MENU
31 Gennaio 2023 22:19
31 Gennaio 2023 22:19

ex-Ilva

Imprese | Sindacato |
“Questo stabilimento è un pezzo importante della storia industriale di questo Paese, tutti noi speriamo che il piano industriale presentato da Acciaierie d’Italia a Roma possa dare gli sbocchi che vorremmo, cioè un ritorno alla crescita dell’occupazione, un futuro di lungo periodo e un piano industriale ampio e articolato, che passa dalla riaccensione dell’altoforno cinque di Taranto, da un recupero di produzione e da una trasformazione in senso ambientale, che però richiederà anni”
24 Gennaio 2023
“E’ indispensabile unire le voci, remare nella stessa direzione ed evitare posizioni demagogiche che frenano la riconversione, esasperano gli animi e non fanno bene alla città.​ Chiedo dunque a tutte le parti coinvolte di aprire una fase di​ dialogo,​ tutti insieme e di stipulare una intesa per Taranto. Solo con il dialogo si potrà raggiungere una soluzione”
13 Gennaio 2023
Dai primi rilievi si è appreso che la gru ha preso fuoco appena è stata rimessa in funzione dopo un intervento di manutenzione al motore. L’incendio è stato immediatamente posto sotto controllo e non risultano danni a persone
2 Marzo 2022
La società ACCIAIERIE D’ ITALIA aveva chiesto una proroga dei termini precedenti non rispettati addossando all’emergenza Covid 19 il blocco dei lavori, richiesta questa che non era stata accolta dal Ministero che aveva confermato la data di termine dei lavori e disposto in caso di mancato adempimento il fermo della batteria entro 10 giorni.
21 Agosto 2021
Come ben noto il “dossier ILVA”, su cui hanno messo le mani i ministri grillini Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli combinando più guai ed inutili proclami al vento, giace da mesi sulle scrivanie del Ministero dello Sviluppo Economico che adesso ha messo 470 milioni di euro a disposizione di Invitalia per entrare nella società al momento controllata da Arcelor Mittal. Il Governo ha sbloccato inoltre altri 30 milioni di Ilva in amministrazione straordinaria , società proprietaria degli impianti dati in gestione ad ArcelorMittal , per realizzare interventi di carattere sociale in favore dei comuni dell’area di crisi ambientale e cioè Taranto, Crispiano, Massafra, Montemesola e Statte
8 Agosto 2020
A “Porta a Porta” nessuno ha chiesto ad Arcelor Mittal come mai non paga i suoi fornitori locali. Ma cosa aspettarsi da Bruno Vespa e da Lucia Morselli se non delle indegne comparsate da “teatrino” di piazza ? Mancavano solo Michele Emiliano e Rinaldo Melucci !!!
21 Giugno 2020

Cerca nel sito