MENU
28 Giugno 2022 13:46
28 Giugno 2022 13:46

Alberto Bianchi

Nazionale |
La Cassazione ha criticato e dissentito per la quinta volta sull’operato della procura di Firenze.”Il Supremo Collegio chiude la questione una volta per tutte. La Fondazione Open ha sempre operato lecitamente”
19 Febbraio 2022
Il leader di Italia Viva nel frattempo ha “intanto provveduto a firmare una formale denuncia penale nei confronti dei magistrati Creazzo, Turco, Nastasi”. Renzi contro il procuratore: “Non mi fido, è sanzionato per molestie”. Chi sarebbe tranquillo a farsi giudicare da un magistrato che è stato accusato di questo?” ha detto l’ex premier a “Porta a Porta” riferendosi a Creazzo.
9 Febbraio 2022
L’ex premier Matteo Renzi, la sua ex ministra e l’attuale deputato del Pd risultano indagati proprio nel filone di inchiesta per l’ipotesi di reato di finanziamento illecito ai partiti. Agli altri indagati – Patrizio Donnini, Alfonso Toto, Riccardo Maestrelli, Carmine Ansalone, Giovanni Caruci, Pietro Di Lorenzo – vengono contestati a vario titolo i reati di finanziamento illecito ai partiti, corruzione, riciclaggio, traffico di influenze
19 Ottobre 2021
Nella lista dei donatori: Lupo Rattazzi, Davide Serra, il patron di “Venchi” ed esponenti del mondo della cultura. Incassati a luglio oltre 210mila euro, ad agosto 227mila, a settembre 167mila. Il boom è iniziato a fine agosto, proprio nel bel mezzo della crisi di governo. Sulla base alle donazioni ricevute, sembra che qualcuno avesse intuito la sua mossa.A elargire offerte ai comitati civici dell’ex premier sono stati i parlamentari cosiddetti “renziani.” La corsa al versamento di deputati e senatori inizia il 20 di agosto: dopo una settimana, sul conto corrente bancario dei comitati di “Azione Civile”, spuntano 36mila euro.
20 Ottobre 2019
Ecco chi c’è in pole e chi rischia di perdere il posto: la grande partita è cominciata. Nei prossimi mesi tra multinazionali, spa controllate dai ministeri, organismi indipendenti enti economici vari si ridisegna tutto il deep state italiano. La grande abbuffata è solo all’inizio. Ma i piatti in tavola sono così golosi che in tanti scommettono che il Conte bis, nato debole e già terremotato dalla mossa di Renzi, sopravviverà. Almeno finché tutti i territori del risiko delle nomine non saranno stati spartiti tra i nuovi padroni dell’esecutivo.
21 Settembre 2019

Cerca nel sito