MENU
8 Febbraio 2023 12:40
8 Febbraio 2023 12:40

Roma. Zingaretti e Raggi indagati dalla Corte dei Conti

La Procura della Corte dei conti ha chiuse le indagini notificato 37 inviti a dedurre. Ipotizzato un danno erariale da 90 milioni di euro. La chiusura dell'indagine contabile della Procura della Corte dei Conti era attesa, considerato che “l'affaire palazzo” del grattacielo che guarda l'Eur accanto al grattacielo Eurosky e che era stato venduto già inagibile nel 2012: quindi dalla firma del rogito sono passati qualcosa come 8 anni in cui tutti sapevano che da un giorno all'altro si sarebbe arrivati a questo punto.

La Guardia di Finanza, su incarico della Corte dei Conti del Lazio, ha notificato l’invito a dedurre, atto equivalente alla chiusura dell’indagine nei confronti di 37 persone, nel procedimento relativo alla vicenda del palazzo della Provincia di Roma, all’ Euro, creato nel 2012 dal costruttore Luca Parnasi.

L’immobile, una torre di 32 piani “risultata per altro inagibile e quindi inutilizzabile” era stata usata dal Fondo Immobiliare Provincia per circa 263 milioni di euro.

L’ex presidente di Palazzo Valentini , oggi governatore del Lazio e segretario nazionale del Partito Democratico, ha ricevuto un invito a dedurre sull’acquisto del palazzo dalla Corte dei Conti . In poche parole tutto questo vuol dire che Zingaretti in veste di presidente della Regione Lazio è indagato dalla magistratura contabile laziale.

Tra le persone colpite dal provvedimento dei magistrati contabili compare anche il Sindaco di Roma, Virginia Raggi la disattenta sindaca dell’Area Metropolitana di Roma a cui viene contestato di aver rinnovato il business di Parnasiconcludendo la procedura per selezionare la nuova Sgr, individuata in Antirion, che il 13.09.2019 è formalmente subentrata alla Bnp nella gestione del Fondo”, come si legge nell’invito a dedurre della Corte di Conti. Il danno erariale è di circa 90 milioni di euro.

Virginia Razzi e Nicola Zingaretti

“A distanza di 7 anni dalla costituzione del Fondo – si legge nell’invito a dedurre – “sono stati dismessi solamente 7 complessi immobiliari, conseguendo dalla vendita euro 169.779.686, a fronte del valore in sede di apporto stimato in euro 193.937.000”; pertanto l’introito “è stato inferiore di euro 24.157.132”. Inoltre “ad eccezione delle due caserme dei Carabinieri, i proventi dalla vendita degli immobili dismessi sono stati nettamente inferiori al valore iniziale di conferimento”, mentre “al 31.12.2019 risultano ancora da dismettere ben 10 immobili che hanno subito una forte svalutazione pari ad euro 29.099.000”.

Nell’invito a dedurre la Procura della Corte dei Conti scrive che il “danno erariale subito dalla provincia di Roma è per un importo determinato quantificabile in circa 90 milioni di euro, derivante per 69 milioni di euro dagli oneri gestionali e finanziari di cui l’ente ha dovuto far fronte allo scriteriata scelta di affidarsi ad uno strumento finanziario (Fondo Immobiliare) così complesso e oneroso, oltre 20 Milioni di euro dagli ulteriori oneri, Spese di Gestione della nuova sede e canoni di locazione passiva, sopportati a cagione della inutilizzabilità dell’immobile individuato quale nuova sede unica“.

La chiusura dell’indagine contabile della Procura della Corte dei Conti era attesa, considerato che “l’affaire palazzo” del grattacielo che guarda l’Eur accanto al grattacielo Eurosky e che era stato venduto già inagibile nel 2012: quindi dalla firma del rogito sono passati qualcosa come 8 anni in cui tutti sapevano che da un giorno all’altro si sarebbe arrivati a questo punto.

Ecco i nomi degli altri indagati insieme a Zingaretti e la Raggi, ai quali non basterà la polizza assicurativa per un risarcimento in caso di condanna definitiva : Amalia Colaceci attuale presidente Cotral, insieme a Maurizio Venafro (ex capo di gabinetto di Zingaretti) e Mauro Alessandri, Massimiliano Smeriglio, Michele Civita , Patrizia Prestipino , Giuliano Pacetti, Paolo Ferrara e Maria Teresa Zotta.

l’ on. Claudio Durigon ( Lega )

Claudio Durigon, coordinatore della Lega nella Capitale, attacca la malagestione romana: “Zingaretti, sempre assente alla Pisana e in giunta, ha continuato a fare danni anche in Regione Lazio, basta pensare all’ultimo scandalo del ‘mascherina-gate’ e alla condanna del suo ex capo di gabinetto, Maurizio Venafro, nel processo “Mondo di mezzo”. Speriamo che vada via al più presto e che la magistratura vada fino in fondo”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Dopo il terremoto in Turchia e l'allerta tsunami, Treni fermi un'ora in Sicilia, Calabria e Puglia . Allerta della Polizia di Bari: possibili onde di maremoto
Arresti nella notte a Napoli: blitz al clan Mazzarella, le mani della camorra sulla benzina
Meloni all' evento per Rocca: "Lo Stato non tratta con mafia e chi lo minaccia". 
Reddito di cittadinanza, maxi-truffa a Roma: 61 denunciati per "false dichiarazioni"
La lettera del premier Meloni al Corriere della Sera sul caso Cospito
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito