei giornalisti accusati di aver pubblicato nei loro libri – “Avarizia” di Emiliano Fittipaldi e “Via Crucis” di Gianluigi Nuzzi – i documenti relativi agli affari e agli scandali economici della Santa Sede. “Il diniego dell’autorizzazione da parte della Questura – osservano dalla Fnsi, e dall’Usigrainon può far venir meno il dovere di essere vicini a due colleghi coinvolti in un processo sbagliato e ingiusto“. Articolo 21  ha reso noto di aver appreso con “stupore e indignazione la decisione della Questura di Roma“, precisando che neanche la richiesta di concordare una collocazione più distante rispetto alla sede vaticana è stata accolta  “nonostante avessimo chiarito che saremmo restati in territorio italiano e che la nostra presenza avrebbe avuto, ovviamente, la forma più tranquilla e pacifica“. Ma i rappresentanti delle associazioni  fanno sapere che “Ci saremo lo stesso“, ricordando che Fittipaldi e Nuzzi rischiano una condanna fino a otto anni “per aver svolto semplicemente il diritto/dovere di dare notizie che hanno quel requisito di ‘rilevanza sociale e di pubblico interesse’ e che, peraltro, giorno dopo giorno si dimostrano talmente fondate da vedere aperto un fascicolo presso la stessa procura vaticana sui fatti ricostruiti“.

A destra Francesca Chaouqui, imputata nel processo Vatileaks 2
A destra Francesca Chaouqui, imputata nel processo Vatileaks 2

Ad essere ascoltata domani davanti ai giudici del vaticano sarà Francesca Immacolata Chaouqui, protagonista di uno scambio di accuse con monsignor Balda e pronta ora, secondo quanto ha anticipato su Facebook, a rivelare la verità sulle confidenze che il presule, già segretario della prefettura Affari economici della Santa Sede, le aveva rivelato nella fase in cui i due erano amici.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

L'omicida delle escort a Roma aveva filmato l'uccisione delle donne cinesi. Nel cellulare trovati foto e video "raccapriccianti"
Nella RAI i giornalisti non perdono il vizietto delle pubblicità occulte
Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Addio Quarto Potere? Analisi sui fatti più rilevanti della comunicazione politica, fake news, censura
Il caso Martellotta: il "giornalista...sindacalista" che invoca il reato di opinione. Povero giornalismo!
Londra sanziona la stampa russa: la guerra basata su bugie sulla guerra in Ucraina
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito