MENU
29 Settembre 2022 03:09
29 Settembre 2022 03:09

Presidio di solidarietà della Fiom di Taranto per l’ Ast di Terni

L’iniziativa è stata decisa in vita dello sciopero nazionale dei metalmeccanici del prossimo 21 novembre

La Fiom di Taranto insieme ad altre categorie della Cgil manifesteranno venerdì prossimo con  un presidio di fronte alla Prefettura di Taranto  per rivendicare il legitimo “diritto a manifestare senza essere aggrediti, in solidarietà ai lavoratori dell’ Ast di Terni e a sostegno della loro vertenza, per salvare l’ Ilva, la siderurgia e il lavoro manifatturiero in Italia, per riaccendere i riflettori su vertenze tarantine come quella dei lavoratori di Marcegaglia nuovamente precipitata nell’emergenza’’.

L’iniziativa è stata organizzata in vista dello sciopero nazionale dei metalmeccanici che si terrà con la manifestazione a Napoli il 21 novembre.  Il sindacato vuole dire  “no al Jobs Act, no alla legge delega. Si estenda a tutti e a tutte l’art. 18 e lo Statuto dei diritti dei lavoratori. No al demansionamento e alla video sorveglianza». Nel corso del presidio, che avrà inizio alle 9.30, prenderanno la parola i delegati della Fiom, il segretario della Cgil di Taranto Giuseppe Massafra, il segretario della Fiom di Taranto Donato Stefanelli. La Cgil e la Fiom di Taranto chiederanno un incontro al Prefetto Guidato.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Rivoluzione bollette: saranno mensili per 7 milioni di famiglie.
Poste Italiane conquista la doppia "A” di Morgan Stanley e debutta nell'indice dello Stoxx Global Esg Leaders
Oltre 580 mila posti di lavoro a rischio nel 2023 a causa del caro gas ed elettricità
L’Istituto per il Credito Sportivo e la Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del MIC per un concreto sostegno al settore cinematografico
Poste: Del Fante, con LIS Holding 55mila nuovi punti di contatto con 5 milioni di visite al giorno
Assolta l'ex-segretaria del presidente della Confcommercio: "le accuse di Sangalli inattendibili e fantasiose. Voleva coprire la realtà"
Archivi
Governo Meloni, il vero totoministri (e non pilotato...)
Montecitorio accoglie i nuovi deputati dal 10 ottobre
Dopo Totti e la Blasi, si separano anche Alessia Marcuzzi ed il marito Paolo Calabresi
Arrivano le stangate sulle bollette: quella della luce a ottobre rischia un aumento del 60%, senza interventi del governo del 100%. Quella del gas del 70%
Rivoluzione bollette: saranno mensili per 7 milioni di famiglie.

Cerca nel sito