MENU
2 Ottobre 2022 17:40
2 Ottobre 2022 17:40

Una falla nella rete mondiale: i cellulari sono tutti intercettabili

Fate attenzione alle vostre conversazioni al cellulare: qualcuno potrebbe intercettarvi facilmente (ed illegalmente) . A rivelarlo è stato il quotidiano americano Washington Post e la notizia sta facendo il giro del mondo creando non pochi problemi alle compagnie telefoniche. Un gruppo di ricercatori tedeschi ha scoperto che anche a chilometri di distanza e fra Stati diversi ogni telefono mobile può essere facilmente intercettato . Hanno infatti scoperto una piccola falla nel sistema presente in ogni telefono cellulare, una via d’ingresso da cui è possibile entrare.

CdG Washington-Post-2Si tratta dei protocolli SS7 (Signaling system), risalgono agli anni ’80 ma vengono attualmente ancora utilizzati per gestire le chiamate e i messaggi SMS. Secondo uno dei ricercatori, Tobias Engles, chiunque volendo è in condizione di poter approfittare questo punto debole della rete, perché le apparecchiature che servono per questo tipo di operazione (illegale) sono diventati molto più economici e quindi più facilmente acquistabili. I risultati della ricerca saranno presentati durante il  Chaos Communication Congress (27-30 dicembre) una nota conferenza per hackers che si tiene ad Amburgo, in Germania

 “Una spia russa potrebbe collegarsi alla rete del proprio operatore e da lì mandare, attraverso SS7, un comando alla rete di un operatore tedesco, fino al cellulare della vittima“. In questa maniera è possibile intercettare ed ascoltare le chiamate in entrate e in uscita da qualsiasi telefono mobile. Ma non è finita ! Infatti si può operare anche stando vicini dalla persona che si vuole intercettare.

In questo caso l’intercettatore può ascoltare persino le chiamate di diverse persone contemporaneamente.  Le reti mondiali sono  interconnesse, per consentire le telefonate internazionali, che vengono smistate (“routing“) appunto via SS7. “Il comando può obbligare la rete tedesca a inoltrare la chiamata avanti e dietro, verso il cellulare dell’attaccante e poi di nuovo a quello della vittima, per intercettarne le conversazioni”, ha spiegato Engels. Ma si possono ascoltare anche le chiamate di persone che ci sono accanto- “È vero che i nuovi protocolli di rete mobile usano una crittografia più forte, per impedire alle chiamate di essere intercettate illegalmente; ma questo non è un grosso ostacolo per i malintenzionati“, spiega Engels.

Secondo lui, infatti, tramite quella vulnerabilità SS7 possono infatti ordinare alla rete di usare una chiave crittografica temporanea che l’intercettatore può decifrare.

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Secondo l' Intelligence Usa, Mosca ha finanziato partiti in oltre 20 Paesi
Le novità di WhatsApp: si possono cancellare i messaggi fino a due giorni dopo l'invio, uscita in incognito dai gruppi, status nascosto e blocco degli screenshot
Ecco la nuova funzione Community di WhatsApp che diventa più social
Crimini e attacchi informatici: poteri dell’Agenzia Cybersicurezza Nazionale e indagini della Magistratura
Anonymous con un nuovo video minaccia Putin: "Nessun segreto è al sicuro, siamo ovunque, anche nella tua stanza da letto"
Anonymous attacca Nestlé : pubblicati online 10 Giga dei suoi dati
Archivi
La relazione del 2° semestre 2021 delle attività della D.I.A depositata alla Camera e Senato
Governo, Follini: "Meloni metta subito carte in tavola e si dia 'agenda'"
Beppe Grillo condannato per diffamazione
Il "caso Meloni-Jebreal" e la stampa monnezza
I deputati M5S esclusi dalle elezioni verranno retribuiti come dirigenti (con i soldi pubblici)

Cerca nel sito