MENU
3 Febbraio 2023 05:54
3 Febbraio 2023 05:54

Guido Alpa

Libri | Televisione |
Spiegate a Selvaggia Lucarelli ed ai suoi vecchi “amichetti” del Fatto Quotidiano, come si fanno le inchieste. Rocco Casalino, almeno ha una scusante: viene pagato per mentire !
7 Novembre 2022
“Concorso in bancarotta fraudolenta:” era questa l’ipotesi di reato con cui Giuseppe Conte, ex presidente del Consiglio, ha rischiato di finire nel registro degli indagati della Procura di Roma, travolto anch’egli dalle esternazioni senza fine dell’avvocato Piero Amara davanti alla Procura di Milano
3 Febbraio 2022
Le Iene mostrano un nuovo documento: “Avevano interessi comuni”. Palazzo Chigi ancora una volta nega: “Non è una fattura comune ma solo un progetto”
4 Dicembre 2019
Ecco chi c’è in pole e chi rischia di perdere il posto: la grande partita è cominciata. Nei prossimi mesi tra multinazionali, spa controllate dai ministeri, organismi indipendenti enti economici vari si ridisegna tutto il deep state italiano. La grande abbuffata è solo all’inizio. Ma i piatti in tavola sono così golosi che in tanti scommettono che il Conte bis, nato debole e già terremotato dalla mossa di Renzi, sopravviverà. Almeno finché tutti i territori del risiko delle nomine non saranno stati spartiti tra i nuovi padroni dell’esecutivo.
21 Settembre 2019
Si arriva ad oggi, e si scopre che quello che è cambiato (grazie all’esperienza di governo) è proprio lui: Giuseppe Conte. Qualcuno potrebbe chiedergli cosa non rifarebbe di questi 14 mesi. Ma la vera domanda è: Conte che cosa ha fatto per 14 mesi? Conte era un illustre sconosciuto quando il primo giugno del 2018 venne nominato premier. Professore di diritto privato con più di qualche sospetto sulle cattedre ottenute e la conseguente accusa di essere un giovane “barone”. Un curriculum gonfiato (in perfetto stile M5S) a proposito dei suoi dichiarati studi alla New York University dove, giurano e smentiscono gli americani,
26 Agosto 2019
“Non era un bando su misura per me”, aveva detto il premier dopo lo scandalo della selezione alla Sapienza. Ma invece il settimanale L’ESPRESSO ha scoperto che il professore che lo avrebbe esaminato lo stimava già da tempo. A tal punto da averlo nominato presidente di un arbitrato da 27 milioni di euro. In pieno conflitto di interesse !
24 Settembre 2018
La composizione laica e togata del nuovo Consiglio Superiore della Magistratura, suddivisa partito per partito (laici) e corrente per corrente (togati)
19 Settembre 2018
La Camera ed il Senato in seduta congiunta hanno completato la composizione del Consiglio superiore della magistratura. Alla Consulta eletto Luca Antonini, professore di diritto costituzionale a Padova, considerato “vicino” alla Lega
20 Luglio 2018

Cerca nel sito