MENU
23 Maggio 2022 09:36
23 Maggio 2022 09:36

Stipendi ancora in ritardo. Protesta degli operai delle ditte dell’indotto ILVA

I sindacati hanno chiesto un incontro con i responsabili della fabbrica tarantina, gli operai delle imprese in sit in all'ingresso dello stabilimento

I dipendenti delle aziende E3, Martucci e Idrotecnica srl, operanti nell’indotto dell’ ILVA,  hanno effettuato oggi un sit in di protesta davanti alla portineria imprese dello stabilimento siderurgico.  , Alcuni dei lavoratori sono in cassa integrazione, e lamentano i ritardi nel pagamento degli stipendi.

 I sindacati hanno chiesto un incontro ai responsabili delle ditte per ricevere delle garanzie sul pagamento delle spettanze e poter fare anche luce sul futuro. «Le ditte dell’appalto – hanno scrivono gli operai in un comunicato – dicono basta. L’ILVA si preoccupa solo dei suoi dipendenti come se noi dell’appalto non avessimo necessità primarie, anche noi abbiamo figli, anche noi non mangiamo e anche noi non paghiamo le bollette se non ci sono i soldi»

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Eni: i conti aperti presso Gazprom Bank è stata avviata senza accettazione di modifiche unilaterali dei contratti in essere
Eni consegna al Tesoro un assegno da 940 milioni di utili
Acciaierie d' Italia (ex Arcelor Mittal) continua a pagare in ritardo le aziende dell’indotto dello stabilimento di Taranto
Poste Italiane fra i 25 marchi più forti al mondo
Elon Musk compra Twitter per 44 miliardi di dollari
Le liste della CdP presentate per i Cda di Fincantieri, Aspi e Ansaldo
Archivi
Milan campione d'Italia e scudetto numero 19 sul petto.
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Dateci armi pesanti e sblocchiamo il Mar Nero". Mosca ritratta sullo scambio di prigionieri
Lo stadio di Barletta intitolato a Pietro Mennea, ennesimo spreco di denaro pubblico e conflitto d'interessi dei soliti "furbetti" di Puglia
L’Opinione del Direttore
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Solo la diplomazia può porre fine alla guerra". Mosca chiude il gas alla Finlandia.

Cerca nel sito