MENU
29 Novembre 2022 18:53
29 Novembre 2022 18:53

Scoperti rifiuti radioattivi in un cassonetto, si indaga sui responsabili

Schermata 2015-11-16 alle 09.08.29In un cassonetto in via Minniti, tra via Mazzini e via Principe Amedeo qualcuno ha buttato una sostanza radioattiva del genere  ‘Iodio 131′, che viene utilizzata usata principalmente nel settore medico e farmaceutico . Sul posto sono intervenuti la polizia municipale che hanno temporaneamente interdetto l’area al traffico ed i vigili del fuoco.

La segnalazione è arrivata grazie al nuovo sistema di rilevamento di rifiuti radioattivi  attivato recentemente all’ingresso dell’impianto di smaltimento rifiuti Cisa spa a Massafra, dove vengono conferiti i rifiuti, cioè  lo stesso impianto per cui un giornalista disinformato de il nuovo Quotidiano di Puglia ed i soliti ambientalisti e grillini avevano gridato allo scandalo (ma ora tacciono !!!) .

Schermata 2015-11-16 alle 09.08.13I dipendenti dell’AMIU una volta scoperta la presenza dello Iodio 131   sono poi rientrati in città per individuare il cassonetto in cui era stato depositato il materiale radioattivo. L’ AMIU Taranto ha quindi ritenuto opportuno e necessario bloccare quattro autocompattatori per sottoporli a bonifica. Ci auguriamo che le competenti autorità sanitarie e le forze dell’ordine effettuino i dovuti approfonditi accertamenti per identificare il responsabile dell’ abbandono dei rifiuti radioattivi.

L’Amministrazione comunale di Taranto  con un comunicato stampa rivolto ai cittadini , ha ricordato che è severamente vietato conferire i rifiuti speciali derivanti da trattamenti radioterapici con Iodio 131  nei cassonetti stradali riservati ai  rifiuti solidi urbani. Si avvertono, pertanto, i cittadini sottoposti a tali trattamenti a contattare direttamente l’AMIU al numero 366-6873290, oppure gli Uffici del Gabinetto del Sindaco del Comune di Taranto ai numeri 099-4581625/609/606 o l’ASL per ricevere informazioni  le indicazioni per lo smaltimento corretto di questi rifiuti speciali contenenti scorie derivanti dal trattamento medico (pannoloni, lenzuola, indumenti, ecc).

Schermata 2015-11-16 alle 09.11.38

Proprio l’inosservanza delle regole di conferimento di questo tipo di rifiuti ha causato in questi ultimi giorni il blocco dei quattro autocompattatori dell’AMIU presso  l’impianto CISA perché  contenente appunto materiale  isotopo radioattivo. Quotidianamente,infatti,  presso l’ingresso di CISA gli autocompattatori vengono controllati da specifiche apparecchiature di rilevamento.  A seguito dell’ attività di accertamento effettuate dall’AMIU,  è stato possibile definire che il conferimento del rifiuto radioattivo, che ha causato il blocco dei compattatori, è avvenuto in un cassonetto stradale posto all’incrocio tra via Minniti e via Mazzini. Pertanto, il paziente (o la paziente) sottoposto a trattamento radioterapico, che ha nei giorni scorsi conferito i rifiuti speciali in questa zona, è invitato a contattare tempestivamente i numeri segnalati per seguire le indicazioni sul corretto conferimento, evitando in tal modo il blocco di altri autocompattatori dell’AMIU. E’ assicurata ogni forma di riservatezza.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
La Procura di Taranto indaga sui concorsi pilotati all' AMIU, l'azienda municipalizzata per l'ambiente.
L'omicida delle escort a Roma aveva filmato l'uccisione delle donne cinesi. Nel cellulare trovati foto e video "raccapriccianti"
Archivi
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Ischia: la memoria smarrita di Giuseppe Conte
Il Cda della Juventus si è dimesso. Lascia anche il presidente Andrea Agnelli
Poste Italiane ottiene la certificazione "Equal-Salary" per le politiche salariali tra donne e uomini

Cerca nel sito